Regolamento   ●   Registrati al forum   ●   Non riesci ad accedere ad alcune sezioni?   ●   Funicard la carta per gli appassionati   ●   Sostieni Funivie.org   ●   Pubblicità   ●   Assistenza
Per cercare solo nel forum usare il modulo sotto.
Pagina 1 di 4 1234 UltimaUltima
Risultati da 1 a 40 di 154
  1. Top | #1
    * Utente GOLD * L'avatar di campolino
    Data Registrazione
    Feb 2004
    Località
    Firenze Le Regine (PT)
    Messaggi
    1,536
    Mentioned
    21 Post(s)

    Predefinito LAVIS Funivia "Direttissima della Paganella"

    Fino a non molti anni fa' partiva da Lavis (Tn) una funivia che dopo un
    percorso molto ardito raggiungeva la cima della Paganella. Questa Funi-
    via venne innaugurata nel maggio del 1956 .
    Per molti anni è rimasta in servizio, poi non conosco per quale motivo,
    è stata dismessa.
    Chi ha notizie più precise su questo storico impianto? Da chi fù costruita?
    Ciao
    Campolino

  2. Top | #2
    Utente Junior L'avatar di Leo
    Data Registrazione
    Dec 2003
    Località
    Trento Fassa Italia UE
    Messaggi
    58
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    intendi l'impianto di zambana?

    io so che nel 1955 un'immane frana caduta dal monte sovrastante distrusse in pratica tutto il villaggio di Zambana, compresa la stazione di partenza della funivia per Fai, un evento che ebbe vasta eco sulla stampa nazionale. Il paese fu fatto sgomberare e ricostruito più a valle.

    Quest' inverno era uscita la notizia di un nuovo progetto di ricostruzione di una funivia da Zambana all'altopiano della Paganella, tale impianto rilancerebbe il turismo nel paese e allegerirebbe il traffico dalla valle dell'adige all'altopiano

  3. Top | #3
    * Utente GOLD * L'avatar di campolino
    Data Registrazione
    Feb 2004
    Località
    Firenze Le Regine (PT)
    Messaggi
    1,536
    Mentioned
    21 Post(s)

    Predefinito

    Non mi riferisco alla funivia di Zambana, ma proprio alla funivia che partiva da Lavis e che era chiamata "direttissima della Paganella".
    Questo impianto molto ardito, lo si poteva vedere sulla sinistra della
    Autostrada del Brennero dopo l'uscita di Trento in direzione di S. Michele
    all'Adige, all'incirca all'altezza dove il fiume Avisio si getta nell'Adige.
    Era costituito da un unico tronco, credo in due o tre campate. Il pilone
    o i piloni erano a metà percorso sulla roccia.
    Campolino

  4. Top | #4
    * Utente GOLD *
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    QUEBEC , Trento
    Messaggi
    3,543
    Mentioned
    28 Post(s)

    Predefinito

    Dopo la distruzione della Zambana-Fai venne costruita la direttissima per la Paganella. Non so quando è stata smantellata, ma io non l'ho mai fatta. Credo intorno alla fine degli anni 70. Comunque i miei genitori l'hanno fatta, ed era arditissima ( 1900m di dislivello in un'unica campata). Credo che sia sempre stata un "buco" economico, e con portata bassissima. La stazione a valle è ancora visibile a poche centinaia di m dall'autostrada di fronte a Lavis. Il progetto invece di rifare l'impianto per Fai è roba attuale.

  5. Top | #5
    Utente L'avatar di malagutista
    Data Registrazione
    Jan 2004
    Località
    Alpi centrali
    Messaggi
    323
    Mentioned
    2 Post(s)

    Predefinito

    Mio padre (ragioniere) mi raccontó la seguente storia (abbastanza curiosa):

    Fu necessario cambiare la fune dell'impianto, quindi il geometra dell'impianto ordinó la fune. Quando arrivó la fune si scoprí che era stata ordinata troppo lunga di 50 metri. Quindi il geometra fece tagliare questi 50 metri e poi, al momento del motaggio, si riveló che la fune era stata accorciata 10 metri di troppo. Quindi la societá licenzió il geometra e non riaprí mai piú la funivia.

    Per un bambino (come ero allora) la storia suona plausibile e in un certo modo simpatica. E a mio padre piaceva raccontarmi di questi "incidenti", cioé di tecnici che per qualche errore di calcolo erano in grado di mandare in ballotta un'azienda, soprattutto a lui come ragioniere, probabilmente perché a lui non sarebbe mai potuto succedere una cosa simile
    Non só quanto ci sia di vero in questo racconto (anche perché sono sicuro che anche oggi mi ripeterebbe la stessa versione), anche perché oggi só che le funivie necessitano di un pezzo di fune di riserva, quindi un taglio della fune troppo corto di alcuni metri comporterebbe una fune di riserva corta e perció magari il cambio della fune anticipato, ma sicuramente non l'immediata chiusura dell'impianto...

    Comunque mi interesserebbe sapere quanto c'é di vero in questa storia e quali siano stati i veri motivi per la chiusura dell'impianto, anche perché a ogni passaggio in autostrada mi incuriosisce la stazione di valle in mezzo al prato, perché é vermante impressionante pensare che l'impianto saliva fino in cima al monte.

  6. Top | #6
    MODERATORE GLOBALE L'avatar di PIEMONTE_FUNIVIE
    Data Registrazione
    Oct 2003
    Località
    Gaggiano - Milano
    Messaggi
    380
    Mentioned
    23 Post(s)

    Predefinito

    Ciao a tutti; la storia di questa funivia nasce nel 1925, quando venne aperta la funivia Zambana-Fai, costruita su progetto dell’ ing. Wisniska di Bressanone. Questo fu il primo impianto turistico che iniziò la scalata della Raganella;
    la funivia aveva le seguenti caratteristiche:
    Lunghezza: 2130 m.
    Dislivello: 760 m.
    Velocità: 2,5 m/s
    Potenza: 50 CV
    N° cabine: 2
    Capienza cabine: 14 persone
    N° sostegni: 12 in cemento armato.
    La fune portante era unica, mentre le traenti erano 2

    Nel 1930 venne inaugurato il secondo tronco: Fai-Dosso Larici, simile al primo in alcune soluzioni tecniche.
    Dotato di una stazione intermedia in località La rocca, l’ impianto aveva due sezioni identiche.
    Caratteristiche dell’ impianto:
    Lunghezza: 2930 m.
    Dislivello: 872 m.
    Capienza cabine: 10 persone
    N° sostegni: 6


    Nel 1955 un’ enorme frana distrusse gran parte del primo tronco (Zambana-Fai) interrompendo così il collegamento da zambiana a Fai: ma la volontà dei trentini, oltre alla loro vocazione turistica permise la realizzazione della “Direttissima della Paganella”.
    Nel 1957 in Trentino vede la luce un’ ardita funivia dalle caratteristiche record: Nasce la “Direttissima della Paganella”, impianto in tronco unico che permette l’ ascesa diretta alla Paganella.
    La stazione a Valle venne ubicata a Lavis, in prossimità della valle sinistra dell’ Adige a 220 m. di altezza. La stazione a monte venne posizionata a 2080 m. di altezza, le funi devono appoggiarsi solo per mezzo di due piloni. Il primo venne ubicato alla sommità del muro verticale che s’ innalza a strapiombo, formando il primo gradone roccioso. Dal primo al secondo e ultimo sostegno si ha un’ altro sorvolo, essendo anche quest’ ultimo pilone posizionato su un gradone. Ultimo sorvolo, dal pilone numero 2 alla stazione a monte, ubicata sul ciglio di una parete verticale.
    Progettista di questo ardito impianto, che veniva anche chiamato “l’ ascensore delle Dolomiti” fu il prof. Ugo Carlevaro, mentre i rilievi geologici vennero eseguiti dal prof Ardito Desio e alla costruzione vide all’ opera anche la ditta Ing. Giuseppe Rosnati di Milano.

    Caratteristiche tecniche dell’ impianto:
    Lunghezza:3383 m.
    Dislivello:1860 m.
    Velocità: 8 m/s
    Pendenza massima: 105%
    Diametro funi portanti: 48 mm.
    Diametro funi traenti: 28 mm.
    Capienza cabine: 40 persone
    Peso cabine:1350 Kg
    N° sostegni:2
    Durata del percorso: 8 minuti

    L’ impianto ha chiuso da molti anni, e la stazione a valle non è più avvicinabile essendo diventata di proprietà di una ditta che la usa per la sua attività.
    La stazione a monte è ancora esistente, riempita di ripetitori e visibile da chi percorre l’ autostrada del Brennero o sosta nelle relative aree di servizio Paganella Est e/o Ovest.

    Vi mando alcune foto:




    Ecco come si presenta attualmente la stazione a monte......


    Spero di poter aver chiarito qualche dubbio riguardo a quest’ impianto che mi ha sempre appassionato (so quasi tutto a memoria su di lui).

    Ciao ciao.

  7. Top | #7
    * Utente GOLD * L'avatar di campolino
    Data Registrazione
    Feb 2004
    Località
    Firenze Le Regine (PT)
    Messaggi
    1,536
    Mentioned
    21 Post(s)

    Predefinito

    complimenti, complimenti e ancora complimenti!
    Mi riferivo proprio a questo splendido impianto
    ciao
    Campolino

  8. Top | #8
    * Utente GOLD *
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    QUEBEC , Trento
    Messaggi
    3,543
    Mentioned
    28 Post(s)

    Predefinito

    Ma perchè chiuse di preciso? E quando? Forse anche perchè arrivava troppo lontano dagli impianti? O c'era un'altro impianto a monte tra l'arrivo e la cima vera e propria? ( dove arrivano gli altri impianti )

  9. Top | #9
    Utente Junior
    Data Registrazione
    Aug 2003
    Località
    Fontaniva PD
    Messaggi
    84
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    Anch'io, da amici trentini, ho sentito raccontare l'anneddoto della fune corta che causò la chiusura definitiva dell'impianto

  10. Top | #10
    New entry
    Data Registrazione
    Jan 2004
    Località
    cesate (MI)
    Messaggi
    27
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    Incredibile, 1900 m di dislivello, non pensavo si potesse arrivare a tanto! Era l'impianto con il maggiore dislivello del mondo?

  11. Top | #11
    * Utente GOLD * L'avatar di gioto
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    Trieste
    Messaggi
    310
    Mentioned
    11 Post(s)

    Predefinito

    Riordinando le cartoline è staltata fuori anche questa!

    Ciao,
    Giovanni


  12. Top | #12
    ADMIN L'avatar di Paolo
    Data Registrazione
    Jul 2003
    Messaggi
    20,943
    Mentioned
    164 Post(s)

    Predefinito

    Ma nel 1990 era ancora aperta? Chissà quante volte che ci sono passato vicino allora in autostrada....

  13. Top | #13
    Utente Sapiens
    Data Registrazione
    Jun 2004
    Località
    Church In Malenco Valley
    Messaggi
    564
    Mentioned
    2 Post(s)

    Predefinito

    se non sbaglio la stazione e i tralicci ci sono ancora vero??

  14. Top | #14

  15. Top | #15
    Utente Junior
    Data Registrazione
    May 2004
    Località
    Bologna/Modena /st.Moritz
    Messaggi
    60
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    E le cabine

  16. Top | #16
    * Utente GOLD *
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Messaggi
    192
    Mentioned
    16 Post(s)

    Predefinito

    Guardate....
    io mi ricordo che quando andavo in montagna a Corvara e facevo l'autostrada del Brennero , dopo la galleria di Trento avevo sempre la testa ruotata a sinistra verso la Paganella per vedere la funivia (guidava mio padre ).
    Mi ricordo quanto segue:
    i cavi li ho visti fino al 1987.
    mi sembra proprio che i cavi li abbiano tolti nel 1988.
    Questo lo ricollego anche al fatto che a Brescia i cavi li hanno tolti nell '86(la funivia di Brescia era del '55) e il dispiacere l'ho riscontrato poco tempo dopo sulla Paganella, ma non credo oltre l'88.( la funivia della Paganella era del '56).
    ...posso sbagliarmi chiaramente ... avevo 13-14 anni!!!

  17. Top | #17
    * Utente GOLD * L'avatar di gioto
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    Trieste
    Messaggi
    310
    Mentioned
    11 Post(s)

    Predefinito

    Mi è appena arrivata un'ulteriore cartolina che raffigura l'impianto in tutta la sua spettacolarità.



    Ciao!
    Giovanni T.

    "vuolsi così colà ove si puote ciò che si vuole, e più non dimandare"

  18. Top | #18
    * Utente GOLD *
    Data Registrazione
    Aug 2003
    Località
    Roma
    Messaggi
    638
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    10 e lode alla cartolina e, naturalmente, alla direttissima della Paganella ...secondo me l'impianto più ardito mai costruito in italia

  19. Top | #19
    Utente Junior
    Data Registrazione
    Nov 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    187
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    Sì, la Paganella è uno dei + grossi centri sciistici del Trentino: x salire in cima alla Paganella ora bisogna andare con la macchina fino a Fai della Paganella o Andalo, e poi ci sono rispettivamente: da Fai 3 tronchi di seggiovia (1 SA4 Doppelmayr + 2 S2 Nascivera), da Andalo 1 di cabinovia (originale Agudio con cabine Pininfarina! dovrebbero cambiarla l'anno prossimo.... ) + 1 di una nuova SA4 Doppelmayr costruita in sostituzione di una vecchia biposto Nascivera.


    Se ti interessa altro questo è il sito ufficiale del Consorzio Skipass della Paganella:
    www.paganella.net

    Ciao
    Ciro

  20. Top | #20
    * Utente GOLD *
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    QUEBEC , Trento
    Messaggi
    3,543
    Mentioned
    28 Post(s)

    Predefinito

    Scusate se mi intrometto, ma al di là del fatto che sarebbe una salita molto suggestiva questo impianto non lo vedo molto. Innanzitutto per avere un minimo di senso come arroccamento agli impianti dovrebbe avere almeno 3000 p/h, altrimenti la sera la gente aspetterebbe di scendere da in cima alla Paganella per ore. Ed una funivia va e vieni con tale portata su tale lunghezza credo sia assolutamente improponibile. Inoltre sarebbe solamente un semplice arroccamento, per cui per definizione in passivo. E fare passivo su un impianto da 50 mld è un bel buco. A meno di non farlo pagare a parte sullo skipass, ma in quel caso non lo prenderebbe nessuno perchè il biglietto solo per coprire i costi dovrebbe stare a non meno di 15-20€, più l'incasso sul bip dello skipass.
    E poi sai che paura a prenderlo, è un salto nel vuoto! Se proprio vi va di provare emozioni forti lanciatevi dalla Paganella in parapendio.

  21. Top | #21
    * Utente GOLD *
    Data Registrazione
    Aug 2003
    Località
    Roma
    Messaggi
    638
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    Hai pienamente ragione, infatti il mio è un discorso puramente nostalgico e non tecnico-economico...però guardando la cartolina mi viene una gran voglia di salirci sopra, vorrà dire che proverò il parapendio

  22. Top | #22
    * Utente GOLD * L'avatar di campolino
    Data Registrazione
    Feb 2004
    Località
    Firenze Le Regine (PT)
    Messaggi
    1,536
    Mentioned
    21 Post(s)

    Predefinito

    un altro omaggio a questa storica funivia

  23. Top | #23
    Utente L'avatar di malagutista
    Data Registrazione
    Jan 2004
    Località
    Alpi centrali
    Messaggi
    323
    Mentioned
    2 Post(s)

    Predefinito

    C'é una cosa... si tratta di una mia curiositá personale, visto che che da mesi questo tpoic sulla Paganella é online, all'inizio si era parlato dell'anedota che gira nel Trentino sulla chiusura dell'impianto (da leggere all'inizio del topic). Peró in tutti questi mesi nessuno ha saputo (o voluto)dare informazioni sul vero motivo della chiusura dell'impianto.

    Io ho provato a chiedere a "veterani" :| , peró neanche loro hanno saputo (o voluto) darmi informazioni.

    Beh, se qualcuno dovesse sapere qualcosa a proposito, sarebbe una gran cosa sapere quanto c'é di vero nell'anedota :wink:
    Non esistono problemi. Esistono solo soluzioni.

  24. Top | #24
    ADMIN L'avatar di Paolo
    Data Registrazione
    Jul 2003
    Messaggi
    20,943
    Mentioned
    164 Post(s)

    Predefinito

    La stazione a monte della Paganella (l'argano c'è ancora?):


  25. Top | #25
    * Utente GOLD *
    Data Registrazione
    Aug 2004
    Località
    Lecco
    Messaggi
    815
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    Ecco un articolo di giornale riguardante la funivia (in cui si menziona anche www.funivie.org):
    QUI
    Si parla della "storia della fune tagliata".

    Credo che questo impianto, se fosse in funzione, sarebbe il più ardito del mondo mettendo insieme le caratteristiche di lunghezza, dislivello, altezza massima, ecc. Tra l'altro credo che la pendenza del cavo sul pilone sia da record assoluto.
    Direi che solo la funivia dello Zugspitze ha caratteristiche analoghe.
    Sarebbe davvero bello rivederla vivere un giorno, magari con cabine da 200 posti oppure quelle che girano su se stesse: sarebbe sbalorditivo!
    DIEGO

  26. Top | #26
    MODERATORE GLOBALE
    Data Registrazione
    May 2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,048
    Mentioned
    10 Post(s)

    Predefinito

    Io penso che la società prima o poi la ricostruisce o con una va e vieni o con una cabinovia 2s o 3s. E' vero che costa molto, ma sarebbero molti i turisti e gli abitanti di trento che anzi che prendere la macchina e arrivare a monte bondone in 15 minuti sarebbero su, per non parlare delle piste che sono il doppio. Probabile che un progetto già ci sia e che stiano aspettando di finire a monte gli impianti per poi farla, bisognerebbe chiedere....
    Secondo me rifare la fai - zambana non servirebbe a niente in quanto già ci sono le seggiovie che servono la zona e si avrebbero più impianti sulla stessa zona e sarebbe uno spreco di soldi che potrebbero rimanere utili per altri progetti.

    ciao

  27. Top | #27
    ADMIN L'avatar di Paolo
    Data Registrazione
    Jul 2003
    Messaggi
    20,943
    Mentioned
    164 Post(s)

    Predefinito

    In quella tratta c'è assolutamente troppo vento, è addirittura stato abbassato il limite di velocità in autostrada per pericolo vento; l'unica soluzione sarebbe un 3s; rifare l'impianto vorrebbe dire togliere tutti i turisti alla zona di fai che naturalmente non gradirebbe assolutamente; per ora non c'è nessun progetto.

  28. Top | #28
    MODERATORE GLOBALE
    Data Registrazione
    May 2005
    Località
    Roma
    Messaggi
    1,048
    Mentioned
    10 Post(s)

    Predefinito

    Non ci sarebbe nessun problema spostando la stazione di valle a trento così che fai non avrebbe problemi anche perchè se vai in montagna non vai nella città di certo e quindi la gente continuerebbe a salire a fai e andalo. Per il vento si potrebbe rimediare o con una 3s o con un funifor più stabile delle va e vieni.

  29. Top | #29
    MODERATORE L'avatar di BALLA77
    Data Registrazione
    Jan 2005
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    3,049
    Mentioned
    22 Post(s)

    Predefinito

    RIFARLO ASSOLUTAMENTE. Con le tecnologie che ci sono oggi non ci sarebbero i problemi che c'erano nel 70! impianto spettacolare e soprattutto comodo! non l'averbbero battezzata con quel nome altrimenti! e poi con tutti i finanziamenti erogati per impianti inutili dallo stato si potrebbe finanziare anche questo no? uno più uno meno che male fa?

  30. Top | #30
    * Utente GOLD * L'avatar di Werner
    Data Registrazione
    Aug 2004
    Località
    Ortisei (BZ)
    Messaggi
    1,875
    Mentioned
    105 Post(s)

    Predefinito

    l impianto "giusto" sarebbe un funitel.
    Si addice a percorsi ripidissimi, anche verticali,
    si addice a dislivelli e portate altissime,
    vento no problem
    velocità abbastanza alta.
    costo tutto sommato accettabile a causa del tracciato idoneo.

    probabilmente appena la Paganella entra in un consorzio ampio come il dolomiti superski converrà rifare la direttissima. Adesso invece non sembra conveniente.

  31. Top | #31
    * Utente GOLD * L'avatar di Werner
    Data Registrazione
    Aug 2004
    Località
    Ortisei (BZ)
    Messaggi
    1,875
    Mentioned
    105 Post(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pmghisalberti
    Ma scusate a fronte di un investimento molto elevato con costi di gestione non trascurabili, secondo voi si potrebbe "appesantire" il costo dello ski pass o, sperare a parità prezzo, in un aumento delle presenze tale da giustificare tutto ciò.
    I meccanismi regolatori dei flussi di persone sono interessantissimi.

    Con skipass locale vale che bisogna stare attenti che il nuovo impianto "attragga" di più (persone e/o soldi) di quanto costa (passaggi).

    Con skipass universale invece vale che una zona deve tentare di attrarre sciatori e farli fare tanti passaggi. è praticamente irrilevante se il big-skipass aumenti o nò di attrattività (persone e/o soldi). Il prezzo del giornaliero rimane invariato. Ci rimettono le altre zone.
    Questo meccanismo perverso costringe le altre zone a fare altrettanto per non soccombere.

  32. Top | #32
    * Utente GOLD *
    Data Registrazione
    Jun 2004
    Località
    Prov.Brescia
    Messaggi
    1,608
    Mentioned
    3 Post(s)

    Predefinito

    Non vorrei spegnere gli entusiasmi, ma secondo me quell'impianto non verrà mai più rifatto..
    Anzi, da quanto ho letto sulla stampa nemmeno la cabinovia Zambana/Fai sembra essere tra le priorità, almeno per il comune di Zambana, visto che hanno altre "beghe" politiche da risolvere.
    Sempre rimanendo in tema di "Paganella", ho anche letto di recente che il comune di Cavedago vorrebbe proporre la costruzione di una seggiovia dal paese verso il comprensorio sciistico di Fai-Andalo...ma nemmeno questo sembra essere prioritario.
    Mi sa che resterà tutto sulla carta, così come (temo) un progetto come la ricostruzione della Direttissima.

    ps: Werner ha osservato che non sarebbe conveniente per la ski-area rifare la funivia almeno finchè non entrerà a far parte di un circuito maggiore. Per ora è parte del comprensorio Skirama Dolomiti-Adamello Brenta, che è 1/3 del Dolomiti superski.
    Sicuramente vado off-topic, ma la cosa mi incuriosisce: qualcuno ha idea se in futuro sia ipotizzabile una possibilità di fusione, se non proprio fra Adamello-Brenta e Dolomiti Superski, almeno fra Adamello-Brenta e Ortler Skiarena, o addirittura una mega-fusione dei 3 ?

    ...mi sa che sto viaggiando troppo con la fantasia...

  33. Top | #33
    * Utente GOLD * L'avatar di Werner
    Data Registrazione
    Aug 2004
    Località
    Ortisei (BZ)
    Messaggi
    1,875
    Mentioned
    105 Post(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da simon70
    qualcuno ha idea se in futuro sia ipotizzabile una possibilità di fusione, se non proprio fra Adamello-Brenta e Dolomiti Superski, almeno fra Adamello-Brenta e Ortler Skiarena, o addirittura una mega-fusione dei 3 ?

    ...mi sa che sto viaggiando troppo con la fantasia...
    Visto il mistrerioso improvviso interesse di certi dirigenti di includere come gemellaggio il Brenta nel Dolomiti Superski,
    non è affatto utopico parlare di futura fusione.

  34. Top | #34
    * Utente GOLD *
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    QUEBEC , Trento
    Messaggi
    3,543
    Mentioned
    28 Post(s)

    Predefinito

    Trento è proprio sotto la Paganella? Come roma sotto il gran Sasso!!!
    Scherzi a parte così a occhio dalla partenza della funivia di Sardagna alla Paganella saranno occhio e croce 10 km in linea d'aria. Comunque tra l'impianto per fai e per la vetta credo che non vi siano dubbi sull'utilità e sulle priorità ( cioè per Fai). Per quanto riguarda il Dolomiti Superski ora cerca l'accordo con lo skirama, ma qualche anno fa, sbagliando completamente, ha permesso che lo skirama crescesse, rifiutando la Paganella e Folgaria. Così invece che alleate si è ritrovata contro 2 enormi bacini di utenti giornalieri...

  35. Top | #35
    MODERATORE L'avatar di pmghisalberti
    Data Registrazione
    Jun 2004
    Località
    Provincia di Bergamo
    Messaggi
    4,306
    Mentioned
    34 Post(s)

    Predefinito

    Federico ha interpretato correttamante il mio pensiero.
    Aggiungo che essendo un arroccamanto dovrebbe avere grandi portate per poche ore, insomma una struttura poco sfruttatta e non credo facilamante realizzabile.
    L'unica strada serebbe quella di ottenere finaziamanti sia per la costruzione che per la gestione come impiato di trasporto pubblico spingendo sulla "valenza" ambientele (meno inquinamento) della struttura. Forse a Trento ci potrebbero anche riuscire convincendo preventivamante le associazioni ecologiste

  36. Top | #36
    MODERATORE L'avatar di BALLA77
    Data Registrazione
    Jan 2005
    Località
    Piacenza
    Messaggi
    3,049
    Mentioned
    22 Post(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pmghisalberti
    Federico ha interpretato correttamante il mio pensiero.
    Aggiungo che essendo un arroccamanto dovrebbe avere grandi portate per poche ore, insomma una struttura poco sfruttatta e non credo facilamante realizzabile.
    L'unica strada serebbe quella di ottenere finaziamanti sia per la costruzione che per la gestione come impiato di trasporto pubblico spingendo sulla "valenza" ambientele (meno inquinamento) della struttura. Forse a Trento ci potrebbero anche riuscire convincendo preventivamante le associazioni ecologiste
    OK però riflettiamo un attimino.
    Si tratta di un arroccamento giusto? Ora se di ciò si tratta molto probabilmente esso risquoterà un discreto interesse verso la clientela che potrà usufruire più rapidamente degli impianti serviti di conseguenza non ci sarebbe necessità di attirare clienti poichè l'impianto stesso farebbe nuove conquiste. Ovvio che quasi sicuramente da solo non si ripagherà mai ma verrà ripagato dagli utenti aggiuntivi che sfrutteranno gli altri impianti. Ciò ovviamente accade solo se l'arroccamento è effettivamente necessario oppure se oggi non è richiesto ma potrebbe costituire un servizio aggiuntivo appetibile per nuova clientela.
    Il finanziamento come trasporto pubblico è sicuramente un'alternativa valida ad abbattere i costi di gestione, ma mi sembra però una forzatura. Tutti gli arroccamenti o quasi sono costretti a lavorare in perdita, se passasse questo tipo di finanziamento allora tutti richiederebbero il finanziamento per trasporto pubblico scaricando su "pantalone" i costi di gestione e incassandosi i maggiori ricavi degli altri impianti. O l'impianto è utile o altrimenti non s'ha da fare. Altrimenti si ricade nel solito comportamento di fare impianti inutili o sovradimensionati solo perchè finanziati dal pubblico.

  37. Top | #37
    MODERATORE L'avatar di pmghisalberti
    Data Registrazione
    Jun 2004
    Località
    Provincia di Bergamo
    Messaggi
    4,306
    Mentioned
    34 Post(s)

    Predefinito

    Esatto, ho esposto solo una possibile "strada finazianziaria" per realizzare l'opera non ho detto che la condividerei,
    Va detto che con l'impianto si terrebero le auto nella valle dell'Adige quindi la valenza ambientale potrebbe pure funzionere (magare con tanto di interscambio con la ferrovia), con un buon "venditore" ci si mette pure il "protocollo di Kyoto" che è destinato a diventare il prezzemolo di molte iniziative ambientali o pseudo tali.

    Ps devo tutelare queste idee :wink:

  38. Top | #38
    * Utente GOLD *
    Data Registrazione
    Jun 2004
    Località
    S.Donato Milanese
    Messaggi
    431
    Mentioned
    3 Post(s)

    Predefinito

    Aggiungerei che un impianto per poter essere considerato di “trasporto pubblico” deve collegare 2 località abitate ed effettuare il servizio durante tutto l’anno (per esempio la cabinovia Ponte di Legno – Tonale dovrà fare almeno 2 corse al giorno, tutto l’anno).
    La Cima Paganella non è abitata, ma Santel sì.
    E quindi solo una funivia Zambiana – Santel potrebbe essere un impianto di trasporto pubblico che può anche sostituire il servizio autobus tra l’altopiano e il fondovalle.
    In quel caso si potrebbero fare anche ragionamenti tipo Kyoto (quanti km bus a gasolio sostituisco con un impianto ad energia elettrica…) per giustificare la spesa.
    E non dimentichiamoci che il Trentino è l’unico posto in Italia dove si è realizzata una ferrovia locale su un nuovo tracciato (la Malè – Mezzana) quando altrove tagliano i rami "secchi".

    Ciao Antonio

  39. Top | #39
    Utente Sapiens
    Data Registrazione
    Jun 2004
    Località
    Church In Malenco Valley
    Messaggi
    564
    Mentioned
    2 Post(s)

    Predefinito

    io spero che tolgano quei piloni in cemento mastodontici a fai della paganella!!
    poi il nuovo impianto ben venga, a patto di un basso impatto visivo e ambientale...
    in ogni caso dal 27 agosto son in paganella e vi porterò un pò di foto sui nuovi impianti..
    perchè il superski ha rifiutato folgaria e andalo?? (ha fatto un errore madornale, vista la loro crescita e il loro sviluppo)

  40. Top | #40
    * Utente GOLD *
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    QUEBEC , Trento
    Messaggi
    3,543
    Mentioned
    28 Post(s)

    Predefinito

    Perchè li ha rifiutati? Perchè al tempo avevano prezzi skipass + bassi!!!
    E poi anche per motivi politici interni che hanno portato al blocco di ingressi nel Dolomiti Superski.

Pagina 1 di 4 1234 UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
NOTA Il forum è un luogo di discussione dove ogni intervento rappresenta il punto di vista del singolo utente che l'ha inserito. Ogni utente è responsabile del contenuto dei propri messaggi; il forum non è pre-moderato, l'amministrazione non si assume quindi nessuna responsabilità sui messaggi inseriti dagli utenti. E' vietata la riproduzione di qualsiasi contenuto digitale o di citazione dei messaggi della community su altri media/web/riviste senza la nostra autorizzazione scritta. Tutti i contenuti di Funivie.org sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported. E' vietato l'utilizzo degli stessi per fini commerciali senza nostra autorizzazione scritta.La consultazione di Funivie.org è completamente gratuita. Qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata ne predeterminabile. Non è una testata giornalistica, non esiste editore. Disclaimer. Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni
VERSIONE MOBILE - VERSIONE DESKTOP


.
.
Notizie Forum Cantieri Impianti Macchine Neve Divertimento Turismo Multimedia Annunci Contatti
.
Collaborazione con privati Collaborazione con aziende Pubblicità su Funivie.org
.