annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

CAMPIONE D'ITALIA Funivia mai terminata Lanzo d'Intelvi Sighignola

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • BALLA77
    ha risposto
    mamma mia... sono le uniche parole lecite che mi vien da scrivere

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    ciao a tutti!

    linko questo:
    Sistemazione e valorizzazione paesaggistica della vetta del Sighignola

    "buona" lettura

    Lascia un commento:


  • massimo grecchi
    ha risposto
    Un errore del topografo, come scritto più su, e della cartografia del punto, assai poco precisa circa i confini I-CH.

    Lascia un commento:


  • cf
    ha risposto
    Originariamente inviato da Ivan Botta Visualizza il messaggio
    Mi sa che i tempi saranno ancora lunghi, non dimentichiamoci che siamo in Italia.............
    Guarda che la stazione superiore della funivia del Sighignola si trova in Svizzera, sul territorio del comune di Arogno per la precisione.
    ciao
    CF

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    ciao!

    ......con un po' di anticipo su quanto scritto sopra.... segnalo che ieri è avvenuto il sopralluogo tecnico obbligatorio per le ditte interessate alla gara di appalto per i lavori di abbattimento della stazione di arrivo della funivia.

    Qua il testo pubblicato sul foglio ufficiale

    Comune di Arogno - pubblicazione concorsi
    Il Comune di Arogno mette a pubblico concorso i seguenti lavori:
    opere da demolizione della stazione di arrivo della funivia sulla vetta del Sighignola e opere murarie.
    1) Committente:
    Comune di Arogno c/o Amministrazione Comunale, 6822 Arogno - tel. --- --- -- -- - Fax --- --- -- -- .
    2) Procedura / consorzio / varianti:
    Il concorso è soggetto alla legge sulle commesse pubbliche (LCPubb) del 15 marzo 2001 e successive norme integrative e sarà aggiudicato nell’ambito di una procedura libera.
    Sono ammesse alla gara di appalto unicamente le ditte che operano nel ramo:
    - Impresario costruttore.
    - Scavo e demolizioni.
    Il consorzio fra imprese di costruzione è ammesso ma non è ammesso il consorzio fra imprese di costruzione e ditte operanti nel ramo scavi e demolizioni.
    Il subappalto è ammesso per le seguenti opere e come meglio indicato negli atti di appalto:
    - Opere di scavo e demolizioni.
    - Opere da impresario costruttore.
    - Opere da taglio calcestruzzo armato.
    - Trasporti con elicottero.
    - Trasporti lacuali.
    Le varianti di progetto non sono ammesse.
    3) Oggetto della gara:
    Demolizione e ripristino parziale della stazione di arrivo della funivia sulla vetta del Sighignola.
    4) Iscrizione:
    Per ragioni organizzative, le Ditte interessate sono invitate ad annunciarsi entro il 24 febbraio 2011 alle ore 12.00 presso lo Studio d’architettura ------ ----- Lugano, tel. --- --- -- --, Fax --- --- -- --, e-mail info@h---------.com.
    5) Sopralluogo obbligatorio, documenti d’appalto:
    È previsto un sopralluogo tecnico obbligatorio in data 25 febbraio 2011 con ritrovo alle ore 09.00 presso l’Amministrazione comunale di Arogno. Si proseguirà poi attraverso il territorio Italiano fino alla stazione di arrivo della funivia del Sighignola.
    Durante il sopralluogo obbligatorio saranno consegnati i documenti per la gara di appalto (due copie cartacee). Alle Ditte iscritte che non inoltreranno l’offerta sarà fatturato l’importo di CHF 100.- a copertura delle spese di ri produzione degli atti d’appalto.
    6) Informazioni, domande:
    Per ragioni organizzative, tutte le domande pertinenti alla gara d’appalto sono da trasmettere in forma scritta al progettista, Studio d’architettura ------ -----Lugano, via ------- --, 6900 Lugano, entro il 15 marzo 2011. Domande pervenute oltre il termine stabilito non saranno più prese in considerazione.
    7) Inoltro delle offerte:
    Le offerte, in busta chiusa e con la dicitura esterna specificante il concorso in oggetto, dovranno pervenire entro le ore 14.00 del 28 marzo 2011 al seguente indirizzo: Comune di Arogno, -- --, 6822 Arogno.
    NB: Non fa stato la data del timbro postale. Le offerte pervenute in ritardo e/o senza la dicitura esterna implicano l’esclusione dell’offerente dalla gara di appalto.
    La Committente non potrà in nessun caso considerare documenti di concorso incompleti o che per tardiva trasmissione postale o di terzi dovessero giungere dopo l’ora indicata del giorno di scadenza.
    8) Apertura delle offerte:
    Le offerte saranno aperte in seduta pubblica presso l.Amministrazione comunale di Arogno il giorno 28 marzo 2011 subito dopo la scadenza.
    Il verbale dell’apertura potrà essere richiesto telefonicamente all’Amministrazione comunale di Arogno, tel. --- --- -- -- oppure per Fax --- --- -- --.
    9) Criteri di aggiudicazione:
    L’appalto sarà aggiudicato al miglior offerente tenuto conto dei seguenti criteri elencati in ordine di priorità:
    01 Prezzo 50%
    02 Referenze per lavori analoghi 45%
    03 Formazione apprendisti 5%
    10) Condizioni particolari:
    La ratifica del contratto è subordinata all’approvazione dei vari crediti da parte dei legislativi interessati.
    11) Termini e modalità di concorso:
    Contro il bando e gli atti di concorso è data facoltà di ricorso al Tribunale cantonale amministrativo entro 10 giorni dalla data di messa a disposizione degli atti d’appalto. Il ricorso non ha effetto sospensivo.
    Arogno, 16 febbraio 2011 Il Municipio

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    Ciao!

    è possibile che a fine mese venga pubblicato il concorso per la demolizione della struttura a monte (Sighignola).

    Nel mese di marzo le ditte interessate all'appalto avranno la possibilità di vedere l'opera e di inoltrare la loro offerta...

    poi si vedrà!

    Lascia un commento:


  • Ivan Botta
    ha risposto
    Mi sa che i tempi saranno ancora lunghi, non dimentichiamoci che siamo in Italia.............

    Lascia un commento:


  • luca90
    ha risposto
    Originariamente inviato da madmax Visualizza il messaggio
    no... tranquilli: ad oggi non è neppure ancora stato pubblicato il bando di concorso per le opere di demolizione ;-)
    Ok grazie mille! Tienici aggiornati in caso di novità ciao!

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    Originariamente inviato da luca90 Visualizza il messaggio
    Si sa se hanno incominciato a demolire la stazione a monte?

    no... tranquilli: ad oggi non è neppure ancora stato pubblicato il bando di concorso per le opere di demolizione ;-)

    Lascia un commento:


  • luca90
    ha risposto
    Mi sono letto tutta la discussione... è veramente un peccato che questa funivia ad un passo dal completamento sia stata completamente abbandonata...
    Si sa se hanno incominciato a demolire la stazione a monte?

    Lascia un commento:


  • Pierantonio
    ha risposto
    Originariamente inviato da massimo grecchi Visualizza il messaggio
    Dipende dalla taglia dei souvenir. Certo, se si vogliono portare pulegge, motori etc. per intero occorre un'altra strategia. Sarebbe già tanto censire e fotografare ciò che è attualmente presente, recuperare le parti minime (dal bullone, alla catena, alla cinghia, alla carrucola etc.), resecare parti ancora piccole ma significative e ... accordarsi per un eventuale carico pesante. Soprattutto avanzando richiesta ufficiale a chi di dovere (ovviamente dopo il primo assaggio). Un ritorno delle briccolle da quelle parti è alta tradizione, oltre che storia, geografia, costume e cultura di società di nicchia (o confine). Revival, in fondo. Tra un po' non è Carnevale?
    Forse parlo a vanvera, però... sì, tra un po' è carnevale, e siccome ogni scherzo vale, non sarebbe insensato pensare per lo meno alla piccolissima sezione di trasporto su fune del museo della scienza e della tecnica di Milano.... almeno il meccanismo motore, diciamolo tra di noi, non potrebbe trovare posto in un museo? Vedere sul posto, e censire quanto rimane, ovviamente ad opera esclusiva di volontari quali potremmo essere (io lavoro negli strumenti musicali, ed ho esperienza nello smontare e rimontare oggetti ingombranti come gli organi da chiesa), non sarebbe un primo passo per salvare il salvabile, chiedendo i relativi permessi e valutando la fattibilità, magari sollecitando un parere di un kuratorium museale?
    Enrico Crosti

    Lascia un commento:


  • @rnoldi
    ha risposto
    Per fabiano69

    Ciao, eh effettivamente i prezzi dei filmati d'archivio della RSI sono un pò sproporzionati...già una volta ho chiesto un filmato e solo per 3 minuti ho pagato attorno ai 100.- . Però mi hanno anche detto che il prezzo é basato anche sull' "età" del servizio, in questo caso sono passati quasi 40 anni e quindi dipende anche da questo. Comunque ci farò lo stesso un pensierino ! Ti ringrazio ancora !!! Ciao ciao

    Lascia un commento:


  • fabiano69
    ha risposto
    Per @rnoldi

    Ciao , non sono proprio titolati !! a inizio esce una griglia dove sono posizionati i vari spezzoni . 2 sono praticamente identici ma pagati entrambi... ma te lo inviano nella custodia con tanto di titolo e logo RSI !!! Preparati a firmare contratto e a "sporsare" 225.- franchetti !!! Sarà per via del DVD ke ho strapagato x 13 min ...se chiedevo VHS magari mi costava meno !!!!! ciaooo

    Lascia un commento:


  • massimo grecchi
    ha risposto
    Dipende dalla taglia dei souvenir. Certo, se si vogliono portare pulegge, motori etc. per intero occorre un'altra strategia. Sarebbe già tanto censire e fotografare ciò che è attualmente presente, recuperare le parti minime (dal bullone, alla catena, alla cinghia, alla carrucola etc.), resecare parti ancora piccole ma significative e ... accordarsi per un eventuale carico pesante. Soprattutto avanzando richiesta ufficiale a chi di dovere (ovviamente dopo il primo assaggio). Un ritorno delle briccolle da quelle parti è alta tradizione, oltre che storia, geografia, costume e cultura di società di nicchia (o confine). Revival, in fondo. Tra un po' non è Carnevale?

    Lascia un commento:


  • edelweiss
    ha risposto
    [QUOTE=madmax;158611]Ciao a tutti!

    rientrare in svizzera è d'obbligo la dogana... come fare :surprised:


    a spalla attraverso la valletta che separa l'abitato di Erbonne (Italia) da quello di Scudellate (Svizzera)...
    contrabbando di rottami...:idea:

    (naturalmente sto scherzando!)

    Lascia un commento:


  • massimo grecchi
    ha risposto
    "Rimozione di ruggine"? Il Magistrato nemmeno la prenderebbe sul serio un'eventuale denuncia. E Musei del tipo se non li conosce Funivie.org...
    Un conto è far sparire un cimelio (come il motore dell'impianto di S.Remo, ovvero l' 8 cilindri Isotta-Fraschini, che negli States è un mito, anche archeologico, da galleria d'arte) ma qui, con tutto il rispetto, solo gli incalliti, affezionati, maniaci e "ballisti" possono osare un recupero culturale del genere. Con solenne encomio da parte del Ministro Bondi.

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    Rimane sempre proprietà privata, anche se abbandonata, con relativa legislazione...non esiste qualche associazione/museo o simile che possa fare domanda ufficiale di recuperare qualcosa?

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    Ciao a tutti!

    Sarebbe da prendere al volo la proposta di massimo grecchi ;-), anche per avere un parere tecnico sul posto.

    Difficile però ad organizzarsi ... un paio di considerazioni:

    - per le "reliquie" beh... fabiano 69 con il suo unimog qualcosa potrebbe portarsi dietro
    - di sicuro più facile per i forumisti italiani appropriarsi di qualche cosa ;-) per rientrare in svizzera è d'obbligo la dogana... come fare :surprised:
    - purtroppo è in fase di allestimento un dettagliato inventario del materiale "ferroso", dal quale si potrebbe ricavare qcosa... quindi potrebbe essere considerato furto...
    - l'ingresso sarebbe vietato...

    ...comunque, magari con una buona parola alla persona "giusta", alcuni aspetti potrebbero essere regolati ;-) e qualcosa si potrebbe fare!

    Tra l'altro, i filmati di fabiano69 sono molto interessanti (grazie Fabiano!), ma purtroppo sono legati ad un'inspiegabile protezione dei dati d'archivio. Mostrano, tra l'altro, le cabine apparentemente arrivate da poco e le seconda sospensione.

    Chissà, magari con un po' di tempo a dispo si potrebbe fare una raccolta di materiale originale a nome di Funivie.org!

    Vedremo!

    Lascia un commento:


  • @rnoldi
    ha risposto
    Per fabiano69

    Grazie mille ! Te l'ho chiesto perché anch'io stavo pensando di domandare un servizio alla RSI riguardante questa funivia. Un'ultima domanda, come sono intitolati questi servizi ? giusto per essere preciso nel caso in cui volessi domandar loro una copia. Grazie ancora e buona giornata ! Ciao ciao

    Lascia un commento:


  • Pierantonio
    ha risposto
    Io ci sto; non sono un addetto al mestiere, solo un semplice curioso di cose meccaniche (beh... mi prenderei volentieri il motore e le tre pulegge, ne farei una... meccanica morta - esistono le nature morte, no?), ma farei volentieri qualche fotografia a quei rottami sfortunati. La domanda di rito è: al termine di questa storia, qualcuno sarà chiamato a rendere conto del proprio operato? All'incirca, quanto denaro è stato buttato al vento?
    Enrico Crosti

    Lascia un commento:


  • massimo grecchi
    ha risposto
    Si potrebbe organizzare un viaggio coordinato (e di gruppo) sotto la guida di madmax. Tutti alla Sighignola un festivo: fotografie, recuperi di materiale a seconda della stazza voluta, attrezzi da archeologo mirati alla bisogna (flessibili, mazze, etc.). Chi ci sta (a partire da madmax)?
    Il sottoscritto si prenota. Carico max 700 kg. (160 x 130 x 80).

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    Io penso che se devono rottamarla te la regalino anche...

    Lascia un commento:


  • fabiano69
    ha risposto
    Per @rnoldi

    Ciao, vanno dal 1968 al 1975. in totale sono 5 spezzoni alcuni senza commento...totale ca 13 minuti. Ciaoooo

    Lascia un commento:


  • edelweiss
    ha risposto
    Originariamente inviato da Paolo Visualizza il messaggio
    Muovetevi a recuperare almeno la sospensione da mettere in giardino
    Non dirlo 2 volte che poi Madmax lo fa veramente....eh eh eh...però avrebbe bisogno di una mano, anche due (e tre e quattro....), non sarà tanto leggera......

    Lascia un commento:


  • @rnoldi
    ha risposto
    Ciao fabiano69, a quale data risale questo servizio ? Ciao ciao

    Lascia un commento:


  • massimo grecchi
    ha risposto
    Condivido in pieno; ringraziando madmax, grande archeologo, che ci ha consentito di recuperare il progetto e il costrutto (purtroppo non la funzionalità) prima che sparissero dalla scena sia l'impianto, così particolare e diverso, che la sua tormentata storia al limite del romanzesco.
    Tutti alla Sighignola, allora, a recuperare un pezzo del tempo e del sogno.

    Lascia un commento:


  • BALLA77
    ha risposto
    grande errore grosso errore immenso errore

    un vero peccato perfetto esempio di miopia economica turistica sociale e ambientale

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    Muovetevi a recuperare almeno la sospensione da mettere in giardino

    Lascia un commento:


  • @rnoldi
    ha risposto
    Ciao a tutti !

    Vi riporto una recentissima notizia del 28.1.2011. Il comune di Arogno, in accordo con il comune di Lanzo e Campione d'Italia, sta preparando i lavori per l'abbattimento della stazione d'arrivo sulla vetta della Sighignola, quindi nei prossimi mesi la struttura verrà rimossa.
    Per saperne di più potete visitare i seguenti link:

    http://www.tio.ch/aa_pagine_comuni/a...ito=1&idtipo=3

    http://info.rsi.ch/home/channels/inf...hignola-addioF

    Buona giornata a tutti !

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    Ciao!

    mi sembra starno che alla RSI siano diventati così severi!!!
    Fino allo scorso anno era permesso fare un Print-Screen dell'immagina a video e pubblicarla senza togliere il logo originale dall'immagine e citando la fonte a fondo pagina.... oppure togliere il logo apportando le "5 modifiche all'immagine" (di solito il taglio dei 4 lati per almeno il 30 % della superficie tot e la trasformazione in B/N o gradazione di grigio....) :surprised:

    Comunque sarebbe interessante vedere la foto di entrambe le cabine (intere?!?!?) alla partenza della stazione di Campione! Dovrebbe essere piuttosto raro in quanto una è stata parzialmente portata in vetta (sospensione e carrello) mentre la cabina è rimasta "posteggiata" dentro la struttura (in posizione di partenza è rimasta per anni la vettura di sinistra ;-) )

    Poi... l'esercito non ha proceduto all'abbattimento... sebbene l'avrebbe fatto (in parte) gratuitamente, i lavori sono andati per concorso alla ditta Bileo di Bissone che si è occupata pure dello smantellamento del pilone in acciaio di Campione (il primo) e delle ruote e cabine alla stazione di "partenza", coadiuvati dall'elicottero Puma della ditta Hely TV.
    Il problema è che per procedere all'abbattimento, il "dinamitardo" avrebbe dovuto per concorso acquistare il pilone (su territorio Svizzero ma di proprietà di Campione...).... e l'esercito avrebbe potuto procedere all'acquisto (e di conseguenza alla vendita dei "rottami")...quindi hanno dichiarato il loro interesse e tutto l'appalto è andato alla Bileo, maggior offerente.

    Ciaoooo!

    Lascia un commento:


  • fabiano69
    ha risposto
    per edelweiss

    Ciao, non dirlo a me , dispiace moltissimo, ma queste sono le regole , ma se mi riesce tento di estrapolare l`immagine delle cabine.
    Anche perché per 13 minuti , ho sborsato più di 200.- franchetti... ma era un mio sfizio avere questa documentazione , poi manca ancora l`abbattimento del pilone centrale ad opera dell`esercito CH e sicuramente un filmato esiste anche per questo avvenimento.
    Comunque GRANDE MEDMAX, veramente

    Lascia un commento:


  • edelweiss
    ha risposto
    Ciao!
    Peccato non poterlo vedere! La curiosità è alle stelle! Madmax aveva arricchito questo forum con le sue ricerche e questa sarebbe stata la ciliegina sulla torta...

    Lascia un commento:


  • fabiano69
    ha risposto
    ciao a tutti.
    Dunque dopo mesi di attesa , sono riuscito ad avere dei filmati dalla nostra cara rsi ( televisione svizzera ). Purtroppo ho dovuto firmare un accordo per la visione ad esclusivo uso privato.... vi posso comunque dire che dal filmato della stazione di partenza , si vedono chiaramente " posteggiate " le due cabine , pronte per essere "agganciate" alle funi.
    Ebbene sì anche le cabine erano lì belle pronte portate presumo dal cartello visibile dal filmato dalla ditta Bell .
    che peccato, c`era davvero tutto , tranne le funi ........

    Lascia un commento:


  • BALLA77
    ha risposto
    prova col peso per metro lineare della portante moltiplicato per il dislivello

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    ciao ;-)

    se hai dubbi e ti interessa un dato specifico dimmi che provo a cercare :-)

    comunque per ogni via c'erano 2 x 74 ton

    Lascia un commento:


  • BALLA77
    ha risposto
    incredibile solo 74 tonnellate per la portante? con un contrappeso a monte e quella pendenza? mi sarei aspettato di piu'

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    Il pilone ricorda quello di Dubrovnik...

    Lascia un commento:


  • Edwin Werner
    ha risposto
    Che belle foto!!! Complimenti!!!

    Lascia un commento:


  • krisu
    ha risposto
    Grazie per le investigazioni che hai fatto! Interessantissimo. Il pilone in CA me lo ricordo bene, lo si vedeva da Lugano ...

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    ...e già che sto continuando con il "repulisti" di hard-disk e cassetti....

    allego al volo un paio di cose.....

    lo sbocco della galleria che avrebbe portato le autovetture ai 150 posteggi ricavati nei piani della ex cava adiacente alla stazione di Campione:





    gli ultimi attimi del pilone in cemento armato di S.Evasio:





    un paio di viste del pilone:



    e quanto ancora esiste oggi, ossia il muraglione di sostegno del pilone (cerchiato il moncherino rimanente):



    e la base del pilone:




    ciaooooo!

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    Ciao a tutti!!!

    già che "ho li da un po'" dei dati, e che finalmente questa sera ho il tempo di riprenderli in mano, riporto alcune informazioni ;-) :

    per le cabine

    massa cabine e fune traente/zavorra kg 3000
    massa installazioni in cabina kg 525
    carico utile persone (61x75 kg) kg 4575
    ----------------------------------------------------
    totale carico volante kg 8100

    per la linea:

    valore di trazione portante min kg 50625 max 74000
    valore di trazione traente min kg 3760 max 14000
    valore di trazione zavorra min kg 3760 max 8734

    contrappeso portante kg 74000
    contrappeso zavorra kg 8000

    corsa contrappeso portante 6.13 metri
    corsa con margine sicurezza 9.50 metri

    corsa contrappeso zavorra 9.04 metri
    corsa con margine sicurezza 12.00 metri

    dati relativi alle macchine:

    riduttore Kissling KDS 1060 per azionamento principale e di riserva
    giunto ELCO per collegamento alla puleggia motrice
    due gruppi freno diametro 630 mm per azionamento principale tipo BBC HD 125/6
    un gruppo freno diametro 400 mm per azionamento riserva tipo BBc HD 75/5
    motore principale a corrente continua BBC GCJ 506c da 420/670 CV -1500 giri/min
    motore di riservaBBC Nsa116 da 100 CV - 1000 giri/min
    gruppo regolatore Ward-Leonard

    poi dati su diametro pulegge, variazione angoli su piloni, lunghezza scarpa piloni, ecc...

    I dati relativi alle macchine fanno parte di un inventario, redatto da un Ing. incaricato della supervisione tecnica durante il rilancio del progetto, morto durante un incidente avvenuto nel novembre del 1978 durante la tesatura delle funi della funivia. Sarebbe diventato il direttore tecnico della funivia.... L'incidente (uno dei tantissimi episodi negativi di questa sfortunatissima funivia.....) provocò non pochi problemi e ritardi per l'aggiornamento delle concessioni per l'ultimazione dell'opera ....

    ciaooo!

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    .... ma certo che la stazione a monte c'è ancora ...... per due motivi ;-) :

    - le foto di google earth (o maps....) mica sono in tempo reale!!! Anzi, possono avere anche alcuni anni!

    - Il progetto di "risanamento" è stato approvato e presentato, ma non ancora messo in atto! Anzi, per dirla tutta.... stanno ancora cercando i soldi :-P


    per il pilone, puoi guardare nelle pagine precedenti: ci sono le foto satellitari, ecc. (per esempio qui messaggio #46)

    Oppure puoi cercarlo, sempre aiutandoti con le info delle pagine precedenti e le coordinate (per esempio qui messaggio #50, qui messaggio #54, qui messaggio #101, qui messaggio #117 e soprattutto qui messaggio #138)

    ... e puoi sempre tracciare una linea tra stazione di partenza (visibile) e stazione di arrivo ;-) da qualche punto il pilone lo trovi ;-)
    Ultima modifica di madmax; 10-08-2010, 10:24.

    Lascia un commento:


  • Ivan Botta
    ha risposto
    Ho fatto una ricerca con Google Earth, la stazione a monte c'è ancora, non ho trovato il pilone rimasto.



    Lascia un commento:


  • Ivan Botta
    ha risposto
    Quasi quasi settimana prossima provo a salire in bici. . .e vedere se e come sta succedendo qualcosa.
    Grazie, sarei curioso di sapere se ci sono novità.

    Lascia un commento:


  • Umbri
    ha risposto
    Quasi quasi settimana prossima provo a salire in bici. . .e vedere se e come sta succedendo qualcosa.

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    no problem,

    dimmi cosa ti serve che ti posso inviare il tutto a risoluzione maggiore oppure indicarti le fonti ;-)

    Per S.Evasio avrei del materiale non ancora messo on-line... per mancanza di tempo. Magari a breve aggiungo le foto del pilone di S Evasio (che guardando la masseria dalla strada si trovava giusto a destra, nel pianoro tra la masseria e la cabina elettrica). Ma sono fotocopie B/N di una foto...

    Ev usa i messaggi privati (o gli E-mail)

    ciao a tutti!

    Lascia un commento:


  • licy89
    ha risposto
    Ciao, scusate l'intromissione.. mi sono trovata in questo forum per caso, sto seguendo un corso di restauro e il caso preso in esame è la masseria di Sant' Evasio, che con la funivia fantasma mi pare si sia proprio scornato.. per questo corso ho dovuto fare un inquadramento territoriale bello ampio e questo include la funivia.. ho letto tutto quello che avete scritto e devo dire che mi siete stati di aiutissimo.. ho visto anche il materiale fotografico ed è proprio per questo che al volo mi sono iscritta e ora mi trovo qui..

    volevo chiedere a madmax (che ho visto attivissimo e con cui per questo mi complimento) se mi dava il permesso di usare le sue immagini senza dovermi recare all'archivio (perchè le tavole di progetto sono di un archivio.. o sbaglio?) e se poteva dirmi nome dell'archivio protocolli e cartelle varie..

    di sicuro vengo bannata in 0.2 perchè questo non era il luogo per chiedere una cosa del genere!!!!! perdonatemi l'ignoranza nei confronti dell'utilizzo di un forum!

    grazie mille!!!!!!

    Lascia un commento:


  • BALLA77
    ha risposto
    In pratica spendono come a costruirne una e si liberano delle auto!

    "sogno un futuro di ingorghi di auto ecocompatibili"

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    Originariamente inviato da BALLA77 Visualizza il messaggio
    raggiungibile comodamente con una funivia... magari... in caso contrario faranno un bel terrazzo ripieno di auto parcheggiate
    ;-) hai lanciato una frecciatina non indifferente!

    ...ma la sostanza è proprio quella! Le strade non cambiano.... la vetta è e sarà raggiungibile tale e quale a prima.

    A piedi .... oppure in auto, ripercorrendo la strada militare creata ai tempi della fortificazione da parte dell'Italia del Sighignola che negli anni è stata un pochino allargata e asfaltata.

    Si parla di 1.7 milioni (di franchi) per l'abbattimento e ca. 200 mila per i lavori di "riqualificazione"

    Lascia un commento:


  • BALLA77
    ha risposto
    raggiungibile comodamente con una funivia... magari... in caso contrario faranno un bel terrazzo ripieno di auto parcheggiate

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    Ciao!

    apparso oggi sul Corriere del Ticino

    2 ago 2010 05:30 | Ticino e Regioni / Cronaca
    Articolo visitato 326 volte
    AROGNO - C'è un progetto per riqualificare la vetta del Sighignola a 40 anni dal sogno mai realizzato della funivia, le cui strutture di cemento imbruttiscono il "balcone d'Italia". È un progetto che vede impegnate autorità ed istituzioni di qua e di là del confine, che con costi relativamente contenuti (meno di 2 milioni tra demolizione e riqualifica) punta a fare della cima una vera zona turistica e di svago.
    Red. Lugano

    Lascia un commento:


  • @rnoldi
    ha risposto
    Ciao a tutti, qualcuno sa se esistono foto del pilone in cemento armato, se sì, potreste inserirle ? ho visto che in questo forum, sono stati inseriti quelli che erano i progetti ma mi interessava sapere se esisto anche delle fotografie. Ciao ciao

    Lascia un commento:


  • massimo grecchi
    ha risposto
    Oh, beh: puoi sempre impostare l'arrivo della funivia alternativa in fondo ad un molo ad hoc collegato alla "vecchia" stazione, base lago: così eviti gli scrostamenti con le rocce e i tagli alberi. Magari disassando la partenza in posizione più confacente. Intendevo dire che il "balcone della Sighignola" per quanto eccezionale belvedere, era troppo "sotto" per funzionare in asse con quell'arrivo. Non è una gran perdita, però, abbattere il belvedere, in quanto ne puoi creare un altro. ma la base sul lago è troppo utile a creare dell' "accessorio" a fini diversi. E poi puoi sempre porre a 50 m da riva l'arrivo alternativo, ben più "aperto" verso la cima...

    Lascia un commento:


  • Canalone
    ha risposto
    Grazie! pensavo a qualcosa collegato alle funi...

    Lascia un commento:


  • massimo grecchi
    ha risposto
    Cominciamo con un club velico e/o motonautico: poi suggeriamo un cambiamento ai regolamenti comunali (e di reciprocità con CH) e allarghiamo la disponibilità del sito (ora ahimé solo scheletro però in una posizione ottimale). Magari con un molo ad hoc, e imbarcadero.

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    mah? non ho capito neanche io....
    Forse Massimo Grecchi intendeva dire che avrebbe potuto rinascere come un villaggio per la pratica del nuoto e dell'immersione nel lago e del kiSurf, per la scalata su pareti con vario livello sulle roccie attigue e per la pratica di BaseJump?
    ...in tal caso... con una sede subacquei attigua, il lido dall'altra parte, il divieto delle tavole trainate, ecc.... anche questo progetto farebbe fativa a decollare.... :-(

    Lascia un commento:


  • Canalone
    ha risposto
    Perdonatemi ma non ho capito l'ultimo messaggio, in particolare "puoi fare tutto, roccia, acqua, aria", sarà che la mia fantasia è come quella della P.A....
    Grazie
    Marco

    Lascia un commento:


  • massimo grecchi
    ha risposto
    Anche il mio: la Sighignola è fuori asse, anche se è un belvedere prezioso (ma si può spostare). La base di Campione é unica. Guai a chi la tocca. Puoi fare tutto. Roccia, acqua, aria.

    Lascia un commento:


  • BALLA77
    ha risposto
    grazie della precisazione... motivo in più per confermare il mio pensiero e il mio dispiacere!

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    ehm....
    il comunicato si riferiva alla stazione al sighignola... ma il tutto per inizio 2011...

    Lascia un commento:


  • massimo grecchi
    ha risposto
    Quoto Balla: bastava solo pensare diverso. Ma si sa: la fantasia non è dotazione delle Amministrazioni Pubbliche (ultimamente anche degli imprenditori). Peccato veramente: quel volo sarebbe stato tra i più suggestivi mai realizzati.

    Lascia un commento:


  • BALLA77
    ha risposto
    peccato, credo ancora che trovando persone intelligenti si sarebbe potuto recuperare e realizzare qualcosa di utile e bello

    Lascia un commento:


  • sertorelli
    ha risposto
    La stazione di partenza a Campione d'Italia verrà presto abbattuta, ne dà notizia il televideo di RTSI

    Lascia un commento:


  • bifune67
    ha risposto
    Grazie!!!!

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    ciao raoul!
    grazie per l'info! naturalmente tutte le notizie che puoi avere sono benvenute ;-)

    @bifune67 e gli interessati:
    allego le foto dell'intera tratta... purtroppo non è niente di che, ma appena avrò qualcosa di meglio segho queste e le sostituisco...ma sarà difficile:
    il foglio è alto 30 cm e lungo 1.4 metri....(un formato un po'scomodo )







    ciaooo!!!!

    Lascia un commento:


  • raoul
    ha risposto
    I sostegni a traliccio (il primo ed il terzo) furono effettivamente costruiti e montati dalle Ferriere Cattaneo di Giubiasco, evidentemente su disegni e direttiva della Bell di Kriens. La persona che ho contattato mi ha promesso di cercare nell'archivio della ditta, secondo lui non si troveranno piu' i lucidi originali, ma dovrebbe esserci ancora una cartella con almeno le copie dei disegni.Appena ho novita ve lo faccio sapere.

    Lascia un commento:


  • bifune67
    ha risposto
    Grazie per la scansione di pianta e profilo!!!

    Visto che qui siamo golosi... riesci a postare anche le rimanenti parti?

    bifune

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    Ciaooo!
    Allego per tutti gli interessati la pianta e il fianco della prima tratta della funivia, per inteso quella che avrebbe dato i problemi di sbancamento dei lati :-(
    È la tratta “fornaci” fino al primo pilone in acciaio, che in pratica sale accostata alla parete rocciosa utilizzata in passato quale cava.
    Tra l’altro, nel primo disegni è visibile (tratteggiata) la galleria che avrebbe consentito alle macchine di transitare fino ai posteggi ricavati nei terrazzi a nord della stazione di imbarco!





    In base a questi due disegni, salvo errori , ho verificato le distanze tra le rocce (altezze ricavate dalle curve di livello) e la linea delle funi della funivia, con le altezze misurate dal secondo disegno, che tiene già in considerazione la flessione delle portanti.



    Nel grafico ho riportato la traiettoria delle funi portanti cariche (tratto arancio), traiettoria del punto centrale del fondo della cabina (rosso), la pendenza del terreno a centro linea (blu), la pendenza sotto la cabina di sinistra (azzurro), e poi le pendenze del terreno a 2, 4 e 10 metri oltre la linea di sinistra. Considerate che la cabina è larga 3.2 metri!

    Beh, dal grafico sembra che già davanti alla stazione ci sarebbe da togliere un paio di metri di materiale…
    Poi si mantiene una distanza libera di una dozzina di metri fino a circa 80 metri di distanza dove questa si riduce a 7 metri da centro cabina…
    Ha 2 metri di distanza, quindi a meno di mezzo metro dal fianco della cabina, la distanza da terra è di circa 15-20 metri nella seconda metà, mentre nella prima metà raggiunge punti con meno di 2 metri….
    A 4 metri di distanza dalla linea (meno di 2,5 metri dalla cabina) in alcuni punti i fianchi sono già più elevati rispetto alla traiettoria del fondo della cabina.

    Quanto dovrebbero essere le giuste distanze? In caso di forte vento quanto potrebbe scostare lateralmente la cabina?

    Ringrazio d’anticipo per chi sa darmi ragguagli ;-) , ciaooo!

    Lascia un commento:


  • madmax
    ha risposto
    ;-)
    ringrazio raul e fabiano69 per le info sempre gradite!

    per fabiano69 ed il suo amico ...ti do una data precisa: regionale del 13.09.68 ;-)

    ciaooo!

    Lascia un commento:


  • fabiano69
    ha risposto
    complimenti a medmax per la ricerca dei documenti e le bellissime foto!. Aggiungo che ho un amico che ha lavorato alla rsi proprio nell'archivio e quindi con un po di pazienza cerchero di informarmi se esistono filmati dell'impianto in questione. Comunque dovrei avere in giro dei vecchi filmati ripresi dalla rsi per l'allora regionale.domanda: nessuno ha una foto del pilone abbattuto?? Ricordo che andai una sera a vederlo e vi fece una certa impressione.... comunque ancora grazie a tutti per le varie ricerche.

    Lascia un commento:

NOTA Il forum è un luogo di discussione dove ogni intervento rappresenta il punto di vista del singolo utente che l'ha inserito. Ogni utente è responsabile del contenuto dei propri messaggi; il forum non è pre-moderato, l'amministrazione non si assume quindi nessuna responsabilità sui messaggi inseriti dagli utenti. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di qualsiasi contenuto digitale o di citazione dei messaggi del forum su altri media/web/riviste senza la nostra autorizzazione scritta. E' altresì vietato l'utilizzo degli stessi per fini commerciali senza nostra autorizzazione scritta. Tutti i contenuti di Funivie.org sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
La consultazione di Funivie.org è completamente gratuita, qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata ne predeterminabile, non è una testata giornalistica, non esiste editore. Disclaimer.
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni
Sto operando...
X