annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

ARABBA Vecchia funivia Agudio del Portavescovo

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • campolino
    ha risposto
    La seggiovia che si vede nella foto è la biposto del Bec de Roces non quella del burz

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    Ecco il racconto
    Nel ' 72, sulla Marmolada, il macchinista Bruno Crepaz riportò indietro la cabina «Così strappai alle fiamme 55 persone sulla funivia» MILANO - «E' andata via la corrente e subito dopo sono divampate le fiamme. Intanto la funivia, con 55 persone a bordo, era sospesa nel vuoto, a 60 metri di altezza. Dovevo fermarla. Se avessi aspettato, il fuoco avrebbe fuso il cavo trainante, tutta quella gente sarebbe morta..».

    Erano le 14 del 16 marzo 1972, quando anche l' Italia rischiò una tragedia analoga a quella austriaca. Una sciagura a cielo aperto, però. E che cielo: quello che si staglia sullo scenario unico della Marmolada. La cabina saliva dal comune ladino di Livinallongo, 1475 metri (del comprensorio sciistico di Arabba) al rinomato «belvedere» di Porta Vescovo, a quota 2600, le cui piste sono considerate tra le più belle delle Dolomiti(proprio di fronte al ghiacciaio della Marmolada). Un pericolo scampato grazie alla freddezza di Bruno Crepaz, 62 anni, in pensione da 3, dopo 27 trascorsi a manovrare gli impianti di risalita. E grazie anche alla prontezza di riflessi dei suo collaboratori Aldo Palla, 54 anni e Gino Dorigo.

    «Ero a Porta Vescovo, dove ci sono i motori della trazione, perché ero il macchinista - ricorda Bruno Crepaz -. Nella cabina, infatti, viaggiava un dipendente della società, ma non era in grado di operare. Dopo aver fatto partire la funicolare a valle, la stazione dove mi trovavo ha preso fuoco. Ma la cabina con 55 persone, compresi donne e bambini, aveva già coperto una tratta di 500 metri. Doveva percorrerne 2100. Non ce l' avrebbe mai fatta. Era necessario fare qualcosa per evitare una strage sicura. Intanto ho bloccato subito l' impianto. Poi, manovrando con attenzione, pur senza vedere la cabina, perché era a oltre due chilometri da me, sono riuscito a riportarla, in retromarcia, al punto di partenza». Fu un vero miracolo. Lo conferma il compagno Aldo Palla, che ancora oggi lavora in quegli impianti della «Sofma», la società funivie di Arabba e Marmolada: «Pochi di minuti dopo, le fiamme si propagarono dappertutto e saltarono i cavi.

    L' incendio era scoppiato nel sottotetto, sul lato sinistro, verso il Pordoi. Avvertii subito Bruno e tutto si concluse nel più felice dei modi: la gente ridiscese senza problemi e senza rendersi conto, immediatamente, del pericolo che aveva corso. Ci dettero una targa di riconoscimento, che abbiamo lasciato qui in funivia». Costantino Muscau

    Lascia un commento:


  • arthedg7
    ha risposto
    Originariamente inviato da TomBer Visualizza il messaggio
    La foto è degli anni '90, in quanto la Col Burz è già biposto. Invece non mi sembra di vedere la seggiovia che andava direttamente al Bec de Roces.
    La funivia era del 73

    A me la seggiovia che si vede pare proprio la vecchia biposto diretta verso il Bec de Roces... La foto è molto sfuocata sullo sfondo, ma la linea si vede chiaramente e non arriva al Burz, che rimane piuttosto a sinistra della foto.
    Inoltre visto che non si vedono tracce del DMC direi che siamo ben prima del 1990!

    La Bec de Roces mi risulta essere 83, dismessa alla ventennale (2003)

    Quindi la foto direi che è 83 - 88

    Lascia un commento:


  • TomBer
    ha risposto
    La foto è degli anni '90, in quanto la Col Burz è già biposto. Invece non mi sembra di vedere la seggiovia che andava direttamente al Bec de Roces.

    Lascia un commento:


  • vikbll
    ha risposto
    In che anno era stato costruito?

    Lascia un commento:


  • GiorgioXT
    ha risposto
    Se non ricordo male impianto che ha avuto dei problemi tipo incendi ? sabotaggi?

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    ARABBA Vecchia funivia Agudio del Portavescovo

    Impianto demolito nel 2005 per far posto all'attuale Funifor che riutilizza le volumetrie delle stazioni

    Lascia un commento:


  • marcofb
    ha risposto
    Sembra non sia morto nessuno neanche il vetturino e l'impianto era pieno di gente

    http://archiviostorico.corriere.it/2...11127109.shtml

    Lascia un commento:


  • alvise lionello
    ha risposto
    confermo incidente funivia di arabba negli anni '70

    Lascia un commento:


  • alvise lionello
    ha iniziato la discussione ARABBA Vecchia funivia Agudio del Portavescovo

    ARABBA Vecchia funivia Agudio del Portavescovo

    Se ben ricordo,anche la funivia arabba-porta vescovo di arabba (bz),nei primi anni '70,scarrucolo' causa incendio stazione motrice,causando la morte di un vetturino (l'impianto era chiuso al pubblico...)
NOTA Il forum è un luogo di discussione dove ogni intervento rappresenta il punto di vista del singolo utente che l'ha inserito. Ogni utente è responsabile del contenuto dei propri messaggi; il forum non è pre-moderato, l'amministrazione non si assume quindi nessuna responsabilità sui messaggi inseriti dagli utenti. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di qualsiasi contenuto digitale o di citazione dei messaggi del forum su altri media/web/riviste senza la nostra autorizzazione scritta. E' altresì vietato l'utilizzo degli stessi per fini commerciali senza nostra autorizzazione scritta. Tutti i contenuti di Funivie.org sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
La consultazione di Funivie.org è completamente gratuita, qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata ne predeterminabile, non è una testata giornalistica, non esiste editore. Disclaimer.
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni
Sto operando...
X