annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

SELLA CHIANZUTAN VERZEGNIS Teleferica cava monte Lovinzola

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi
  • claudio.pn
    Curioso
    • Oct 2006
    • 62

    SELLA CHIANZUTAN VERZEGNIS Teleferica cava monte Lovinzola

    sono stato a sella chianzutan (UD) e di fronte ai due vecchi skilift si sta ricostruendo (per uso didattico storico e dimostrativo) la teleferica che veniva usata un tempo per trasportare i minerali dalla cava del monte lovinzola a valle
    per info comune di Verzegnis (UD)
    sembra un bel progetto e i cavallotti di sostegno della teleferica sono stati ricostruiti in legno!
    a breve inviero' qualche foto, anche se i lavori non sono terminati;
    volevo segnalare inoltre che nella zona si stanno sistemando anche i sentieri
  • claudio.pn
    Curioso
    • Oct 2006
    • 62

    #2
    aggiungo qualche foto




    Commenta

    • Paolo
      ADMIN
      • Jul 2003
      • 22224
      • FVG

      #3
      La prima foto sarebbe la stazione? Quindi impianto a va e vieni?

      Commenta

      • claudio.pn
        Curioso
        • Oct 2006
        • 62

        #4
        non so dirti con certezza, ma suppongo proprio di si; dalla cava vi era un trenino che superava un tratto di leggera discesa e poco dopo l'uscita dalla galleria la linea dei binari terminava per poter caricare i minerali sulla funivia per la calata fino al valico (sella Chianzutan); non so cosa trasportassero in salita, presumo cose necessarie alla lavorazione e agli operai, i quali erano alloggiati in costruzioni vicino alla cava.

        la prima cosa che avevo notato del traliccio, con una ricotruzione abbastanza fedele a quello storico della foto e' che in discesa vi era una portante, mentre in salita due

        Commenta

        • bifune67
          * Utente GOLD *
          • Dec 2003
          • 1035
          • Milano

          #5
          Bel mistero!

          Il carrello nella foto ha le rulliere solo per una portante, quindi ciò conferma il funzionamento a va e vieni, ma non mi spiego perché asimmetrico...

          bifune

          Commenta

          • ARCHIMEDE
            Curioso
            • Apr 2007
            • 66
            • luserna san giovanni (to)

            #6
            magari dovevano tirare su qualcosa(macchinari) per cui una sola portante non bastava e poi e' sta lasciata montata cosi'

            Commenta

            • Paolo
              ADMIN
              • Jul 2003
              • 22224
              • FVG

              #7
              Ripensandoci direi un carrello a portante singola e uno a doppia portante, per due tipi di carichi

              Commenta

              • Paolo
                ADMIN
                • Jul 2003
                • 22224
                • FVG

                #8
                Foto di [MENTION=784]andre72[/MENTION]





                Commenta

                • andre72
                  MODERATORE
                  • Nov 2005
                  • 1693
                  • Trieste

                  #9
                  Altre immagini della stazione a monte di questa antica teleferica che ho visitato la scorsa settimana:































                  Commenta

                  • Paolo
                    ADMIN
                    • Jul 2003
                    • 22224
                    • FVG

                    #10
                    Non c'è nessun marchio di fabbrica neanche sulle pulegge? Forse Spadaccini?

                    Commenta

                    • andre72
                      MODERATORE
                      • Nov 2005
                      • 1693
                      • Trieste

                      #11
                      Non ho visto nulla sulle pulegge, forse le scritte erano nascoste. Del resto, purtroppo le attrezzature erano talmente degradate che era difficile persino capire le esatte funzioni delle varie componenti meccaniche.

                      Commenta

                      • bifune67
                        * Utente GOLD *
                        • Dec 2003
                        • 1035
                        • Milano

                        #12

                        Nei dintorni della puleggia di monte dentro il casotto in cemento non si vedono tracce di motori, ma solo i due freni a mano sulle gole ai lati di quella per la fune, il che mi fa pensare a un funzionamento in discesa per gravità: il carrello bifune per i pezzi grossi e quello monofune per quelli più piccoli, come il masso della foto storica. In questo modo si potevano probabilmente portare piccoli carichi anche in salita, nel cestello che nella foto storica si vede ancorato solo alla traente a monte del carrello monofune.

                        All'esterno del fabbricato sembra di vedere invece un argano ad avvolgimento azionato probabilmente da un motore a scoppio (rimosso), poiché si vedono delle protezioni per una cinghia veloce e un piccolo riduttore nella foto delle leve (probabilmente freno manuale e frizione o inversione), il che mi fa pensare a un riutilizzo successivo della linea monofune come teleferica "standard".

                        Impianto molto interessante, e grazie per le belle foto!

                        Commenta

                        NOTA Il forum è un luogo di discussione dove ogni intervento rappresenta il punto di vista del singolo utente che l'ha inserito. Ogni utente è responsabile del contenuto dei propri messaggi; il forum non è pre-moderato, l'amministrazione non si assume quindi nessuna responsabilità sui messaggi inseriti dagli utenti. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di qualsiasi contenuto digitale o di citazione dei messaggi del forum su altri media/web/riviste senza la nostra autorizzazione scritta. E' altresì vietato l'utilizzo degli stessi per fini commerciali senza nostra autorizzazione scritta. Tutti i contenuti di Funivie.org sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
                        La consultazione di Funivie.org è completamente gratuita, qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata ne predeterminabile, non è una testata giornalistica, non esiste editore. Disclaimer.
                        Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni
                        Sto operando...
                        X