annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

CANAZEI Storia Funivia del Sass Pordoi

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • SACCASUPERSKY
    ha risposto
    Qualcuno per caso ha foto relative alla demolizione del vecchio impianto e costruzione del nuovo?

    Lascia un commento:


  • falco500
    ha risposto
    Bellissime queste cartoline, complimenti

    Lascia un commento:


  • Mathew76
    ha risposto
    Vabbè... Paolo, mi hai fatto venire voglia di andare a scartabellare fra le tante cartoline delle Dolomiti che collazionavo quando ero bambino. Queste sono quelle che riguardano il Pordoi, tutte databili negli anni 80 (le ho fotografate col cellulare, ma potrei anche scansionarle):



    Lascia un commento:


  • Mathew76
    ha risposto
    cavoli! Io l'ho presa fin da piccolo quella funivia... che spettacolo!

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    Ultimi anni di servizio del vecchio impianto

    Lascia un commento:


  • pojana
    ha risposto
    Cartolina con data timbro postale 1970
    Collezione Biblioteca Comunale di Trento

    Lascia un commento:


  • AGUDIO
    ha risposto
    Quindi è appurato che l'impianto è Trojer. Ma la storia della doppia traente abbandonata da subito? Nel filmato della costruzione non si vede una doppia traente. Passare da doppia traente a singola richiede comunque una rivisitazione progettuale di tutto l'apparato di trazione, gli angoli di curvatura delle funi, il diametro delle pulegge…contrappesi e corse …nuove configurazioni in linea...credo sia anche un intervento costoso…e a che pro? Mi piacerebbe vedere su quota Neve cosa veniva scritto a tal proposito.
    Un saluto a tutti
    Francesco

    Lascia un commento:


  • mmss
    ha risposto
    Cosa viene buttato dalla cabina al minuto 4:43 ?!?

    Lascia un commento:


  • Michelangelo421A BCF
    ha risposto
    Originariamente inviato da Paolo Visualizza il messaggio
    Spettacolare video storico
    Video stupendo, grazie per averlo condiviso.
    Chissà se esiste anche un versione più lunga in formato dvd.

    Mi ricorda in molti passaggi il filmato realizzato per la costruzione delle funivie di Alagna.

    Questi documenti, sono di fatto uno spaccato della storia contemporanea della nostra società, un epoca in cui il nostro paese affascinava per come il genio italiano riusciva a realizzare a mano impianti impossibili solo da immaginare, come la Direttissima della Paganella, l'impianto per Punta Indren, la funivia di Chiesa Val Malenco e tante altre, tra cui appunto quella del Sass Pordoi, ricostruita nel 1994-1995, diventato di fatto un anonimo impianto moderno, privo di quel fascino e romanticismo tipico delle funivie degli anni ’60.

    Un esempio tipico di come dovrebbero essere invece rinnovati questi impianti storici è la funivia Moggio-Piani di Artavaggio, il cui ripristino è stato effettuato senza demolire e sostituire le strutture esistenti, lasciando di fatto intatto l’aspetto e il fascino iniziale della funivia.


    Grazie ancora e a presto,
    Michelangelo

    Lascia un commento:


  • Childerique
    ha risposto
    Macri faceva riferimento alla Forcella Rossa nelle Tofane e non alla Forcella Stauniess nel Cristallo.

    Quando e' stata aperta come pista da sci, anche la Forcella Rossa aveva molti dei problemi che sono stati segnalati nella forcella del Pordoi, tanto che in seguito piu' volte e' stato necessario adeguare e sistemare la pista, spianandola ed allargandola, e migliorandone la sicurezza.

    Lascia un commento:


  • ALBERTO
    ha risposto
    Girovagando su youtube ho trovato un filmato di quest'impianto nel 1988:

    Lascia un commento:


  • GiorgioXT
    ha risposto
    Originariamente inviato da macri Visualizza il messaggio
    La forcella Staunies del Cristallo viene regolarmente aperta, condizioni permettendo, tanto che sul loro sito ne parlano come "la pista più difficile delle Dolomiti" io l'ho fatta un paio di volte da bambino e sono anche finito nelle reti.
    In questi ultimi 10 anni, l'avrò vista aperta "ufficialmente" non più di 5 o 6 volte, e spesso quando scio al Cristallo la prendo comunque fino in alto per mangiare al Rif. Lorenzi, ma avviso alla partenza.
    E' comunque una pista pericolosa se in condizioni di neve non ottimale e per sciatori poco esperti e soprattutto non abituati alla neve non battuta + pendenza; ci sono stati anche in anni recenti incidenti anche mortali e immagino che la società di gestione non abbia proprio voglia di problemi . Ho visto personalmente fermare la seggiovia e retrocedere per far scendere gli sciatori all'intermedia che volevano continuare fino in alto.

    Penso quindi che la SITC valuti la possibilità di incidenti e rogne molto maggiori dei vantaggi di aprire delle piste così come sono ; sbancamenti ed adattamenti ora sono pressochè impossibili visti i vincoli ambientali e dell'Unesco

    Lascia un commento:


  • macri
    ha risposto
    La forcella Staunies del Cristallo viene regolarmente aperta, condizioni permettendo, tanto che sul loro sito ne parlano come "la pista più difficile delle Dolomiti" io l'ho fatta un paio di volte da bambino e sono anche finito nelle reti.
    Sinceramente il Pordoi mi sembra meno difficile e non così impossibile di trasformarlo in pista, anche battuta, mentre la Staunies non la battono, ma è una pista a tutti gli effetti.
    Sarà probabilmente che costerà troppo farlo, sbancamenti, reinterri, consolidamenti, reti, cuscini, impianto innevamento, impianto antivalanghe, argani per battipista.
    Se fosse una pista funzionale al Sellaronda, hai voglia che l'avrebbero giá fatto, tipo la nuova discesa dal Boé verso il Campolongo.

    Lascia un commento:


  • arthedg7
    ha risposto
    Originariamente inviato da alexxx Visualizza il messaggio
    in pratica la descrizione della parte iniziale della pista forcella rossa..
    (a parte le caratteristiche del fondo che non conosco)
    Se vogliamo scherzare...
    "Più stretta, più pendente, più instabile"

    Parlando seriamente l'istabilità del fondo è tale che negli ultimi anni sono stati fatti grossi lavori di consolidamento con legname e picchetti conficcati profondamente nel terreno perchè neppure il sentiero estivo, purchè scavato più volte, rimaneva su. In condizioni di bagnato si faceva fatica a stare in piedi pur aiutandosi con la corda fissa metallica ancorata tipo passamano alla parete rocciosa laterale. Inoltre l'esposizione è a pieno Sud, con tutte le conseguenze del caso. (si, lo so, anche la forcella del Cristallo è esposta a Sud... ma è più incassata fra le rocce, quindi riceve meno sole)

    E comunque anche la forcella Cristallo è da parecchi anni che è ufficialmente chiusa (idem quella del Sassolungo9

    Lascia un commento:


  • alexxx
    ha risposto
    Originariamente inviato da arthedg7 Visualizza il messaggio
    Il problema è che la parte iniziale del canalone è stretta, molto pendente ed a fondo molto instabile
    in pratica la descrizione della parte iniziale della pista forcella rossa..
    (a parte le caratteristiche del fondo che non conosco)

    Lascia un commento:


  • arthedg7
    ha risposto
    La forma della montagna non lo consente proprio... Tutte le possibili discese presentano tratti o con pendenze molto elevate in strettoie, o lunghi tratti da fare in piano, oppure addirittura salti di roccia che molto spesso necessitano di usare una corda per passare. Senza contare che alcune finiscono nel nulla, ovvero ben lontano da un impianto di risalita. L'unica discesa su cui sarebbe "teoricamente" possibile tracciare una pista è la forcella Pordoi, versante verso il passo omonimo, che finirebbe peraltro o di nuovo alla partenza della funivia oppure direttamente sulle piste lato Fodom o lato hotel Pordoi -> collegate al Sellaronda. Il problema è che la parte iniziale del canalone è stretta, molto pendente ed a fondo molto instabile, quindi molto difficile da mettere in sicurezza e da aprire come pista "ufficiale". durante la maggior parte dell'inverno è inoltre presente un conoide da valanga e/o un'ampia cornice sullo svalico della forcella.

    Da molti anni sono presenti (in 4 lingue e di ampio formato...) questi cartelli:
    http://www.ziocartello.com/wp-conten...012/08/016.jpg
    che fanno proprio pensare che la SITC non intenderà prendersi la responsabilità di avere una pista "ufficiale"...


    Qua trovi ulteriori indicazioni
    http://www.skiforum.it/forum/freerid...-pordoi-3.html

    Lascia un commento:


  • macri
    ha risposto
    Sinceramente non capisco perché non fanno almeno una pista "ufficiale", una specie di forcella rossa tipo sulle Tofane, non vogliono o non glielo consentono?

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    Spettacolare video storico

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    http://trentinocorrierealpi.gelocal....anni-1.6806064

    Lascia un commento:


  • BALLA77
    ha risposto
    la linea... l'impianto non credo raggiunga i venti

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    Quest'anno l'impianto compie 50 anni!

    Lascia un commento:


  • andmann
    ha risposto
    Approfitto di questa discussione per linkare un sito veramente bello (non ricordo se ne abbiamo già parlato su qualche topic), con una raccolta di foto incredibilmente vasta; basta cercare il nome desiderato e spuntano fuori miglialia, se non milioni, di foto di qualsiasi posto del nostro bel pianeta; questo link è riferito al sass pordoi (nella ricerca ho espressamente scritto sass pordoi, ma avrei trovato molte più foto scrivendo solo pordoi)...consiglio a tutti di visitare questo sito.

    http://www.flickr.com/search/?q=sass+pordoi&m=text

    Lascia un commento:


  • Freya
    ha risposto
    Alcune immagini della funivia del Pordoi.

    Una cartolina del 1964. Link:
    http://it.pg.photos.yahoo.com/ph/fre...e2.jpg&.src=ph

    Due immagini tratte da un dépliant dell'estate 2006.
    Link:
    http://it.pg.photos.yahoo.com/ph/fre...e2.jpg&.src=ph
    http://it.pg.photos.yahoo.com/ph/fre...e2.jpg&.src=ph

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    E' proprio vero che nelle cantine si trova sempre qualcosa di interessante...guardate cosa ho trovato nella cantina della funivia Col Rodella...


    (Vecchia cabina Col de Rossi e vecchia cabina Sass Pordoi, in ottimo stato!)

    Lascia un commento:


  • PIEMONTE_FUNIVIE
    ha risposto
    Sapevate che tra i vari costruttori dell' impianto anche la Troyer lo costuì?
    (Io no!)



    preso dal:
    Sito Troyer

    Ciao.

    Lascia un commento:


  • andmann
    ha risposto
    Complimenti...foto bellissime soprattutto l'ultima...il pordoi è la mia funivia preferita...insieme all'auiguille du midi...entrambe mi hanno sempre suscitato emozioni uniche!!! Ma sono matto io oppure è normale quello che provo quando prendo le funivie va e vieni???

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    L'impianto del Pordoi venne inaugurato a Pasqua nel 1963; il primo progetto prevedeva la costruzione di una seggiovia con stazione a monte alla Forcella Pordoi (dove attualmente scende la teleferica del nuovo rifugio) ma l'idea fu scartata in quanto con il posizionamento della stazione di monte alla forcella Pordoi, ci sarebbe stato il pericolo di urto dei seggiolini contro la roccia in caso di vento forte.

    Di che anno è la foto con la doppia fune traente? In questa foto le cabine sono le stesse ma la fune traente è unica:



    Le cabine sono in seguito state sostituite con queste (foto anni '70):



    e poi con queste degli anni '80:



    Infine con l'attuale impianto realizzato nel 1994-1995:



    > Altre foto nuovo impianto <

    Lascia un commento:


  • giovanni
    ha risposto
    Che spettacolo

    Lascia un commento:


  • henrydew
    ha iniziato la discussione CANAZEI Storia Funivia del Sass Pordoi

    CANAZEI Storia Funivia del Sass Pordoi

    Posto un'immagine della funivia del Pordoi nella sua prima versione dove sono ben evidenti le due funi traenti, se non ricordo male nell'articolo di Quota Neve dove e' illustrato l'ultimo ammodernamento e' citata anche questa soluzione che mi sembra sia stata abbandonata molto in fretta.



    Ciao


    Enrico
NOTA Il forum è un luogo di discussione dove ogni intervento rappresenta il punto di vista del singolo utente che l'ha inserito. Ogni utente è responsabile del contenuto dei propri messaggi; il forum non è pre-moderato, l'amministrazione non si assume quindi nessuna responsabilità sui messaggi inseriti dagli utenti. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di qualsiasi contenuto digitale o di citazione dei messaggi del forum su altri media/web/riviste senza la nostra autorizzazione scritta. E' altresì vietato l'utilizzo degli stessi per fini commerciali senza nostra autorizzazione scritta. Tutti i contenuti di Funivie.org sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
La consultazione di Funivie.org è completamente gratuita, qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata ne predeterminabile, non è una testata giornalistica, non esiste editore. Disclaimer.
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni
Sto operando...
X