annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

CERVINIA Vecchia funivia Agudio Plan Maison - Furggen

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi
  • zotto
    New entry
    • Dec 2013
    • 32

    sono salito giovedì scorso alla stazione del Furggen. Beh, devo dire che è impressionante, mi ha sempre affascinato questo impianto e vedere di persona la stazione ma soprattutto la pista che fu sulla cresta.... incredibile quanto è stretta e quanto è ripido il lato vs la Svizzera, dalle foto non sembrava. Salendo abbastanza presto e a piedoni la neve sulla cresta era particolarmente dura e scivolare in quel punto nonostante avessi una bella picca non sarebbe stato simpatico. Si comprende bene il perchè del tunnel. Per raggiungere la cresta è stata messa una corda fissa sotto l'uscita del tunnel, e un paio di altre corde sotto la cornice. Diciamo che non sono indispensabili, però in alcuni momenti dell'anno potrebbero aiutare a salire se non sommerse dalla neve.

    Commenta

    • zotto
      New entry
      • Dec 2013
      • 32

      Dentro ho trovato questo cartello appeso







      quello che ho notato salendo è che lungo il sentiero che ripercorre l'ex pista è pieno di resti, legname vario, ferri per le reti, reti di protezione, ....
      Ultima modifica di zotto; 31-08-2021, 22:29.

      Commenta

      • Flober
        Utente Habilis
        • Nov 2007
        • 1876

        zotto, com e il sentiero per salire? Quanto ci vuole a salire? Non sapevo ci fosse un sentiero estivo

        Commenta

        • zotto
          New entry
          • Dec 2013
          • 32

          Flober sono partito dal plan Maison e ho seguito il sentiero n. 14 in comune al sentiero che porta al rifugio duca degli Abruzzi. Arrivato ad un certo punto ho seguito quello che doveva essere la vecchia pista, il sentiero non è ufficiale ma ci sono delle tracce e ogni tanto qualche omino di pietra. Ad ogni modo si va anche un po' a naso e seguendo gli sfasciumi e resti descritti sopra. Pericoli e difficoltà non esistono. Arrivati sotto l'ormai parete sotto il tunnel bisogna salire quel nevaio per arrampicarsi sopra quella c'è già rocciosa per poi salire sulla sella nevosa. La neve era ghiacciata e mi è dispiaciuto non avere i ramponi ma solo una Piccozza da ghiacciaio. Sono salito sulla cengia più o meno al centro(guardando la parere) perché il tratto su neve era meno lungo e poi mi sono spostato sulle rocce prima a dx e poi a sx. Attenzione che all'andata sulle rocce c'era un bel po di ghiaccio che rendeva tutto meno simpatico. Per salire sulla sella ho visto che ci sono 2 corde fisse, ma non sapendo e non vedendo dove erano ancorate non le ho usate e mi sono spostato a sx dove era più facile e non serviva l'aiuto della corda. Una volta sulla sella si cammina verso la ex stazione ma anche qui suggerisco di fare attenzione, la neve può essere moto dura e non si riesce a gradinare con gli scarponi e per raggiungere la parte di cresta con pietre sopra la fine del tunnel è molto ripido. Scivolare lì senza ramponi o picca non è simpatico. Il resto
          Poi è facile. Tempo della salita 2,5 ore con calma e valutazione dei passaggi meno complicati.
          Sono stato fortunato perché il meteo era bellissimo, certo che se arriva la nuvola e copre tutto e non vedi più nulla la cosa è meno bella. Allego qui sotto link della traccia.
          https://www.suunto.com/move/zottino8...31b703c76a1d18

          ​​

          Commenta

          • andre72
            MODERATORE
            • Nov 2005
            • 1784
            • Trieste

            Reportage molto interessante, ringrazio zotto per le preziose info, è da molti anni che cerco di trovare il momento per andare a visitare quella stazione, ma il meteo mi mette sempre i bastoni tra le ruote proprio nel periodo delle ferie, impedendomi di pianificare la tanto sperata escursione.

            Commenta

            • david
              Utente
              • Nov 2004
              • 235
              • Varese

              molto affascinante e infatti al Furggen, verrà lasciato tutto così...ma il resto...

              Commenta

              • Danielg45
                New entry
                • May 2008
                • 14

                Mio Dio cosa mi fa star male vedere lo sbocco del tunnel dal basso. MA chiedo ai più vecchi. Anche negli anni 80, in estate c'era il salto, oppure c'era ghiacciaio anche d'estate e usciti dal tunnel vi era neve?

                Commenta

                • Flober
                  Utente Habilis
                  • Nov 2007
                  • 1876

                  zotto grazie. Perciò senza picca si arriva solo a vedere la stazione da sotto.
                  Perciò un po di ghiacciaio li c e ancora.

                  Commenta

                  • zotto
                    New entry
                    • Dec 2013
                    • 32

                    Flober lo sconsiglio di salire senza picca almeno nelle condizioni che ho trovato in cresta. Ho visto però alcune foto con molta meno e quindi il passaggio su ghiaccio non lo avrei trovato. Da dire inoltre che se si arriva verso le 13.00 la neve sarebbe stata molto più morbida. Quindi, come spesso accade, rispondo: dipende da stagione e stagione e dall'orario.
                    ​​​

                    Commenta

                    • david
                      Utente
                      • Nov 2004
                      • 235
                      • Varese

                      Per rispondere sopra: quando è stato costruito il tunnel, si, vi era il ghiacciaio.

                      Commenta

                      • gabri
                        Utente Junior
                        • Feb 2008
                        • 68

                        da bambino presi questo impianto (e me la feci sotto perché quel giorno ci fu un blackout e rimasi appeso nel nulla per un quarto d'ora interminabile) e queste immagini mi fanno davvero male. Molto male.

                        Commenta

                        • Martagon
                          * Utente GOLD *
                          • Aug 2004
                          • 434
                          • Milano - Sauze d'Oulx
                          • Collaboratore stazioni sciistiche Val di Susa

                          Ripropongo un racconto di mio nonno (mancato 15 anni fa), grande sciatore e pioniere dello sci in italia.
                          Ha sempre raccontato questa pista come tra le più impressionanti, insieme alla Rosetta di San Martino di Castrozza (da lui definita la più ripida), alla forcella del Sassolungo (la più pericolosa) e alla forcella del Cristallo ... e tante altre che nei suoi racconti erano mitiche.

                          Tornando al Furggen, ricordo questi passaggi nel suo racconto:
                          1) ci si metteva gli sci su una piccola piazzola alla fine del tunnel (2 o 3 persone alla volta)
                          2) si partiva e c'era subito un pezzo molto ripido ed in diagonale, mediamente con neve durissima
                          3) In fondo a questo pendio c'erano delle reti di contenimento; una volta lui ha perso il controllo ed è finito nelle reti, da qui l'esperienza impressionante; le reti proteggevano dal vuoto

                          Mi sembra che il racconto combacia con la ricostruzione di zotto

                          Commenta

                          • pmghisalberti
                            MODERATORE
                            • Jun 2004
                            • 4362
                            • Provincia di Bergamo

                            Quando la feci negli anni 80 la cosa più "brutta" era proprio lo spazio ristretto per mettere gli sci, dato che sovente la neve era dura si doveva stare attenti e poi partir subito per lasciar posto a chi aspettava a meno di non essere gli ultimi. Di fantastico c'era che la pista era ampia rispetto al numero eseguo di sciatori e il Cervino sembrava di poterlo toccare.

                            Commenta

                            • gabri
                              Utente Junior
                              • Feb 2008
                              • 68

                              sicuramente questi ricordi non potranno essere vissuti dai posteri e non torneranno più, fino a che non ci sarà una inversione delle temperature globali. Ma, se anche così fosse, ne dovranno passare di decenni, forse secoli, ahimè

                              Commenta

                              • Flober
                                Utente Habilis
                                • Nov 2007
                                • 1876

                                gabri cosa vuoi dire

                                Commenta

                                • gabri
                                  Utente Junior
                                  • Feb 2008
                                  • 68

                                  Flober
                                  intendo la risalita del ghiacciaio al livello della passerella di uscita con gli sci di un tempo che fu...

                                  Commenta

                                  • Flober
                                    Utente Habilis
                                    • Nov 2007
                                    • 1876

                                    Non ho capito il riferimento all inversione delle temperature globali. Non ho capito il concetto che volevi dire in tutta la frase

                                    Commenta

                                    • gabri
                                      Utente Junior
                                      • Feb 2008
                                      • 68

                                      semplicemente che per rivedere il ghiacciaio all'altezza della passerella dell'uscita dal tunnel pedonale del Furggen occorreranno probabilmente secoli, perché bisognerà tornare ad una condizione di temperature medie molto più fredde per far sì che si riformi il ghiacciaio come era la situazione negli anni 60.

                                      Commenta

                                      • krisu
                                        MODERATORE
                                        • Mar 2004
                                        • 974
                                        • Innsbruck / Austria
                                        • * Progetto Cestovie: Tutte le cestovie del mondo --> www.retrofutur.org

                                        Il ghiacciaio presso la galleria pedonale nel 1993 e nel 2008:
                                        http://www.retrofutur.org/retrofutur...dex=image_med1

                                        Commenta

                                        • Flober
                                          Utente Habilis
                                          • Nov 2007
                                          • 1876


                                          E che Non basta solo i secoli per riformare il ghiacciaio

                                          Commenta

                                          NOTA Il forum è un luogo di discussione dove ogni intervento rappresenta il punto di vista del singolo utente che l'ha inserito. Ogni utente è responsabile del contenuto dei propri messaggi; il forum non è pre-moderato, l'amministrazione non si assume quindi nessuna responsabilità sui messaggi inseriti dagli utenti. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di qualsiasi contenuto digitale o di citazione dei messaggi del forum su altri media/web/riviste senza la nostra autorizzazione scritta. E' altresì vietato l'utilizzo degli stessi per fini commerciali senza nostra autorizzazione scritta. Tutti i contenuti di Funivie.org sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
                                          La consultazione di Funivie.org è completamente gratuita, qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata ne predeterminabile, non è una testata giornalistica, non esiste editore. Disclaimer.
                                          Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni
                                          Sto operando...
                                          X