annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

BOLOGNA Vecchia funivia Bologna - San Luca

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi
  • giorgio
    * Utente GOLD *
    • Aug 2003
    • 362
    • Bologna
    • G**RG**

    BOLOGNA Vecchia funivia Bologna - San Luca

    Non so se qualcuno di voi si ricorda della funivia che fino al 1976 collegava Bologna con il santuario di San Luca. Di essa riporto una foto storica qui in basso e, brevemente, alcuni dati sul periodo di servizio e sulle caratteristiche tecniche.

    Inaugurata il 14 Maggio 1931, dimessa il 7 Novembre 1976.
    Funivia va e vieni con fune portante, due traenti e una telefonica per via di corsa.
    Lunghezza inclinata: 1.328 metri;
    Lunghezza orizzontale: 1.307 metri;
    Pendenza media: 162 per mille;
    Dislivello: 221 metri.
    Si sviluppava su due campate con un unico pilone intermedio di cemento armato alto 25 metri; Scartamento: 5 metri in stazione, 7 metri al pilone;
    Velocità: 3,60 metri al secondo;
    Capacita dei veicoli: 20 persone;
    Durata della corsa di 6 minuti e 42 secondi;
    Portata oraria: 140–150 persone per ora e per ogni senso di corsa.
    Oggi non esiste più nulla: è stato abbattuto l’unico pilone, mentre la stazione di partenza è stata trasformata in un edificio residenziale, come si vede nella foto sottostante.

    L’attuale sindaco Giorgio Guazzaloca tempo fa annunciò di volerla ricostruire secondo le moderne tecnologie, ma chi sa mai se si farà, tra l’altro ormai a Bologna è tempo di campagna elettorale…

    C’è qualcuno che sa qualcosa di più, ad esempio da quale ditta fu costruito tale impianto o se era ed è frequente in certi casi l'utilizzo di due funi portanti?


    Riporto di seguito tre articoli pubblicati da Il Resto del Carlino nei giorni in cui la chiusura della funivia divenne una triste realtà. I primi due documentano sulle cause che portarono alla chiusura, mentre il terzo traccia una breve storia dell’impianto.

    Da Il Resto del Carlino del 7 Novembre 1976

    È scaduta la concessione dell'esercizio
    Da domani ferma la funivia di S. Luca
    La società non intende rinnovarla a causa del grosso deficit—Scioperano anche oggi i cinque dipendenti


    Da domani la funivia per San Luca sarà chiusa. La concessione alla società che l'ha avuta in esercizio scade infatti oggi e non sarà rinnovata. I motivi: l'eccessivo costo che, dopo essere stato affrontato appunto dalla società con forti sacrifici, non potrà più essere sostenuto a meno di interventi da parte degli enti locali interessati al servizio.

    Nello scorso anno circa 50 mila persone hanno usufruito delle «corse»: turisti, ma anche e sopratuttto abitanti della zona del colle che non hanno a disposizione altro mezzo pubblico per recarsi al lavoro e fare ritorno a casa.

    Che cosa ne sarà del vecchio impianto? Le ipotesi possibili sono poche: da incontri avuti con il Comune e con la Curia, la società non ha avuto grandi promesse. Da parte della Curia, infatti, si è fatto presente che la spesa sostenuta annualmente per la manutenzione del solo porticato che conduce alla Basilica è già quasi superiore alle possibilità economiche. Per l'amministrazione comunale, invece, già oberata da debiti per le linee dell'Atc, affrontare un'ulteriore spesa per mantenere in esercizio la funivia sarebbe un ulteriore «colpo» alle già magre disponibilità.

    In tutto questo frangente, chi si preoccupa di più della sospensione del servizio, oviamente, sono gli abitanti del colle ed i cinque dipendenti, che verrebbero a trovarsi da un giorno all'altro senza lavoro. Sembra infatti che a causa della loro età non possano essere «assorbiti» dall'Atc: l'unica possibilità attualmente ipotizzabile è quella—secondo i sindacati—di essere inseriti nel movimento cooperativo. Frattanto, per sottolinerae la loro rivendicazione di un nuovo lavoro, ieri i dipendenti hanno osservato due ore di scipopero (dalle 14 alle 16) e per oggi, se non interverranno fattori nuovi, dovrebbero incrociare le braccia per l'intera giornata, anticipando così di 24 ore la sospensione del servizio funiviario.

    Da parte della società concessionaria, frattanto, si sono avute numerose prove di buona volontà per non far scomparire un servizio decisamente utile: l'ultima è quella, addirittura, di donare l'intero impianto al Comune. Ma quest'ultimo non se la sentirebbe di accettare un «dono» che, nel giro di qualche mese, gli verrebbe a costare alcune centinaia di milioni. Le «funi» d'acciaio che sorreggono e trasportano i vagoncini, infatti, dovranno essere fra poco sostituite ed il loro costo è di circa mezzo miliardo.

    Servizio sociale, ma anche decisamente turistico, la funivia da quest'ultimo settore finora non ha avuto alcuna speranza. Eppure basterebbe che nell'anno il numero dei passeggeri aumentasse di qualche decina di migliaia per capovolgere o per lo meno appianare il rosso deficit. Anche Regione, Provincia e Camera di commercio non hanno assicurato alcun aiuto in extremis. Che cosa ne sarà allora, della vecchia funivia?


    Da Il Resto del Carlino del 10 Novembre 1976

    Non deve scomparire la funivia di San Luca
    E' sempre stata un'immagine turistica di Bologna, in tutto il mondo: perché «cancellarla» di colpo?—Difficile organizzare un buon servizio di autobus sostitutivo


    «Il servizio è provvisoriamente sospeso per lavori di manutenzione»: così dice un cartello affisso alla porta della stazioncina della funivia. «Provvisoriamente»; suona un po' male, giacché c'è il pericolo che la sospensione sia davvero definitiva. Finora, infatti, nessun passo avanti è stato compiuto nella complessa trattativa fra la Sacef, società concessionaria, e gli enti locali.

    L'amministratore unico della società, Gino Pardera, è ormai da tempo impegnato in incontri, che si sono ridotti, però, a una sterile domanda senza alcuna risposta.Già il 26 gennaio scorso, nell'imminenza della scadenza della concessione (che era quarantennale: l'atto ufficiale porta le firme e i timbri del re e di Ciano) la Sacef inviò una lettera al sindaco, alla Regione, alla Provincia, alla Prefettura, alla Camera di Commercio, all'Ente provinciale per il turismo, all'Ispettorato della motorizzazione, alla Curia, alla Camera del lavoro e al quartiere Costa–Saragozza, facendo presente l'imminente scadenza della concessione e ricordando l'impossibilità, da parte della società stessa, di proseguire l'esercizio della funivia a causa del continuo aumento dei costi e della rarefazione del numero dei passeggeri.

    Nella lettera, fra l'altro, si faceva presente che nel 1975 la società si era dovuta accollare una spesa di oltre 25 milioni per lavori prescritti dall'Ispettorato della motorizzazione e che, nonostante i contributi (estremamente esigui) di vari enti, la gestione dell'impianto aveva avuto, specie in questi ultimi anni, una passività insostenibile, per cui era stato fatto dalla società il massimo sforzo per giungere alla scadenza quarantennale della concessione. La lettera inoltre ricordava due articoli dell'atto di concessione, in base ai quali il Comune avrebbe avuto la facoltà di subentrare al concessionario rilevando gli impianti alla scadenza e, qualora il Comune non intendesse valersi di tale diritto, il concessionario avrebbe dovuto sospendere il servizio.

    La lettera costituiva un vero «grido d'allarme»: ciò malgrado, soltanto il Comune rispose, fissando un incontro con l'amministratore.

    Ora il dispiacere maggiore per l'amministratore della società (che fra l'altro ha proposto addirittura la donazione dell'intero impianto all'amministrazione comunale) è proprio quello di vedere un assoluto disinteresse da parte di tutti gli enti cittadini. La funivia—dice—in fondo è una caratteristica di Bologna: non vi è depliant che reclamizzi la città che non ne faccia cenno; vi sono vecchie stampe e cartoline che ne illustrano il tracciato che hanno fatto il giro del mondo. E' possibile che nessuno voglia ammettere le «benemerenze» del vecchio impianto? Non è forse un'attrattiva turistica? Non merita forse un contributo più cospicuo da quegli stessi enti che sovvenzionano abbondantemente, ad esempio, gli impianti di Lizzano, utilizzati sopratutto per le vacanze, mentre la funivia di San Luca costituisce un servizio pubblico?

    Fra l'altro, lo stesso Pardera rileva come la sostituzione del servizio funiviario con quello autobussistico sia piuttosto improbabile: mentre la funivia compie il tragitto città–colle in poco più di quattro minuti, per un autobus il percorso richiede oltre venti minuti: quanti mezzi pubblici servirebbero, allora, la domenica, per portare alla basilica centinaia di persone?


    Da Il Resto del Carlino del 12 Novembre 1976

    Ha quasi mezzo secolo la funivia di San Luca


    La funivia di San Luca è ferma, e il fatto francamente non ci piace, ci procura un disagio che è fisico e spirituale insieme.

    Non si tratta soltanto di nostalgia, di «ripiegare liricamente il capo sopra ciò che sta scomparendo», come è stato recentemente scritto in un pamphlet sulla cultura bolognese: si tratta di riflettere sulla convenienza o meno di sopprimere un mezzo di trasporto utile alla cittadinanza e al turismo. È, infatti, chiaro che la soppressione della funivia costringerebbe coloro che hanno le loro abitazioni sul Colle della Guardia, i religiosi del Santuario e i numerosi turisti e pellegrini a ricorrere esclusivamente all'automobile o alle proprie gambe, perché un buon servizio sostitutivo di autobus sarebbe di non facile organizzazione.

    Certo è che la decisione di sopprimere questa funivia priva Bologna anche di un elemento divenuto oramai peculiare della sua fisionomia paesaggistica e di una certa tradizione — sia pure relativamente recente — entrata nella vita della città. Non v'è dubbio che la funivia fa parte dell'immagine di Bologna, come il Santuario dedicato alla B. Vergine di San Luca, come il singolare portico che ad esso conduce con le sue edicole e cappelle per la via crucis e le lapidete ricordanti i cittadini che contribuirono con offerte in denaro alla sua costruzione.

    «La Funivia» per i bolognesi è divenuta un toponimo della città — anche se non ufficialmente —, ha assunto la ben precisa connotazione di un punto di riferimento cittadino per quanto riguarda il luogo dove sorge la stazione di partenza a valle, proprio nel punto dove confluiscono la via Porrettana e la via Andrea Costa, dov'era un tempo la Villa Pardo. Transitando da quelle parti ci veniva spontaneo guardare se la funivia era in funzione o ferma, quasi per accertarci della sua presenza legata a piccole suggestioni infantili o comunque a memorie d'altri tempi, quando «prendere la funivia» era un'emozione e quasi un minuscolo viaggio in aereo: se anche vedevamo la cabina in sosta, eravamo certi che da un momento all'altro avrebbe ripreso la sua arrampicata verso la collina, e ciò in un certo senso ci rassicurava.

    La realizzazione di un mezzo di trasporto alternativo alla pur piacevole, ma interminabile, camminata sotto le volte del porticato più lungo del mondo (km. 3,500 da Porta Saragozza al Santuario) risale ad un'epoca oramai lontana: l'ingegnere bolognese Alessandro Ferretti, che è senz'altro uno dei pionieri delle moderne tecniche di locomozione, studiò un progetto per l'installazione di una funicolare che, partendo dal Meloncello, doveva costeggiare il lunghissimo porticato fino ad arrivare alla chiesa in cima al colle. Il comune concesse di fare alcune prove, ma non se la sentì per dare il nullaosta per la realizzazione definitiva dell' impianto; allora il Ferretti si rivolse direttamente al ministero dei Trasporti ed ottenne un permesso provvisorio limitatamente al periodo di durata della Esposizione regionale del 1888 ai Giardini Margherita; purtroppo il decreto prefettizio con la concessione arrivò soltanto il 1.o agosto di quell'anno, a tre mesi dalla chiusura della grande manifestazione espositiva, e così la simpatica funicolare ebbe vita brevissima. Il 21 aprile 1889, fu fatto dal Ferretti un tentativo di ripresa dell'esercizio, ma il 25 luglio anche quest'ultimo esiguo periodo di attività ebbe termine.

    L'attuale funivia, che raccolse l'immediato consenso fra i bolognesi, fu voluta, studiata e realizzata dall'ingegner Ferruccio Gaspari, il quale la progettò con un itinerario aereo che parte dal bivio dell'ex Villa Pardo, passa a destra del cascinale Ara Vecchia, a nord–ovest di Ca' Bellona, sorpassa il cascinale La Bora e raggiunge il Colle della Guardia al piazzale dell'ex forte superiore di San Luca, ove è situata la stazione a monte. Fu inaugurata ufficialmente il 14 maggio 1931 dall'allora ministro delle Comunicazioni Costanzo Ciano e benedetta dal cardinale Nasalli Rocca da Cornegliano, Arcivescovo di Bologna.

    Gestita dalla Società anomima costruzione esercizio funivia (Sacef), la funivia bolognese è del sistema «va e vieni», con fune portante, due traenti e una telefonica per via di corsa. La lunghezza inclinata è di 1.328 metri; in orizzontale di 1.307 metri; la pendenza media è del 162 per mille; il dislivello superato di 221 metri. Si sviluppa su due campate con un unico pilone intermedio di cemento armato alto 25 metri; lo scartamento è di 5 metri in stazione, di 7 metri al pilone; la velocità è di 3,60 metri al minuto secondo; la portata di 20 persone; la durata della corsa di 6 minuti e 42 secondi; la potenzialità di trasporto è di 140–150 persone per ora e per ogni senso di corsa.

    La Bologna–San Luca, quando entrò in funzione s'impose fra le meglio attrezzate, le più frequentate e le più economiche funivie d'Europa: il successo fu strepitoso, tanto che il suo costruttore poté così dichiarare in una memoria al Comune di Bologna: «Buona parte dei bolognesi nei giorni dedicati al riposo settimanale vanno volentieri al Colle della Guardia che solo ora, con la moderna funivia e con le attrezzature accessorie, può offrire le comodità indispensabili. Il traffico che si addensa particolarmente nei giorni festivi dimostra pure che la corrente dei turisti nasce anche in buona parte dalla finitime province, dalle quali in escursioni domenicali molto volentieri viene raggiunto il santuario di San Luca».
  • PIEMONTE_FUNIVIE
    MODERATORE GLOBALE
    • Oct 2003
    • 381
    • Gaggiano - Milano

    Un' altra particolarità di questa funivia è che i cancelletti d' accesso non erano disposti lateralmente come di consuetudine, ma frontalmente.

    Ciao

    Commenta

    • Paolo
      ADMIN
      • Jul 2003
      • 23515
      • FVG

      Stazione a monte:


      Frutto di uno studio che ci riporta addirittura alla fine dell’Ottocento, la funivia per San Luca può ben dirsi figlia del Ventennio. Realizzata con tecniche definite all’epoca decisamente innovative, fu collaudata nel 1930 e aperta al pubblico il 21 aprile del ’31sotto la direzione dell’ingegner Ferruccio Gasparri.

      La gestione venne affidata alla SACEF (Società Anonima Costruzioni ed Esercizio Funivie) che ne aveva ottenuta la concessione nel ’28. Aveva due cabine che portavano 18 passeggeri ognuna: mentre una saliva l’altra scendeva, cosicché ce n’era sempre una pronta a partire in tutte e due le stazioni distanti tra loro 1372 metri.

      Un unico pilone alto 25 metri sosteneva le campate dei cavi il più grosso dei quali (quello di sostegno) aveva un diametro di 46 millimetri.

      Viaggio Inaugurale:


      Il percorso aveva un dislivello di 220 metri e veniva coperto in sei minuti e mezzo. Per l’inaugurazione ufficiale fu scelta la giornata del 14 maggio dello stesso anno, in occasione dell’Esposizione del Littoriale (il nome che avevano dato allo stadio in quegli anni un po’ balzani). Arrivarono le autorità: alle nove e mezzo di mattina tutti in stazione in un delirio di gagliardetti per accogliere il Ministro delle Comunicazioni Costanzo Ciano (babbo di Galeazzo) e il Sottosegretario agli Interni Leandro Arpinati. Verso le cinque del pomeriggio i due salirono, nella stazione a valle, sulla cabina della funivia assieme ai dirigenti dei fasci bolognesi e si ritrovano in un baleno a San Luca. L’impianto era inaugurato! La funivia nacque però sotto una cattiva stella. La trionfale giornata bolognese doveva concludersi infatti al Teatro Comunale con un concerto diretto dal maestro Arturo Toscanini. Ma all’imposizione di dirigere "Giovinezza" all’ingresso in teatro di Ciano e Arpinati, Toscanini si oppose con forza e finì per essere aggredito da un gruppo di fascisti uno dei quali gli tirò un ceffone in pieno viso. Il concerto fu annullato e Toscanini lasciò in serata Bologna e dopo qualche giorno l’Italia: sarebbe tornato solo dopo l’avvento della Repubblica. La funivia conobbe il periodo migliore della sua vita e fece onestamente il suo lavoro fino ai primi bombardamenti della seconda guerra mondiale, poi il servizio fu sospeso per riprendere soltanto agli inizi degli anni Cinquanta. Alla riapertura le cose sembravano ancora mettersi bene: pochissimi i turisti, ma molte le scampagnate e le passeggiate romantiche. Per compiere l’intero tragitto bastavano adesso soltanto quattro minuti. Anche gli abitanti della collina usavano la funivia per venire a Bologna. Le spese di gestione dell’impianto andavano però aumentando ed i collaudi periodici mettevano a dura prova i bilanci della SACEF. Negli anni Sessanta, forse a causa dell’uso maggiormente diffuso dell’automobile, cominciò il lento declino che nel decennio successivo avrebbe portato al disastro. Nel 1975 la SACEF dovette accollarsi la spesa di 25 milioni di lire per una serie di interventi richiesti dall’Ispettorato della Motorizzazione. Gino Pardera, amministratore unico della società, fece sapere di non farcela più a sostenere i costi di esercizio e chiese, senza ricevere risposta, l’intervento dell’amministrazione e degli enti preposti. Il 26 gennaio dell’anno seguente Pardera scrisse una lettera al Comune, al Sindaco, alla Regione, alla Provincia, alla Prefettura, alla Camera di Commercio, all’Ente Turismo, alla Motorizzazione, alla Curia, alla Camera del Lavoro e al Quartiere Costa Saragozza, nella quale annunciava la volontà di rinunciare alla concessione se nessuno fosse venuto in suo aiuto. Anche questa volta nessuno si fece avanti.

      Si arrivò così all’epilogo. "Da domani ferma la funivia per San Luca" titolò il Resto del Carlino del 7 novembre 1976. I Bolognesi si allarmarono e protestarono, ma ormai era troppo tardi. I cinque dipendenti dell’impianto decisero di attuare una giornata di sciopero, anticipando di fatto la chiusura definitiva. alla porta della stazioncina fu appeso un cartello in cui si leggeva: Il servizio è provvisoriamente sospeso per motivi di manutenzione. Questo è tutto. "Dobbiamo veramente rassegnarci - scrisse la signora Fernanda Sacchetti al Resto del Carlino il 16 novembre del 1976 - a non vedere più la suggestiva, attraente, pittoresca funivia di San Luca? Per la nostra bella funivia, vanto per i Bolognesi

      e attrattiva per i forestieri, non è possibile reperire le lire occorrenti a tenerla in vita? E i Bolognesi che fanno? Lasciano fare (in questo caso disfare) senza reclamare, denunciare, scioperare? Via non facciamoci, oltretutto, minchionare: non dipenderà di sicuro il mantenere o no in vita questa bella istituzione ad aggravare la nostra bilancia, locale o nazionale dei pagamenti".

      Nessuno rispose alla lettera della signora Sacchetti. Quelle poche righe sul Carlino furono l’insolito epitaffio per la nostra funivia, di cui restano oggi solamente alcune malinconiche cartoline illustrate, un pilone desolato ancora in piedi a mezza costa e forse un po’ di nostalgia.
      Dalcero.com

      > La Funicolare di Bologna <

      Commenta

      • giorgio
        * Utente GOLD *
        • Aug 2003
        • 362
        • Bologna
        • G**RG**

        Ecco un’altra foto della funivia di San Luca tratta da una cartolina del 1948.

        Commenta

        • kaonashi
          Curioso
          • Jul 2004
          • 66
          • Milano

          amarcord

          ah....me la ricordo bene eccome....le vetture rossoblu negli anni 1968-70 e giallorosse negli anni successivi. L'ho presa l'ultima volta nel settembre 75 e non mancavano i passeggeri... poi credo che nel settembre 76 funzionasse solo la domenica....certo non era ardita come quelle alpine ma aveva un suo fascino eccome.... Era singolare la mancanza della fossa di servizio alle stazioni con l'arrivo rasente al pavimento a valle ed il pavimento che ricordo di gomma scura a listelli alla stazione a monte.. e poi il panorama crescente che si vedeva....il rito del saluto all'altra vettura quando ci si incrociava...la porta di ingresso posteriore e non laterale...... ma possibile che non si trovasse da finanziare la messa in sicurezza mentre si inseguiva l'utopia degli autobus gratis? :inc:

          Commenta

          • Marco Rossetti
            Curioso
            • Sep 2004
            • 28
            • Roma

            >Scartamento: 5 metri in stazione, 7 metri al pilone

            Che cos'è esattamente lo scartamento x una funivia? Forse la distanza fra le portanti di ciascuna via di corsa? E se è così le 2 portanti sarebbero state "ad angolo"?!?
            Possibile?
            O sto prendendo 1 granchio?

            Ciao
            mr

            Commenta

            • campolino
              * Utente GOLD *
              • Feb 2004
              • 1536
              • Firenze Le Regine (PT)

              un altra immagine

              Commenta

              • Paolo
                ADMIN
                • Jul 2003
                • 23515
                • FVG

                La cabina è diversa? Guardate il bordo del tetto sopra alla finestra laterale

                Commenta

                • Parh90
                  Curioso
                  • Sep 2004
                  • 221
                  • Novara

                  sì, sembra diversa pure la sospensione

                  Commenta

                  • Michele L
                    Utente Sapiens
                    • Mar 2005
                    • 789
                    • Scandicci (Firenze)

                    Io passando di lì ho visto ancora il pilone.....

                    Commenta

                    • Giorgetto 41
                      Curioso
                      • May 2004
                      • 59
                      • Bologna/Modena /st.Moritz
                      • Ora sono libero, un uomo OLTRE
                        Pace a me che non so amare ancora ciò che ho e non so non amar quel che non ho. (Claudio Baglioni)

                      Quanti ricordi...la vedevo tutte le domeniche quando caricati i figli in macchina si andava allo stadio a vedere la partita. Finita questa, 10 min. di osservazione. Bei tempi. (anche perchè avevo 30 anni in meno )

                      Commenta

                      • campolino
                        * Utente GOLD *
                        • Feb 2004
                        • 1536
                        • Firenze Le Regine (PT)

                        quanta nostalgia a vedere ancora quel pilone dall'autostrada

                        Commenta

                        • bifune67
                          * Utente GOLD *
                          • Dec 2003
                          • 1074
                          • Milano

                          Avete notato la mancanza delle fosse nella stazione di valle?

                          Ci sono i recinti per trattenere la gente, ma non l'invito per la cabina, che entrando in orizzontale era libera di oscillare a pochi centimetri dal pavimento.

                          bifune

                          P.S: bellissime foto/cartoline!!

                          Commenta

                          • Ski Civetta
                            * Utente GOLD *
                            • Sep 2004
                            • 907
                            • Bologna - Selva di Cadore
                            • Ski Civetta

                            Originariamente inviato da bifune67
                            Avete notato la mancanza delle fosse nella stazione di valle?

                            Ci sono i recinti per trattenere la gente, ma non l'invito per la cabina, che entrando in orizzontale era libera di oscillare a pochi centimetri dal pavimento.

                            bifune

                            P.S: bellissime foto/cartoline!!
                            effttivamente è molto particolare però c'è da dire che il dislivello è basso, e quindi evidentemente per l'incloinazione delle funi non serviva una fossa

                            Commenta

                            • gherol84
                              Curioso
                              • Sep 2005
                              • 151
                              • Bologna
                              • Sulla montagna sentiamo la gioia di vivere, la commozione di sentirsi buoni e il sollievo di dimenticare le miserie terrene. Tutto questo perché siamo più vicini al cielo.
                                Emilio Comici

                              Segnalo a tutti gli interessati la

                              MOSTRA DOCUMENTALE: la Funivia Bologna - San Luca

                              Presso il MUSEO DELLA BEATA VERGINE DI SAN LUCA (Piazza di Porta Saragozza, 2)
                              organizzata dalla Associazione Beata Vergine di San Luca con il patrocinio del Comune di Bologna e a cura di Piero Ingenni

                              la mostra innaugurata il 12 Settembre sarà visitabile fino al 10 Dicembre nei gioni e negli orari seguenti:
                              Da martedì a sabato dalle ore 9 alle 13
                              Giovedì dalle ore 9 alle 18
                              Domenica dalle ore 10 alle 18
                              L'ingresso è gratutito

                              Commenta

                              • Paolo
                                ADMIN
                                • Jul 2003
                                • 23515
                                • FVG

                                Originariamente inviato da Marco Rossetti Visualizza il messaggio
                                >Scartamento: 5 metri in stazione, 7 metri al pilone

                                Che cos'è esattamente lo scartamento x una funivia? Forse la distanza fra le portanti di ciascuna via di corsa? E se è così le 2 portanti sarebbero state "ad angolo"?!?
                                Possibile?
                                O sto prendendo 1 granchio?

                                Ciao
                                mr
                                Scartamento è un termine ferroviario che indica la distanza tra le facce interne di due rotaie (due rotaie formano la via di corsa detta binario). Se portiamo il termine nel mondo funiviario lo scartamento diventa quindi la distanza tra due funi portanti e vale solo per le funivie a doppia portante o i 3S (dato che la via di corsa diventa il binario)

                                Il termine corretto è invece intervia che, come dice il termine stesso inter-via, è la distanza tra le vie di corsa misurata al centro delle vie di corsa. In una funivia a singola portante è quindi la distanza tra le funi portanti delle due vie di corsa, nelle funivie a doppia portante è la distanza tra le funi traenti che si trovano ognuna tra le due portanti della propria via di corsa.

                                Commenta

                                • david64
                                  Curioso
                                  • Nov 2006
                                  • 11

                                  Originariamente inviato da campolino Visualizza il messaggio
                                  Funivia Bologna S. Luca 1931 (Officine Meccaniche di Bressanone)

                                  Commenta

                                  • gherol84
                                    Curioso
                                    • Sep 2005
                                    • 151
                                    • Bologna
                                    • Sulla montagna sentiamo la gioia di vivere, la commozione di sentirsi buoni e il sollievo di dimenticare le miserie terrene. Tutto questo perché siamo più vicini al cielo.
                                      Emilio Comici

                                    Ecco qualche nuova foto:
                                    http://www.volabologna.it/forum/view...php?f=8&t=1393

                                    Commenta

                                    • PIEMONTE_FUNIVIE
                                      MODERATORE GLOBALE
                                      • Oct 2003
                                      • 381
                                      • Gaggiano - Milano

                                      Un amico di Bologna ha scattato qualche foto sullo stato attuale degli edifici e del pilone della funivia Bologna-San Luca
                                      Ecco il link: https://www.facebook.com/media/set/?...message_bubble

                                      Commenta

                                      • Paolo
                                        ADMIN
                                        • Jul 2003
                                        • 23515
                                        • FVG

                                        Commenta

                                        • Paolo
                                          ADMIN
                                          • Jul 2003
                                          • 23515
                                          • FVG

                                          Commenta

                                          • Paolo
                                            ADMIN
                                            • Jul 2003
                                            • 23515
                                            • FVG

                                            Commenta

                                            • Paolo
                                              ADMIN
                                              • Jul 2003
                                              • 23515
                                              • FVG

                                              Segnalo e consiglio molto questo nuovo libro
                                              https://www.ebay.it/itm/BOLOGNA-LA-F...16.m2518.l4276

                                              finito di leggere ieri, molto interessante sia per la storia che per l'accurata descrizione tecnica dell'impianto, con varie foto che però non ritraggono mai i locali macchine purtroppo.

                                              Commenta

                                              • Michele L
                                                Utente Sapiens
                                                • Mar 2005
                                                • 789
                                                • Scandicci (Firenze)

                                                https://forum.volabologna.it/viewtopic.php?f=8&t=1393 qui ci sono due foto della sala macchine

                                                Commenta

                                                • Paolo
                                                  ADMIN
                                                  • Jul 2003
                                                  • 23515
                                                  • FVG

                                                  Come si complicavano la vita con rinvii e ingranaggi sovrabbondanti... c'è da dire che siamo molto migliorati

                                                  Commenta

                                                  • Fraggo
                                                    Utente Sapiens
                                                    • Jun 2015
                                                    • 697
                                                    • Lombardia

                                                    La tecnica si evolve semplificando quasi sempre, eventualmente si complica per altre cose aggiunte che prima non esistevano, ma la bravura è semplificare

                                                    Commenta

                                                    • Gozzy
                                                      Utente Junior
                                                      • May 2021
                                                      • 132
                                                      • colline del Canavese


                                                      Un video della stazione a monte di quello che resta, girato da un filmaker poco tempo fa

                                                      https://youtu.be/tQHabkzYng4

                                                      Commenta

                                                      NOTA Il forum è un luogo di discussione dove ogni intervento rappresenta il punto di vista del singolo utente che l'ha inserito. Ogni utente è responsabile del contenuto dei propri messaggi; il forum non è pre-moderato, l'amministrazione non si assume quindi nessuna responsabilità sui messaggi inseriti dagli utenti. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di qualsiasi contenuto digitale o di citazione dei messaggi del forum su altri media/web/riviste senza la nostra autorizzazione scritta. E' altresì vietato l'utilizzo degli stessi per fini commerciali senza nostra autorizzazione scritta. Tutti i contenuti di Funivie.org sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
                                                      La consultazione di Funivie.org è completamente gratuita, qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata ne predeterminabile, non è una testata giornalistica, non esiste editore. Disclaimer.
                                                      Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni
                                                      Sto operando...
                                                      X