annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

GARMISCH EHRWALD Storia delle vecchie funivie della Zugspitze

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Paolo
    ha risposto
    Devo sistemarla questa mappa, ci sono cose che non tornano confermo

    - - - Aggiornato - - -

    Speciale sulla storia http://www.vonbleichert.eu/tiroler-zugspitzbahn/

    Lascia un commento:


  • tobia18
    ha risposto
    Si, esatto, dove prima c'era quella vecchia funivietta della Kupfer.

    Su questa cartina manca la Hölzl giusto?

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    Quale sarebbe che intendi? Quella verso l'osservatorio?

    Lascia un commento:


  • tobia18
    ha risposto
    Il primo tronco della vecchia funivia è stato rifatto.



    Una foto dell'argano Hölzl

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    La tedesca

    Lascia un commento:


  • MaTT telemark
    ha risposto
    Quale consigliate delle due? austriaca o tedesca?

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    Originariamente inviato da Werner Visualizza il messaggio
    Sul sostegno a metà percorso della funivia tedesca anni fà c' era un trasbordo e le cabine erano 4 come sul Faloria o a Solda.

    Deve essere stato emozionante trasbordare in cima a un pilone :o

    Quella austriaca mi sembra di capire dai francesi?

    - - - Aggiornato - - -

    Pucio ma sei stato in quella austriaca o quella germanica? Il carrello a calata è su quella austriaca garaventa, ma io mi riferivo a quella germanica, che è sempre senza fune di soccorso...stiamo facendo confusione

    - - - Aggiornato - - -

    Originariamente inviato da deggiovanni Visualizza il messaggio
    Inoltre vorrei aggiungere che, a quanto ho capito durante la mia visita nel marzo scorso e dal libretto che ho preso su in cima, quell'edificio definito in monografia "centro di ricerca" altro non è che la vecchia stazione della cremagliera, con annesso albergo, che faceva anche da stazione intermedia tra la discesa sul plateau di Sonn Alpin e la cima della Zugspitze. Infatti era collegata sia a valle (con la monocabina tuttora esistente) sia a monte con una va e vieni che è stata probabilmente smantellata quando hanno costruito il nuovo tunnel della cremagliera, che arriva direttamente a Sonn Alpin, e la nuova va e vieni della Hoelzl (la cui stazione di arrivo a monte ha preso il posto della stazione della va e vieni di cui sopra). Appena riesco scannerizzo le foto del libro e le metto sul sito.
    Questo era il tronco alto
    http://www.funivie.org/mondofuniviar....php?pid=14184

    e questo il tronco basso attivo ufficialmente fino al 2009, ora non so come ci arrivino lassù...per caso esiste ancora il tunnel ferroviario?
    http://www.funivie.org/mondofuniviar....php?pid=14183

    - - - Aggiornato - - -

    Ho aggiunto anche le prime funivie lato austriaco
    primo tronco (quello che aveva l'intermedia negli anni 60, con 4 cabine): http://www.funivie.org/mondofuniviar..._display_media
    secondo tronco: http://www.funivie.org/mondofuniviar..._display_media

    Lascia un commento:


  • pucio79
    ha risposto
    http://www.remontees-mecaniques.net/...tage-2457.html

    Mi sa che ci hai azzeccato. Dal sito dei cugini di Remontees Mecaniques è spiegato con tanto di disegni e foto. Praticamente nella prima parte creedo fino al pilone N°1 soccorso per calata e nel resto della linea con carrellino direttamente da monte con fune di soccorso che si appoggia sui cavallotti e piloni nella parte interna. Qualcuno che sa bene il francese potrebbe spiegarlo meglio

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    Bella domanda...non c'è la fune di soccorso...a questo punto credo carrello con argano a tamburo a monte....

    Lascia un commento:


  • pucio79
    ha risposto
    Capito. Non ci sarei mai arrivato. Per il soccorso come fanno?

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    L'impianto ha motrice a valle con contrappeso traente sotto l'argano; unteres gegenseil è traente inferiore, obere zugseil è traente superiore; in questi casi quella che solitamente è la zavorra deve diventare grossa come la traente superiore, perchè è la prima che traina su la cabina opposta.

    Lascia un commento:


  • pucio79
    ha risposto
    Ci sono capitato per caso sabato di ritorno dai castelli di Fussen. Non conosco bene il tedesco, secondo me la fune traente è di 38mm e la fune zavorra di 36mm. Subito ho pensato fosse la fune di soccorso, ma guardando la linea non esiste proprio. Domande: ho azzeccato la differenza tra traente e zavorra? In tal caso come mai questa minima differenza? Costi? Il soccorso in questo caso come viene effettuato?

    Lascia un commento:


  • AndrewMag
    ha risposto
    GARMISCH 44-ATW Eibsee-Zugspitze

    Uno degli impianti più tecnici d'Europa, molto simile per tipologia di tracciato alla nostra Direttissima della Paganella,
    inutile fare presentazioni!
    Impianto Heckel del 1962, ormai in sostituzione...

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    50 anni della funivia

    http://translate.google.it/translate...e-2900607.html

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    Monografia di Remontees con il nuovo argano Doppelmayr Italia
    http://translate.google.it/translate...tage-3665.html


    ...e prezzo A/R passato a 47 euro

    Lascia un commento:


  • BALLA77
    ha risposto
    Meraviglia meravigliosa delle meraviglie!

    noi avremmo gli attentati ambientalisti contro un impianto del genere....

    ad ogni modo: notato il pezzo di filmato fatto a velocità 10x in cui si vede chiaramente la linea della vettua in discesa che si muove trasversalmente per il vento? oltre il dondolio della vettura si vede in modo molto chiaro che l'intera linea delle portanti si muove di lato.... semplicemente impressionante.

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    Dato che mancavano i dati tecnici dell'impianto germanico:

    Lunghezza inclinata 4453 m

    4 funi portanti (2 per via di corsa) – 46 mm ∅
    hiv/httpd/bayzug/bilder/Minis/CD170196/zu0196_26eci.jpg[/img]
    Peso: ciascuna 60 t
    2 funi traenti impalmate – 29 mm ∅
    Peso: ciascuna 30 t

    Campata maggiore dal pilone 2 a monte, 2626 metri
    Franco verticale massimo tra cabina e terra 240 metri

    Contrappesi
    4 blocchi da 46,5 t per le portanti
    2 blocchi da 26,0 t per le funi traenti

    Pendenza massima
    46 Gradi,

    Argani 2 motori da 445 kW
    Argano emergenza 1 motore da 445 kW
    Argano recupero idraulico 94 kW

    Sostegni:
    1: altezza 65 metri
    2: altezza 85 metri

    Velocita 10 m/s, con emergenza 8 con soccorso 1,1 m/s

    Argano motore a valle con contrappeso sotto l'argano realizzato dalla Hoelzl di Lana (BZ)

    Lascia un commento:


  • Werner
    ha risposto
    Sul sostegno a metà percorso della funivia tedesca anni fà c' era un trasbordo e le cabine erano 4 come sul Faloria o a Solda.

    Deve essere stato emozionante trasbordare in cima a un pilone :o

    Lascia un commento:


  • Werner
    ha risposto
    Originariamente inviato da bifune67
    Aggiungo il particolare che il secondo tronco di arroccamento, quello dalla cima dello Zugspitze (letteralmente "La cima del treno") al ghiacciaio..!!!
    bifune
    La Zugspitze si chiama così da molti secoli per i numerosi Lavinenzüge, cioè i numerosi canali (cammini o percorsi) fatti dalla valanghe.

    Lascia un commento:


  • daniele
    ha risposto
    Originariamente inviato da diego
    Bellissimo lo speciale!
    Mi date le quote di partenza e di arrivo di tutti sti impianti? La massima pendenza quindi è alla stazione a monte del tronco Austriaco (davvero incredibile)?
    Grazie...
    Lunghezza Monte Valle Dislivello P/H
    Tiroler Zugspitzbahn 3.600 2.950 1.225 1.725 730
    Gletscherbahn 1.000 2.950 2.590 360 1.000
    Brunntal 1.100 2.300 2.000 300 1.440
    Wetterwandeck I II 1.200 2.700 2.400 300 1.200
    Weißes Tal 1.250 2.650 2.300 350 1.200
    Sonnenkar 950 2.588 2.303 285 2.200
    Schneefernerkopf I II 790 2.720 2.560 160 1.000
    Gletschersee I II 760 2.700 2.560 140 1.200

    Lascia un commento:


  • andmann
    ha risposto
    Su qualche libro vecchio ho visto un pò di foto dei vecchi impianti che popolavano la zugspiteze....a quei tempi era un vero e proprio groviglio di cavi, piloni, stazioni intermedie; non si capiva niente. Adesso, col fatto che hanno costruito le 2 linee principali in un solo tronco, la situazione è molti più chiara.
    Però vi assicuro, da quelle foto vecchie non si capiva veramente niente.
    Se trovo quelle immagini le posto.

    Lascia un commento:


  • deggiovanni
    ha risposto
    Inoltre vorrei aggiungere che, a quanto ho capito durante la mia visita nel marzo scorso e dal libretto che ho preso su in cima, quell'edificio definito in monografia "centro di ricerca" altro non è che la vecchia stazione della cremagliera, con annesso albergo, che faceva anche da stazione intermedia tra la discesa sul plateau di Sonn Alpin e la cima della Zugspitze. Infatti era collegata sia a valle (con la monocabina tuttora esistente) sia a monte con una va e vieni che è stata probabilmente smantellata quando hanno costruito il nuovo tunnel della cremagliera, che arriva direttamente a Sonn Alpin, e la nuova va e vieni della Hoelzl (la cui stazione di arrivo a monte ha preso il posto della stazione della va e vieni di cui sopra). Appena riesco scannerizzo le foto del libro e le metto sul sito.

    Ciao
    Filippo

    Lascia un commento:


  • andmann
    ha risposto
    una mappa, vista dal versante austriaco, ma già dove ci sono gli imipianti sciistici, siamo in territorio tedesco..da li c'è la funivia hoelzl che arriva in cima; la megafunivia che sale da eibsee da qui non si vede, anzi si intravede che sale sulla sinistra, cmq è dal versante opposto rispetto a questo di ehrward.

    Lascia un commento:


  • andmann
    ha risposto
    Allora Diego, ti illustro la situazione: ci sono due megaimpianti, cioè che partono da valle e arrivano in cima a quasi 3000 metri; uno parte da erhward (A) e l'altro da eibsee, vicino garmisch (D), entrambi arrivano con un unico tronco in cima. Sul versante tedesco, poi c'è un'altra funivia (la hoelzl ad unica campata) che parte dalla zona dello sci (invernale e, una vola, anche estivo) dove si trova l'ormai nevaio e raggiunge la cima; quest'ultimo è molto più corto e serve a collegare gli impianti sciistici alla cima.

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha risposto
    Probabilmente in inverno, in estate sicuramente no; si stanno facendo dei lavori per abbassare le stazioni a monte; lascio la parola a chi è andato a vedere i lavori di persona

    Lascia un commento:


  • dany80
    ha risposto
    Bellissima monografia Domanda: gli skilift delle ultime foto funzionano in qualche periodo dell'anno? i rulli sembrerebbero abbastanza nuovi....

    Lascia un commento:


  • andmann
    ha risposto
    Bellissima monografia, un giusto tributo ad un impianto ed una montagna eccezionali.

    Lascia un commento:


  • Paolo
    ha iniziato la discussione GARMISCH EHRWALD Storia delle vecchie funivie della Zugspitze

    GARMISCH EHRWALD Storia delle vecchie funivie della Zugspitze

    > MONOGRAFIE DEGLI IMPIANTI ZUGSPITZE <
NOTA Il forum è un luogo di discussione dove ogni intervento rappresenta il punto di vista del singolo utente che l'ha inserito. Ogni utente è responsabile del contenuto dei propri messaggi; il forum non è pre-moderato, l'amministrazione non si assume quindi nessuna responsabilità sui messaggi inseriti dagli utenti. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di qualsiasi contenuto digitale o di citazione dei messaggi del forum su altri media/web/riviste senza la nostra autorizzazione scritta. E' altresì vietato l'utilizzo degli stessi per fini commerciali senza nostra autorizzazione scritta. Tutti i contenuti di Funivie.org sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
La consultazione di Funivie.org è completamente gratuita, qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata ne predeterminabile, non è una testata giornalistica, non esiste editore. Disclaimer.
Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni
Sto operando...
X