annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Funivia a Claviere

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi
  • Skywalker
    * Utente GOLD *
    • Jun 2004
    • 1621
    • Milano

    Funivia a Claviere

    Ho recentemente scoperto ,guardando una cartolina dell'epoca ,che a Claviere negli anni '30 era in esercizio una funivia ,sorella minore di quelle del Sestriere e suppongo meno conosciuta .Che tracciato copriva?
    Qualcuno ha info in merito?
  • Paolo
    ADMIN
    • Jul 2003
    • 23476
    • FVG

    Funivia Pian del sole Claviere

    > Pubblicata una monografia storica sulla funivia Claviere Pian del sole per la gioia degli apassionati storici <

    Osservare la cura e la minuziosità con la quale venivano realizzati certi impianti del passato a volte a rimpiangere l'amore che ogni impiantista e ditta costruttrice mettevano in ogni realizzazione senza badare al solo lato economico, usanza quest'ultima che ai giorni nostri si sta diffondendo sempre più largamente (ad esempio con la non realizzazione delle stazioni in muratura).

    Commenta

    • Skywalker
      * Utente GOLD *
      • Jun 2004
      • 1621
      • Milano

      Bellissima questa vecchia funivia un pezzetto in più di memoria storica impiantistica :wink: ma che impianto è stato poi costruito su questa linea? Forse la biposto della Coche?

      Commenta

      • alessandro
        Utente
        • Feb 2004
        • 296
        • Collegno (TO)- Oulx (alta Val Susa)

        No, ultimamente è stata costruita su quella linea una SG4 (Col bouef), ma la funivia era già stata dismessa da tantissimi anni. Forse l'avevano sostituita con una seggiovia o con uno ski lift (c'era ancora qualche traccia qualche anno fa).

        Commenta

        • zuwoka
          Curioso
          • Feb 2005
          • 109
          • Bra (CN) - Sestriere
          • "Never in the field of human conflict was so much owed by so many to so few." Sir Winston Churchill

          In effetti credo che un tempo, per portarsi nei dintorni dell'arrivo della vecchia funivia, bisognasse prendere lo skilift che forse si chiamava proprio Pian del Sole; arrivati in cima, si poteva scendere verso le piste del Monginevro. Alla partenza di questo skilift si arrivava dalla Coche quadriposto, superando la partenza dei due skilift gemelli che sono stati sostituiti quest'estate dalla quadriposto a.a.

          Commenta

          • bifune67
            * Utente GOLD *
            • Dec 2003
            • 1074
            • Milano

            Esatto, di quello skilift si vedevano ancora (anni fa) i piloni di legno.

            Commenta

            • Marco Rossetti
              Curioso
              • Sep 2004
              • 28
              • Roma

              A Capodanno sono stato in zona e non ho mancato di scattare qualche foto. Non sono riuscito ad individuare la stazione inferiore (probabilmente trasformata), mentre ho raggiunto quella superiore dopo una salita di circa 200 metri a monte dell'arrivo della seggiovia "Col Boeuf".



              Vista dal basso della stazione superiore. A destra si vede un cavalletto di legno di un'antica sciovia





              Vista dall'interno della stazione. In primo piano, innevata, la toma di ancoraggio delle portanti





              Dettaglio dei vani di passaggio delle funi


              Non conosco la storia degli impianti di Claviere (anzi, se ci fosse online qualcuno di ben informato potrebbe illuminarci?) ma ritengo che la sciovia che è stata costruita ad occidente della funivia non sia stata realizzata in tempi molto successivi alla funivia stessa, visto che i cavalletti sono in legno (la funivia dovrebbe essere degli anni 20 o giù di lì). Attualmente i 2 impianti sono stati sostituiti (non so da quale anno) dalla SG4 "Col Boeuf", con tracciato orientale rispetto ad entrambi. Occorre considerare che prima della seconda guerra mondiale il territorio era completamente italiano (il Col Boeuf infatti era il Colle del Bue), mentre in seguito il confine è stato spostato a svantaggio dell'Italia (probabilmente la funivia è stata danneggiata dagli eventi bellici, visto che il paese di Claviere ha subito gravi distruzioni) in modo da includere in territorio francese quasi tutta la linea dell'attuale seggiovia: sicuramente la stazione a valle è in Italia, ma non sono sicuro che lo sia anche quella a monte (se ci sono cippi, io non li ho visti in quanto sepolti dalla neve). Domanda collegata: nel caso di impianti insistenti sul territorio di 2 Paesi confinanti, qual è la normativa che si applica? Entrambe? Ovvero la più severa delle 2? E le revisioni/collaudi/verifiche? Vanno fatti 2 volte?





              Il cavalletto di prima visto da monte





              I cavalletti dell'antica sciovia





              Dettaglio di un cavalletto, con le ruote ancora in opera



              Probabilmente a causa dello spostamento del confine, ad evitare complicazioni collegate all'attraversamento dello stesso (ritengo che la SG4 sia stata costruita dopo l'entrata in vigore degli accordi di Schengen, anche se attualmente, dopo gli attentati di Londra, la Francia li ha sospesi - inutilmente, a mio parere), è stata costruita un'altra sciovia (direi negli anni 70/80), con tracciato - ritengo - interamente in Italia, tra la partenza dell'attuale SA4 Colle Bercia (dove precedentemente c'erano le sciovie parallele) e la stazione a monte della funivia: forse era questa la sciovia "Pian del Sole". La linea di quest'ultima formava un angolo retto con quella della funivia





              Stazioni superiori della funivia (a destra) e della sciovia (a sinistra: si vede il supporto in cemento per la puleggia terminale, mentre in primo piano c'è la rampa di fine corsa) che partiva dai pressi dell'attuale partenza della SA4





              Linea della sciovia nel bosco: in asse con il solco si vede la partenza dell'attuale SA4


              Se qualcuno potesse stilare una cronistoria dettagliata degli impianti trattati gliene sarei molto grato (Martagon, ne sai qualcosa?)

              Ciao
              Marco

              Commenta

              • alessandro
                Utente
                • Feb 2004
                • 296
                • Collegno (TO)- Oulx (alta Val Susa)

                Per quanto riguarda la sciovia che portava da la Coche a pian del Sole, funzionava fino a non molti anni fa, finchè non hanno fatto, intorno al 2000 (anno più, anno meno), la Sg4 del col Boeuf. L'impianto è stato smantellato solo da un paio d'anni. Prima della Sg4 La Coche c'era una Sg2 sostituita nel '96.

                Commenta

                • krisu
                  MODERATORE
                  • Mar 2004
                  • 996
                  • Innsbruck / Austria
                  • * Progetto Cestovie: Tutte le cestovie del mondo --> www.retrofutur.org

                  @marco: Magnifico documento storico! Non pensavo ci fossero ancora resti di sciovie con piloni in legno. E che qualita, visto che ancora oggi reggono.
                  Le ruote delle pulegge sono interamente in ferro, non c'e ancora il cerchio in gomma. Se ci passo, me la porto a casa :-)
                  Ah, Giulio, vai a prenderla tu? :-)

                  Commenta

                  • Shane
                    Curioso
                    • Jul 2004
                    • 42
                    • Alpe di Mera/ Carignano (To)
                    • ...all'interno troverete anche un piccolo forum!!!

                    Wow è verò su al colle c'è ancora la stazione di arrivo e alcuni piloni di skilift!!!

                    Bella la spiegazione sulla vecchia funivia di Claviere, o Clavieres come viene scritto sul fascicolo...

                    Commenta

                    • FE
                      FE
                      * Utente GOLD *
                      • Jul 2005
                      • 963

                      Io ricordo che lo skilift Pian del Sole partiva da La Coche e raggiungeva appunto il Mont Boeuf percorrendo territorio italiano: un particolare originale era che alla stazione a valle, prima di prendere il piattello, bisognava esibire la carta d'identità ad un doganiere!!
                      La quadriposto è stata realizzata, assieme alla Col Saurel, non solo grazie a Schengen, ma soprattutto nel'ambito di un progetto Interreg finanziato dall'Unione Europea proprio per potenziare i collegamenti tra le due località di Claviere e Montgenevre. Credo che la proprietà sia pubblica ed i due impianti sono inclusi, non solo nel giornaliero internazionale della Via Lattea, ma anche in entrambi quelli locali di Cesana-Claviere e di Montgenevre.
                      Sono anch'io curioso di sapere quale normativa viene applicata alle due seggiovie: può darsi che la Col Boeuf segua le norma francesi, essendo, mi sembra, in Francia sia la partenza che l'arrivo.

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da krisu
                        @marco: Magnifico documento storico! Non pensavo ci fossero ancora resti di sciovie con piloni in legno. E che qualita, visto che ancora oggi reggono.
                        Le ruote delle pulegge sono interamente in ferro, non c'e ancora il cerchio in gomma. Se ci passo, me la porto a casa :-)
                        Ah, Giulio, vai a prenderla tu? :-)
                        Andiamo a fare la solita escursione sui piloni????

                        Commenta

                        • alessandro
                          Utente
                          • Feb 2004
                          • 296
                          • Collegno (TO)- Oulx (alta Val Susa)

                          Originariamente inviato da FE
                          Io ricordo che lo skilift Pian del Sole partiva da La Coche e raggiungeva appunto il Mont Boeuf percorrendo territorio italiano: un particolare originale era che alla stazione a valle, prima di prendere il piattello, bisognava esibire la carta d'identità ad un doganiere!!
                          La quadriposto è stata realizzata, assieme alla Col Saurel, non solo grazie a Schengen, ma soprattutto nel'ambito di un progetto Interreg finanziato dall'Unione Europea proprio per potenziare i collegamenti tra le due località di Claviere e Montgenevre. Credo che la proprietà sia pubblica ed i due impianti sono inclusi, non solo nel giornaliero internazionale della Via Lattea, ma anche in entrambi quelli locali di Cesana-Claviere e di Montgenevre.
                          Sono anch'io curioso di sapere quale normativa viene applicata alle due seggiovie: può darsi che la Col Boeuf segua le norma francesi, essendo, mi sembra, in Francia sia la partenza che l'arrivo.
                          Non è possibile che la partenza sia in Francia, perchè è ancora al di qua del confine e tra la frontiera italiana e quella francese sul fondovalle esiste un tratto di terra di nessuno (mi sembra), mentre non esiste in quota. La seggiovia del Col Boeuf fa parte del progetto europeo Interreg II ed è comune ad entrambi gli skipass locali.

                          Commenta

                          • Marco Rossetti
                            Curioso
                            • Sep 2004
                            • 28
                            • Roma

                            Originariamente inviato da FE
                            Io ricordo che lo skilift Pian del Sole partiva da La Coche e raggiungeva appunto il Mont Boeuf percorrendo territorio italiano: un particolare originale era che alla stazione a valle, prima di prendere il piattello, bisognava esibire la carta d'identità ad un doganiere!!
                            Ma se percorreva territorio italiano xkè avrei dovuto mostrare documento? O forse l'arrivo era in Francia?


                            Originariamente inviato da FE
                            La quadriposto è stata realizzata, assieme alla Col Saurel, non solo grazie a Schengen, ma soprattutto nel'ambito di un progetto Interreg finanziato dall'Unione Europea proprio per potenziare i collegamenti tra le due località di Claviere e Montgenevre. Credo che la proprietà sia pubblica ed i due impianti sono inclusi, non solo nel giornaliero internazionale della Via Lattea, ma anche in entrambi quelli locali di Cesana-Claviere e di Montgenevre.
                            Sono anch'io curioso di sapere quale normativa viene applicata alle due seggiovie: può darsi che la Col Boeuf segua le norma francesi, essendo, mi sembra, in Francia sia la partenza che l'arrivo.
                            Confermo l'appartenenza di entrambe le sg ad entrambi gli skipass locali.
                            La partenza della Col Boeuf è sicuramente in Italia (credo che il confine passi sull'asse della Piccola Dora, che viene sovrappassata dalla seggiovia pochi metri dopo la partenza. Sono in dubbio sulla territorialità dell'arrivo, in quanto il confine fa una specie di ansa a comprendere in Francia praticamente tutta la linea della seggiovia, ma, ripeto, non so bene come funzioni la storia in prossimità dell'arrivo.

                            Per Alessandro: credo che il concetto di "terra di nessuno" abbia significato "doganale", ovvero dovrebbe essere il territorio compreso tra i 2 posti di controllo. Geograficamente non esiste, ovvero ogni punto della superficie terrestre appartiene (o dovrebbe, a meno di casi particolari tipo oceani o Antartide) ad una specifica nazione. Insomma, non credo che esistano metri quadrati apolidi! (non sono un tecnico del settore, quindi sono pronto ad essere smentito - il mio pensiero è frutto solo di ragionamenti personali)

                            Commenta

                            • bifune67
                              * Utente GOLD *
                              • Dec 2003
                              • 1074
                              • Milano

                              Che bello rivedere foto di posti che non vedo da più di 20 anni!

                              L'ultima volta che ci sono stato il collegamento con Montgenevre era aperto da poco (il Pian del Sole era piuttosto nuovo...), e c'erano sicuramente solo skilift (forse quello doppio era ancora singolo, ma non ci giurerei)

                              Con il pian del sole si arrivava all'arrivo di quello di legno, che era ancora piuttosto integro (sicuramente c'era la fune e, anche se la memoria non è più molto affidabile, direi anche qualche traino), e ci si passava sotto per andare in Francia, motivo per cui bisognava mostrare la carta d'identità (non mi ricordo se c'erano piste che scendevano verso l'italia).

                              bifune

                              Commenta

                              • Marco Rossetti
                                Curioso
                                • Sep 2004
                                • 28
                                • Roma

                                Originariamente inviato da bifune67
                                Che bello rivedere foto di posti che non vedo da più di 20 anni!

                                L'ultima volta che ci sono stato il collegamento con Montgenevre era aperto da poco (il Pian del Sole era piuttosto nuovo...), e c'erano sicuramente solo skilift (forse quello doppio era ancora singolo, ma non ci giurerei)
                                Pian pianino la memoria storica comincia ad affiorare...
                                Quindi 20 (o +) anni fa la seggiovia La Coche non esisteva? C'era uno skilift sullo stesso tracciato? (Mi pare un po' improbabile visto l'andamento altimetrico)

                                Originariamente inviato da bifune67
                                Con il pian del sole si arrivava all'arrivo di quello di legno, che era ancora piuttosto integro (sicuramente c'era la fune e, anche se la memoria non è più molto affidabile, direi anche qualche traino), e ci si passava sotto per andare in Francia, motivo per cui bisognava mostrare la carta d'identità (non mi ricordo se c'erano piste che scendevano verso l'italia).

                                bifune
                                Quindi l'arrivo dello "skilift di legno" (che immagine poetica!) era A MONTE delle stazioni superiori dello skilift e della funivia? (E ovviamente della funivia c'erano solo pochi resti, vero?) E c'era qualcosa sull'attuale tracciato della seggiovia Col Boeuf? Insomma, come si saliva da Claviere alla zona di La Coche/Pian del Sole?

                                ad ogni modo se qualcuno vuole avere la situazione della zona "sotto controllo" mi permetto di citare la webcam di Claviere, posizionata presso l'arrivo della SG4 Col Boeuf e orientata verso la zona della Coche:
                                http://www.vialattea.it/webcam/cav001.jpg
                                buona visione!

                                Commenta

                                • BALLA77
                                  MODERATORE
                                  • Jan 2005
                                  • 3176
                                  • Piacenza

                                  Bella ricostruzione storica...però uno stabile così fatiscente....

                                  Commenta

                                  • bifune67
                                    * Utente GOLD *
                                    • Dec 2003
                                    • 1074
                                    • Milano

                                    Non mi sono mai preoccupato di come si prendesse il Pian del Sole da Claviere, perché io arrivavo sempre da Cesana e correvo verso Mongenevre per avere il tempo di girarmelo e tornare. Mi ricordo però di non aver mai notato vicino alla partenza l'arrivo di altri impianti, ma solo la partenza dello skilift verso Cesana.

                                    Per quanto riguarda lo skilift di legno, arrivava in corrispondenza della pista che dal Pian del Sole andava in Francia che, come si intuisce un po' dalle foto, passava dietro alla stazione della funivia (pensate che non mi ero mai accorto che lo fosse, pensavo più a un vecchio albergo/ristorante) e tra l'ultimo pilone (quello senza rulliere che si vede di fianco alla stazione) e la puleggia di rinvio, che quindi in effetti era più in alto della pista e della stazione stessa, anche se di poco.

                                    bifune

                                    Commenta

                                    • zuwoka
                                      Curioso
                                      • Feb 2005
                                      • 109
                                      • Bra (CN) - Sestriere
                                      • "Never in the field of human conflict was so much owed by so many to so few." Sir Winston Churchill

                                      E giustamente non hai notato la partenza di altri impianti; perchè l'arrivo della seggiovia da Claviere non è vicino alla partenza del vecchio skilift pian del sole o del doppio skilift, bensi in cima all'altura che si trova sulla destra per coloro che scendono dalla pista proveniente da colle bercia, ovvero da cesana, proprio da dove arrivavi tu.

                                      Commenta

                                      • Marco Rossetti
                                        Curioso
                                        • Sep 2004
                                        • 28
                                        • Roma

                                        Originariamente inviato da bifune67
                                        Non mi sono mai preoccupato di come si prendesse il Pian del Sole da Claviere, perché io arrivavo sempre da Cesana e correvo verso Mongenevre per avere il tempo di girarmelo e tornare. Mi ricordo però di non aver mai notato vicino alla partenza l'arrivo di altri impianti, ma solo la partenza dello skilift verso Cesana.

                                        (...)

                                        bifune
                                        OK, ma poi come tornavi in Italia? Via Colletto Verde? (quest'anno c'era poca neve e molto vento, quindi collegamento ovviamente chiuso insieme alla SG Col Saurel e all'omologa in Francia, Rocher de l'Aigle).
                                        Confermo il fatto che tu non abbia notato l'arrivo della SG da Claviere, in quanto è in alto a dx rispetto alla pista che scende da Colle Bercia.
                                        x semplificare il tutto ho grabbato un'immagine dalla webcam e ci ho messo 1 po' di didascalie (nel caso specifico tu venivi dalla pista indicata in verde, mentre la discesa dalla SG "La Coche" proveniente da Claviere è indicata con la freccia rossa)

                                        Commenta

                                        • alessandro
                                          Utente
                                          • Feb 2004
                                          • 296
                                          • Collegno (TO)- Oulx (alta Val Susa)

                                          Originariamente inviato da Marco Rossetti
                                          Originariamente inviato da bifune67
                                          Che bello rivedere foto di posti che non vedo da più di 20 anni!

                                          L'ultima volta che ci sono stato il collegamento con Montgenevre era aperto da poco (il Pian del Sole era piuttosto nuovo...), e c'erano sicuramente solo skilift (forse quello doppio era ancora singolo, ma non ci giurerei)
                                          Pian pianino la memoria storica comincia ad affiorare...
                                          Quindi 20 (o +) anni fa la seggiovia La Coche non esisteva? C'era uno skilift sullo stesso tracciato? (Mi pare un po' improbabile visto l'andamento altimetrico)
                                          20 anni fa probabilmente c'era una sg2 al posto della quadriposto.
                                          Su quella linea non c'è mai stato uno ski-lift, non è tecnicamente realizzabile.

                                          Commenta

                                          • bifune67
                                            * Utente GOLD *
                                            • Dec 2003
                                            • 1074
                                            • Milano

                                            OK, ma poi come tornavi in Italia? Via Colletto Verde? (
                                            Esatto! C'era uno skilift "alla francese" con la partenza molto in salita che ti dava una botta in partenza tale da fare un volo in avanti anche di 3 o 4 metri (con conseguente caduta media di una persona su 4).

                                            Qui si formavano delle code pazzesche (più di un'ora) per il rientro in Italia, tanto che era sconsigliato arrivarci dopo le 14.00. Il rientro (pista eccezionale verso il rifugio Gimont, se non erro) era lunghissimo, e bisognava arrivare in tempo alla prima seggiovia bassa da Cesana (allora monoposto con piloni a traliccio bianchi), che non aveva pista di rientro e chiudeva solo 15 minuti dopo gli altri impianti. Una volta che l'ho mancata ho pensato di improvvisare la discesa sotto di essa, dimenticandomi il piccolo particolare che in fondo c'era il fiume da attraversare, con un finale a mollo non esattamente piacevole (niente ponti in vista)...

                                            bifune

                                            Commenta

                                            • Marco Rossetti
                                              Curioso
                                              • Sep 2004
                                              • 28
                                              • Roma

                                              Originariamente inviato da bifune67
                                              OK, ma poi come tornavi in Italia? Via Colletto Verde? (
                                              Esatto! C'era uno skilift "alla francese" con la partenza molto in salita che ti dava una botta in partenza tale da fare un volo in avanti anche di 3 o 4 metri (con conseguente caduta media di una persona su 4).

                                              Qui si formavano delle code pazzesche (più di un'ora) per il rientro in Italia, tanto che era sconsigliato arrivarci dopo le 14.00. Il rientro (pista eccezionale verso il rifugio Gimont, se non erro) era lunghissimo, e bisognava arrivare in tempo alla prima seggiovia bassa da Cesana (allora monoposto con piloni a traliccio bianchi), che non aveva pista di rientro e chiudeva solo 15 minuti dopo gli altri impianti. Una volta che l'ho mancata ho pensato di improvvisare la discesa sotto di essa, dimenticandomi il piccolo particolare che in fondo c'era il fiume da attraversare, con un finale a mollo non esattamente piacevole (niente ponti in vista)...

                                              bifune
                                              OK, beato te che hai potuto percorrere il collegamento internazionale "in quota"... a me è stato possibile solo spingere lungo la pista di fondo, da Montgenèvre a Claviere. Temo che non siano molti i giorni in cui il Colletto Verde è praticabile, a causa del vento e/o della poca neve (spesso il primo causa la diminuzione della seconda...)

                                              Skilift alla francese: eheheh! Mi sono fatto un giro "CULturale" a Montgenèvre x ricordarmi come erano fatti i vecchi Montaz-Mautino (che fino a non molti anni fa erano anche a Campofelice (AQ): incredibile, vero? Ma non troppo, se si pensa che il progettista della stazione appenninica è francese!) Cmq basta spostarsi di pochi metri - letteralmente - dal confine, x trovare skilift "italiani" come quello baby a Claviere. Eh già, campanilisti (ops, chauvinisti!) anche negli skilift... cosa ci troveranno poi nello strappo che danno alla partenza... magari pensano che serva a "virilizzare" lo sciatore?!?

                                              La Rafujel, prima seggiovia a salire da Cesana, è ancora senza pista di discesa (ma ora è biposto, e non mi ricordo di aver visto piloni bianchi a traliccio)

                                              Commenta

                                              • bifune67
                                                * Utente GOLD *
                                                • Dec 2003
                                                • 1074
                                                • Milano

                                                OK, beato te che hai potuto percorrere il collegamento internazionale "in quota"... a me è stato possibile solo spingere lungo la pista di fondo, da Montgenèvre a Claviere. Temo che non siano molti i giorni in cui il Colletto Verde è praticabile, a causa del vento e/o della poca neve (spesso il primo causa la diminuzione della seconda...)
                                                Ora che mi ci fai pensare mi pare che allora ci fosse segnato come in progetto un impianto che dalla Francia risaliva all'arrivo del Pian Del sole, e penso che anche adesso non ci sarebbero problemi a farlo, creando così un collegamento anche a bassa quota.

                                                Non l'hanno mai realizzato?

                                                E dal versante opposto?

                                                Quando andavo io non c'era la seggiovia che sale da Claviere verso Montgenevre (vista sulle cartine), ma la pista sì. Non so però se dopo l'attraversamento di Claviere sarebbe stato tanto faticoso da far preferire la pista di fondo...

                                                bifune

                                                Commenta

                                                • Marco Rossetti
                                                  Curioso
                                                  • Sep 2004
                                                  • 28
                                                  • Roma

                                                  Originariamente inviato da bifune67
                                                  Ora che mi ci fai pensare mi pare che allora ci fosse segnato come in progetto un impianto che dalla Francia risaliva all'arrivo del Pian Del sole, e penso che anche adesso non ci sarebbero problemi a farlo, creando così un collegamento anche a bassa quota.

                                                  Non l'hanno mai realizzato?
                                                  No (non ho visto progetti di questo tipo).

                                                  Originariamente inviato da bifune67
                                                  E dal versante opposto?

                                                  Quando andavo io non c'era la seggiovia che sale da Claviere verso Montgenevre (vista sulle cartine), ma la pista sì. Non so però se dopo l'attraversamento di Claviere sarebbe stato tanto faticoso da far preferire la pista di fondo...

                                                  bifune
                                                  Beh, con precisione la seggiovia sale da Claviere a Col Boeuf, NON a Montgenèvre: di lassù si scende fino alla SG4 Tremplin, da dove si accede al carosello francese. In effetti la pista dal valico di Montgenèvre a Claviere è segnata e coincide con la pista di fondo (gli sciatori "alpini" sono pregati di non danneggiare le "rotaie" da fondo, ovviamente).

                                                  Commenta

                                                  • bifune67
                                                    * Utente GOLD *
                                                    • Dec 2003
                                                    • 1074
                                                    • Milano

                                                    Non conosco i nomi, ma con riferimento alla cartina qui sotto intendedvo la seggiovia in basso (Montquitaine?) e la pista azzurra che scende a Claviere da dietro partendo dalla cima dei due skilift paralleli in basso nella cartina



                                                    bifune

                                                    Commenta

                                                    • zuwoka
                                                      Curioso
                                                      • Feb 2005
                                                      • 109
                                                      • Bra (CN) - Sestriere
                                                      • "Never in the field of human conflict was so much owed by so many to so few." Sir Winston Churchill

                                                      X Bifune: adesso potresti scendere in neve fresca sotto la prima di seggiovia da cesana, perchè hanno costruito un ponte!

                                                      Questa prima segigovia, la Rafuyel, è ora una biposto fissa poma agudio, costruita mi pare dieci anni fa, con i classici pali agudio poma verdi e zincati.

                                                      adesso per accedere alla pista del colletto verde non bisogna più prendere quello skilift (cui anch'io associo i miei ricordi più CULturali!) c'è una sg4 fissa, costruita almeno sette anni fa, che ha permesso anche l'apertura di una nuova pista piuttosto lunga e piacevole. Tra l'altro mi pare di ricordare che questa seggiovia in un tratto passasse in mezzo a due pareti rocciose alte circa 10 metri, in una strettoia che non so se fosse naturale o l'avessero scavata i tecnici per costruire l'impianto.

                                                      Commenta

                                                      • Marco Rossetti
                                                        Curioso
                                                        • Sep 2004
                                                        • 28
                                                        • Roma

                                                        OK bifune, adesso ho capito cosa intendevi con "versante opposto". Negativo, la SG verso Montquitaine (che dovrebbe essere completamente in territorio francese) era ferma quando ci sono stato io; x quanto riguarda la pista, boh? Ho preso uno dei 2 SK paralleli (l'altro era fermo x scarrucolamento della fune: ho visto i tecnici arrampicati sui piloni x rimontarla) al termine dei quali si può scendere in direzione di Claviere, ma alla base della SG indicata nella piantina non si può far altro che risalire (ovvero, non ho visto indicazioni nè tracce di pista verso valle).

                                                        Zuwoka, la SG verso Colletto Verde si chiama Rocher de l'Aigle (ovviamente ferma). Peccato (!) non aver visto il precedente SK CULturale! (ma nel resto del comprensorio ce ne sono così tanti che la metà basterebbe...)

                                                        Commenta

                                                        • skorpion
                                                          Curioso
                                                          • Mar 2005
                                                          • 14
                                                          • Torino-Grangesises-Sestriere

                                                          Per quanto riguarda l'impianto del pian del sole, i pali in legno sono di un vecchio skilift o per l'esattezza un'ancora, la cui partenza è stata demolita qualche anno fa per costruire una villetta, il cui arrivo era proprio a fianco dell'arrivo della funivia. Dopo la "morte" di questi due impianti era stata costruita una seggiovia il cui nome era "Puit", la cui partenza,rispetto a quella odierna era semplicemente dall'altra parte della Dora e il cui arrivo invece coincide. Se non sbaglio questa seggiovia ebbe parecchi problemi tra cui forse anche una slavina, e venne così sostituita dallo skilift "pian del sole" con la partenza non troppo distante dal vecchio skilift "serra granet" oggi seggiovia SGA4.

                                                          Commenta

                                                          • Marco Rossetti
                                                            Curioso
                                                            • Sep 2004
                                                            • 28
                                                            • Roma

                                                            Originariamente inviato da skorpion
                                                            Per quanto riguarda l'impianto del pian del sole, i pali in legno sono di un vecchio skilift o per l'esattezza un'ancora, la cui partenza è stata demolita qualche anno fa per costruire una villetta, il cui arrivo era proprio a fianco dell'arrivo della funivia. Dopo la "morte" di questi due impianti era stata costruita una seggiovia il cui nome era "Puit", la cui partenza,rispetto a quella odierna era semplicemente dall'altra parte della Dora e il cui arrivo invece coincide. Se non sbaglio questa seggiovia ebbe parecchi problemi tra cui forse anche una slavina, e venne così sostituita dallo skilift "pian del sole" con la partenza non troppo distante dal vecchio skilift "serra granet" oggi seggiovia SGA4.
                                                            Ma la funivia e lo skilift con i pali in legno sono coesistiti? E se si, a quale scopo? Avendo esattamente lo stesso percorso mi parrebbe assurdo...
                                                            Mi piacerebbe conoscere la cronologia...

                                                            E la SG Puit viaggiava nello stesso solco dell'attuale Col Boeuf?
                                                            La partenza dall'altra parte della Dora, cioè in Francia, mi fa pensare alla volontà di evitare problemi di tipo doganale, normativo e gestionale...

                                                            Commenta

                                                            • skorpion
                                                              Curioso
                                                              • Mar 2005
                                                              • 14
                                                              • Torino-Grangesises-Sestriere

                                                              Per quanto riguarda funivia e skilift in base al mio "informatore" non dovrebbero essere coesistiti, e lo skilift dovrebbe essere antecedente alla funivia, però...non ne ho la certezza assoluta.
                                                              Per quanto riguarda la seggiovia Puit, non era proprio lo stesso percorso, ma dovrebbe essere solo questione di qualche metro. Un po' di anni fa quando si scendeva dal pian del sole verso claviere sulla pista 98 si vedevano ancora i resti dell'arrivo della seggiovia. Per i motivi su cui la partenza era dall'altra parte della Dora non so nulla

                                                              Commenta

                                                              • skorpion
                                                                Curioso
                                                                • Mar 2005
                                                                • 14
                                                                • Torino-Grangesises-Sestriere

                                                                Sempre in tema di antiquariato: esisteva uno skilift "la coche-colle bercia" che partiva nei pressi del ristorante al fondo della pista 93, prima del ponticello che si attraversa per andare verso claviere. Per sicurezza eccovi una foto:

                                                                Lo skilift in pratica seguiva un po' il percorso della pista di discesa;era lungo come la quaresima che aveva dei punti in salita incui occorreva stare attenti perchè tirava talmente da sollevare chiunque e dei punti in piano in cui si era più veloci dello skilift, quindi.... lascio vi lascio pensare il divertimento. Poi fu smantellato e sostituito dallo skilift "la coche-serra-granet" che obbligava per salire a colle bercia a prendere uno dei due skilift "gimont", e così si arriva ad oggi ed alla nuova SGA4

                                                                Commenta

                                                                • Marco Rossetti
                                                                  Curioso
                                                                  • Sep 2004
                                                                  • 28
                                                                  • Roma

                                                                  Mi pare strano che la funivia fosse successiva allo skilift, in quanto i primi skilift, sia di tipo francese (a pertica) che di tipo "italiano" (con arrotolatore) sono stati inventati verso il 1935 (vedi topic
                                                                  http://www.funiforum.org/funiforum/v...ghlight=#58207 ... e scusate l'autocitazione) e - tra l'altro - non ce n'è cenno alcuno nella monografia dedicata alla funivia stessa
                                                                  http://www.funivie.org/pagine/specia...eres/index.htm
                                                                  (che dovrebbe essere precedente al 1935, direi fine anni 20)

                                                                  Riguardo alla storia della seggiovia, allora la cronologia dovrebbe essere questa: SG Puit (danneggiata da slavine) - SK Pian del Sole (chiuso una decina di anni fa) - attuale SG4 Col Boeuf nel solco della Puit ma con partenza sul lato italiano della Dora, corretto?

                                                                  Very interesting anche la storia dello SK La Coche-Colle Bercia!

                                                                  Skorpion, una curiosità: da quello che scrivi riguardo allo SK Pian del Sole ("quando si scendeva dal pian del sole verso claviere sulla pista 98 si vedevano ancora i resti dell'arrivo della seggiovia") e allo SK summenzionato La Coche-Colle Bercia ("aveva dei punti in salita in cui occorreva stare attenti perchè tirava talmente da sollevare chiunque e dei punti in piano in cui si era più veloci dello skilift") mi vien da pensare che hai viaggiato su entrambi... potresti dare qualche data?

                                                                  Commenta

                                                                  • bifune67
                                                                    * Utente GOLD *
                                                                    • Dec 2003
                                                                    • 1074
                                                                    • Milano

                                                                    Sicuramente la funivia è stato il primo impianto, poi non saprei dire tra SG Puit e ancora in legno chi sia arriavato prima, però ai tempi a cui risalgono i miei ricordi non mi ricordo (scusate il bisticcio!) tracce della seggiovia, mentre lo skilift, anche se chiaramente in disuso da anni, aveva ancora la fune. Sulle cartine degli anni '70 mi ricordo benissimo la traccia vuota che adesso scopro essere probabilamente quella della Puit, e che allora avevo invece attribuito allo skilift. Oggi sulle cartine quella stessa traccia è occupata dalla Col Bouef.

                                                                    bifune

                                                                    Commenta

                                                                    • skorpion
                                                                      Curioso
                                                                      • Mar 2005
                                                                      • 14
                                                                      • Torino-Grangesises-Sestriere

                                                                      No non ho viaggiato su entrambi, solo sullo skilift pian del sole (di anni ne ho solo 26); per il resto ti dico quella che mi hanno raccontato mia madre e un suo amico d'infanzia. Loro hanno cominciato a sciare in quella zona alla fine degli anni cinquanta, inizio sessanta.
                                                                      Lo skilift La coche-colle bercia dovrebbe aver funzionato fino agli inizi degli anni settanta (è possibile che già nel 1974 fosse stato rimosso), e per la seggiovia del Puit la rimozione deve essere avvenuta negli stessi anni.

                                                                      Commenta

                                                                      • music
                                                                        Curioso
                                                                        • Oct 2005
                                                                        • 4

                                                                        Sì, alla destra arrivava una sciovia poi smantellata nel 2000, mentre i pali di legno appartengono ad una ripidissima sciovia ad ancora degli anni 50.

                                                                        Commenta

                                                                        • edoardo81
                                                                          Curioso
                                                                          • Oct 2006
                                                                          • 80
                                                                          • Alessandria

                                                                          Su una cartina della stagione 1991-92 ho notato la presenza sia del Pian del Sole, sia di uno skilift che seguiva la linea dell'attuale SG4 "Col Bouef". Quest'ultimo potrebbe essere quello dai sostegni in legno che ancora oggi sono presenti? Mi sembra improbabile, per cui ritengo che, sulla linea Claviere-La Coche, avremmo avuto:
                                                                          1) funivia;
                                                                          2) sciovia coi pali in legno;
                                                                          3) seggiovia Puit;
                                                                          4) sciovia smantellata nel 1999 alla costruzione dell'attuale SG4.

                                                                          Presumibilmente, il Pian del Sole sarà stato smantellato nel 1999 o nel 2000 alla costruzione della seggiovia, essendo ormai superfluo.

                                                                          Commenta

                                                                          • martino
                                                                            Curioso
                                                                            • Feb 2008
                                                                            • 273
                                                                            • Rivoli (TO) /St.Pölten (Niederösterreich, Austria)

                                                                            Cosa intendete con questa sciovia smantellata nel 1999? Come si chiamava?
                                                                            Io passo in quella zona da anni, ma posso dirvi che io ho sempre solo visto i pali di legno dello skilift ad ancora...Anzi, alla fine degli anni ´80 ricordo che la linea era ancora piuttosto larga e c´erano tutti o quasi tutti i sostegni di legno e io mi chiedevo come fosse possibile risalire con un impianto di quella pendenza. Ma mio padre mi ha sempre detto che era un´ancora, penso lui che é del ´43 e che ha iniziato a sciare presto deve averla addirittura presa o almeno vista in funzione.
                                                                            Riguardo alla seggiovia del Puit io naturalmente non l´ho mai vista, mio padre invece l´ha presa, peró di questa non restava proprio piú nulla. Mi ha detto mio padre che non deve avere avuto vita lunga, ci dev´essere stato un incidente o forse una valanga, non so...
                                                                            Comunque io non ricordo alcun impianto funzionante su quella linea fino alla costruzione della Col Boeuf da parte del comprensorio del Monginevro, ho ripreso in mano le cartine e non vedo alcun impianto, per tornare indietro ai tempi della scuola (ca. 1993-94) ricordo di aver fatto per la prima volta i giro dal Colletto Verde e che c´era sempre il problema che per tornare al Monginevro senza spingere o camminare era necessario prendere lo skilift Pian del Sole, che peró allora ´si poteva prendere solo con l´abbonamento dei Monti della Luna, forse non c´era ancora quello Monginevro-Monti della Luna. Ricordo solo che l´operatore di stazione ci fece salire lo stesso anche se non avevamo il titolo di viaggio valido...
                                                                            Quindi non mi risulta che ci fossero altri impianti che consentissero di rientrare verso Monginevro...

                                                                            Commenta

                                                                            • edoardo81
                                                                              Curioso
                                                                              • Oct 2006
                                                                              • 80
                                                                              • Alessandria

                                                                              Probabilmente allora si tratta dell'ancora coi pali in legno che si vedono ancora oggi!

                                                                              Commenta

                                                                              • Skywalker
                                                                                * Utente GOLD *
                                                                                • Jun 2004
                                                                                • 1621
                                                                                • Milano

                                                                                L'ancora con i pali di legno è stata smantellata ben prima del 1999, l'impianto penso fosse venuto prima della seggiovia del Puit di cui oggi si vedono i basamenti con i pali tagliati. La seggiovia del Col Boeuf ha sostituito la sciovia del Pian del Sole, che saliva dal versante opposto partendo da La Coche, di cui si vede ancora la traccia nel bosco. La linea dell'attuale Col Boeuf in ogni caso era abbandonata da anni.

                                                                                Commenta

                                                                                • gasugasu
                                                                                  Curioso
                                                                                  • Dec 2006
                                                                                  • 117

                                                                                  Dai miei ricordi di oltre 35 anni fa: primi anni 70:
                                                                                  - La seggiovia del Puit era una monoposto (ovvio) ed era in territorio francese, ed infatti il personale addetto era francese. Era comunque compresa nel giornaliero di Claviere ( a differenza del Monginevro). Era in condizioni pietose e mancavano molte sbarre ma si saliva lo stesso ( io ci rimasi "impiccato" quando un spallina della giacca a vento rimase impigliata sul perno ove avrebbe dovuto esservi la sbarra: ho rischiato veramente la vita perchè il manovratore spaventato fermò l'impianto lasciandomi penzoloni...).
                                                                                  Era comunque molto più veloce della Coche sempre monoposto.
                                                                                  All'arrivo vi era una pista a destra chiamata "gialla" che attraversava un paio di volte l'impianto e poco prima della fine si divideva in due: sulla destra attraverso un canalino si arrivava alla Coche, sulla sinistra c'era un bel muro che altro non era cha la pista di un vacchio trampolino di salto.
                                                                                  A sinistra c'era una pista chiamata "rossa" lungo la quale negli anno successivi venne costruito uno skilift.
                                                                                  Procedendo a destra oltre la partenza della gialla, dopo un breve tratto in piano, si arrivava ad una pista detta "pistone" che correva parallela al tracciato del vecchio skilift in legno ( allora già dismesso). In realtà lo skilift arrivava più in alto e pertanto una parte della pista veniva persa.
                                                                                  Percorrendo il pistone si poteva arrivare all' skilift "francese" che permetteva di raggiungere il Monginevro.
                                                                                  Il colletto verde era un fuoripista.

                                                                                  Ciao
                                                                                  Franco
                                                                                  Ultima modifica di gasugasu; 12-04-2010, 13:17.

                                                                                  Commenta

                                                                                  • edoardo81
                                                                                    Curioso
                                                                                    • Oct 2006
                                                                                    • 80
                                                                                    • Alessandria

                                                                                    Confermo... mi ero sbagliato, secondo la carta del 1991-92 che ho a casa in montagna, allora esisteva soltanto il Pian del Sole, la linea della Col Bouef attuale non era percorsa da nessun impianto. Qualcuno, anche se il topic non è corretto, ricorda per caso il costruttore e l'anno del Pian del Sole? Non ho trovato una discussione sul forum!

                                                                                    Commenta

                                                                                    • edoardo81
                                                                                      Curioso
                                                                                      • Oct 2006
                                                                                      • 80
                                                                                      • Alessandria

                                                                                      http://claviere.valsusainfo.it/index.asp?IDCAT=9207

                                                                                      Qui si legge che la funivia Claviere-Pian del Sole fu inaugurata nel 1934.

                                                                                      Commenta

                                                                                      • Skywalker
                                                                                        * Utente GOLD *
                                                                                        • Jun 2004
                                                                                        • 1621
                                                                                        • Milano

                                                                                        Originariamente inviato da edoardo81 Visualizza il messaggio
                                                                                        http://claviere.valsusainfo.it/index.asp?IDCAT=9207

                                                                                        Qui si legge che la funivia Claviere-Pian del Sole fu inaugurata nel 1934.
                                                                                        Confermo, era stata costruita da Ceretti Tanfani. Purtroppo non ho informazioni sul Pian del Sole ma fonti locali mi hanno comunicato che era uno skilift "artigianale" simile ad altri della zona con componentistica Nascivera.

                                                                                        Commenta

                                                                                        • martino
                                                                                          Curioso
                                                                                          • Feb 2008
                                                                                          • 273
                                                                                          • Rivoli (TO) /St.Pölten (Niederösterreich, Austria)

                                                                                          Vero, lo skilift del Pian del Sole era come gli altri impianti un misto. Purtroppo ho una bella foto a Torino in cui si vede la stazione di partenza, dovrei recuperarla e scannerizzarla. Comunque ti posso dire che era un impianto che non aveva i tipici piloni Nascivera a portale e che la stazione a valle era molto particolare, secondo me ci aveva messo le mani anche Piemonte Funivie perché la puleggia era molto simile a quella degli ultimi skilift della Piemonte Funivie anni ´80 (Pragelato o Gran Sometta di Valtournenche). I sostegni erano sicuramente a T, ora non ti so dire esattamente come fossero, ma potrebbero essere stati come quelli di uno dei 2 Gimont (Ceriani) oppure forse Piemonte Funivie anche loro...

                                                                                          Commenta

                                                                                          • edoardo81
                                                                                            Curioso
                                                                                            • Oct 2006
                                                                                            • 80
                                                                                            • Alessandria

                                                                                            Grazie Martino, ricordi per caso anche non di preciso l'anno in cui fu realizzato?

                                                                                            Commenta

                                                                                            • FE
                                                                                              FE
                                                                                              * Utente GOLD *
                                                                                              • Jul 2005
                                                                                              • 963

                                                                                              Nei miei ricordi i sostegni assomigliavano a quelli del Soleil Boeuf di Sansicario, cioè tubolari, ma l'ideale sarebbe rinfrescarsi le idee con la foto.

                                                                                              Commenta

                                                                                              • gasugasu
                                                                                                Curioso
                                                                                                • Dec 2006
                                                                                                • 117

                                                                                                Originariamente inviato da edoardo81 Visualizza il messaggio
                                                                                                Grazie Martino, ricordi per caso anche non di preciso l'anno in cui fu realizzato?
                                                                                                Nell'inverno 72-73 sicuramente non c'era, nella stagione 75-76 si.

                                                                                                Ciao
                                                                                                Franco

                                                                                                Commenta

                                                                                                • paoloviga
                                                                                                  Curioso
                                                                                                  • Apr 2008
                                                                                                  • 42
                                                                                                  • torino

                                                                                                  Io ho viaggiato su entrambigli impianti : Puit e sk. "in legno" detto Pian del sole, come il successivo messo in altra zona. Questo negli anni '55/'60; la funivia non c'era ovviamente più, ma lo skilift aveva un abbonamento indipendente dagli altri tre impianti allora esistenti di Claviere (seggiovia monoposto La cloche, baby vicino alla partenza della seggiovia e skilift Bercia) che costava lire 1.400!!, ma potevi fare solo quello. La sua presenza non era un doppione della funivia, perchè serviva anche il trampolino di salto, ubicato più in basso dell'arrivo della funivia, sganciandosi per usufruirne lungo il tracciato Poco dopo la chiusura, mi pare negli anni 70, fu costruita la seggiovia monoposto Puit, che partiva dopo il torrente per essere accessibile direttamente dalla pista che scendeva dalla variante italiana del Pistone. Era in territurio italiano a differenza dello sk. che era in francia ed occorreva documento identità. Ebbe durata breve, sia per una slavina che distrusse alcuni piloni, sia per la partenza troppo a ridosso della ripida montagna e relativo primo traliccio a portale, che costringeva la fune, dopo il suo superamento, ad una brusca e rapida salita che provocava pericolose oscillazioni delle seggiole con possibili cadute, non essendoci il tempo per abbassare la sbarra di chiusura.
                                                                                                  Non vorrei sbagliare, ma mi sembra che prima della Puit, per pochissimo tempo di funzionamento, fu installato uno skilift .........

                                                                                                  Commenta

                                                                                                  • Super Papero
                                                                                                    New entry
                                                                                                    • Apr 2010
                                                                                                    • 28

                                                                                                    Provo a dare anche il mio contributo.
                                                                                                    Mi faccio aiutare da alcune cartine che ho trovato in rete, visto che i miei ricordi risalgono a quando avevo 7 anni.
                                                                                                    Ricordo anche io lo skilift con i sostegni in legno. Lo si raggiungeva risalendo con uno skilift in cui alla pertenza c'era un gendarme francese. Ricordo molto bene la cosa, perché anche io mi chiedevo perché una cosa del genere visto che non eravamo ancora in territorio straniero.
                                                                                                    In effetti poi almeno due piste, poi transitavano in terriotrio francese.

                                                                                                    Ecco qui le cartine con quello skilift



                                                                                                    mentre qui una cartina più recente in cui si vede già la seggiovia che parte da Claviere, ma con ancora i doppi skilift

                                                                                                    Commenta

                                                                                                    • Flober
                                                                                                      Utente Habilis
                                                                                                      • Nov 2007
                                                                                                      • 1933


                                                                                                      Originariamente inviato da paoloviga Visualizza il messaggio
                                                                                                      Io ho viaggiato su entrambigli impianti : Puit e sk. "in legno" detto Pian del sole, come il successivo messo in altra zona. Questo negli anni '55/'60; la funivia non c'era ovviamente più, ma lo skilift aveva un abbonamento indipendente dagli altri tre impianti allora esistenti di Claviere (seggiovia monoposto La cloche, baby vicino alla partenza della seggiovia e skilift Bercia) che costava lire 1.400!!, ma potevi fare solo quello. La sua presenza non era un doppione della funivia, perchè serviva anche il trampolino di salto, ubicato più in basso dell'arrivo della funivia, sganciandosi per usufruirne lungo il tracciato Poco dopo la chiusura, mi pare negli anni 70, fu costruita la seggiovia monoposto Puit, che partiva dopo il torrente per essere accessibile direttamente dalla pista che scendeva dalla variante italiana del Pistone. Era in territurio italiano a differenza dello sk. che era in francia ed occorreva documento identità. Ebbe durata breve, sia per una slavina che distrusse alcuni piloni, sia per la partenza troppo a ridosso della ripida montagna e relativo primo traliccio a portale, che costringeva la fune, dopo il suo superamento, ad una brusca e rapida salita che provocava pericolose oscillazioni delle seggiole con possibili cadute, non essendoci il tempo per abbassare la sbarra di chiusura.
                                                                                                      Non vorrei sbagliare, ma mi sembra che prima della Puit, per pochissimo tempo di funzionamento, fu installato uno skilift .........
                                                                                                      rispolvero questo post per sapere se ci sono ancora dei resti di questi impianti
                                                                                                      da google maps il confine tra italia e francia nella zona segg col bouef è disposto cosi: partenza seggiovia in territorio italiano, attraversa il fiume e li dopo pochi metri si entra in territorio francese.tutto il tracciato in territorio francese, il confine è più a monte percio' l arrivo delle vecchia funivia potrebbe essere stato in italia (ma c e ancora qualcosa? ma soprattutto i tralicci di legno ci sono ancora???)
                                                                                                      lo skilift pian del sole, di cui adesso rimane solo la pista, e' tutto in territorio francese, il confine fa un percorso strano, anche se arrivo e partenza potrebbero essere in italia.
                                                                                                      la pista di rientro verso Claviere segue il confine

                                                                                                      - - - Aggiornato - - -

                                                                                                      da wikipedia sul confine:
                                                                                                      Venti anni dopo vari tentativi di risoluzione della questione, con lo scambio di lettere del 28 settembre del 1967, l'Italia e la Francia pervennero ad un accordo[4] secondo il quale la frontiera:


                                                                                                      «Contornando così da Nord ad Ovest il villaggio di Claviere lasciato in territorio italiano, incontra il Rio Secco a 200 metri circa dopo il ponte di Claviere, poi la strada a 350 metri a Sud-Ovest dello stesso ponte e discende perpendicolarmente fino a 10 metri dalla Dora Riparia. Correndo parallelamente alla suddetta ad un intervallo minimo di 10 metri, contorna la strumentazione inferiore della teleferica lasciata alla Francia e si ricongiunge alla Dora Riparia a cinquanta metri dalla sua confluenza con il Rio Secco. Dopo aver disceso il suo corso per circa 150 metri, raggiunge orizzontalmente un canale lasciato all'Italia, parallelo alla strada da Claviere alla Val Gimont e che segue fino al ponte sul Gimont

                                                                                                      Commenta

                                                                                                      NOTA Il forum è un luogo di discussione dove ogni intervento rappresenta il punto di vista del singolo utente che l'ha inserito. Ogni utente è responsabile del contenuto dei propri messaggi; il forum non è pre-moderato, l'amministrazione non si assume quindi nessuna responsabilità sui messaggi inseriti dagli utenti. E' vietata la riproduzione, anche parziale, di qualsiasi contenuto digitale o di citazione dei messaggi del forum su altri media/web/riviste senza la nostra autorizzazione scritta. E' altresì vietato l'utilizzo degli stessi per fini commerciali senza nostra autorizzazione scritta. Tutti i contenuti di Funivie.org sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
                                                                                                      La consultazione di Funivie.org è completamente gratuita, qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata ne predeterminabile, non è una testata giornalistica, non esiste editore. Disclaimer.
                                                                                                      Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni
                                                                                                      Sto operando...
                                                                                                      X