Regolamento   ●   Registrati al forum   ●   Non riesci ad accedere ad alcune sezioni?   ●   Funicard la carta per gli appassionati   ●   Sostieni Funivie.org   ●   Pubblicità   ●   Assistenza
Pagina 1 di 12 1234511 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 30 di 332
  1. Top | #1
    * Utente GOLD * L'avatar di Skywalker
    Data Registrazione
    Jun 2004
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,696
    Mentioned
    8 Post(s)

    Predefinito CORTINA Seggio-ovovia 2-CGF Son Forca-Forcella Staunies chiusa il 23/07/16

    Non mi risulta che sul Monte Cristallo (Cortina D'Ampezzo) funzioni una cestovia ,da come sembra dalla fotografia della funigallery del sito .Non c'è una seggiovia a 2 posti ,che sembra avere la stessa struttura della bidonvia della foto? Qualcuno sa se esso fu effettivamente modifica-to ,forse per aumentarne la portata? Chi fu il costruttore? A quale anno risale?Quali i dati tecnici?
    Skywalker

  2. Top | #2
    * Utente GOLD * L'avatar di gioto
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    Trieste
    Messaggi
    313
    Mentioned
    9 Post(s)

    Predefinito

    L'impianto nasce come bidonvia monofune a morsa fissa Leitner, sostitutiva di un impianto analogo di costruzione Graffer.
    Da parecchi anni, ogni inverno le cabine vengono sostituite con seggiole biposto Doppelmayr (mantenendo gli stessi morsetti e la distanziatura e conseguentemente la portata) in modo da rendere più facile l'utilizzo da parte degli sciatori. Non sempre però d'estate ritroviamo le cabine.
    Nei primi anni '90 è stata realizzata da Doppelmayr una "discenderia obbligatoria" a metà percorso, in modo da non fare utilizzare più la parte superiore della pista, giudicata troppo pericolosa.
    Dovrei avere qualche foto.... :wink:

  3. Top | #3
    * Utente GOLD * L'avatar di giorgio
    Data Registrazione
    Aug 2003
    Località
    Bologna
    Messaggi
    374
    Mentioned
    1 Post(s)

    Predefinito

    Ho visto diverse volte la pista della Forcella Staunies, ma non l'ho mai percorsa. Ti posso dire che la parte bassa non appare particolarmente difficile, almeno rispetto ad altre piste nere. La parte alta invece era veramente molto pericolosa. Era ripidissima, stretta fra le rocce e attraversata a metà dal tracciato dell'impianto (con relativi piloni). Mi sono state riferite delle cose terribili. Si dice che se uno cadeva nella parte alta, poi rotolava fino al rifugio alla partenza della seggiovia. Per questa ragione misero delle reti di protezione, che erano disposte proprio lungo la pista e la tagliavano trasversalmente. Ma neanche queste spesso erano sufficienti. Molte persone sono morte su quel tracciato, anche esperte e molto note nell'area cortinese.
    G**RG**

  4. Top | #4
    * Utente GOLD * L'avatar di gioto
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    Trieste
    Messaggi
    313
    Mentioned
    9 Post(s)

    Predefinito

    Dopo affannose ricerche, ho trovato alcune foto scattate nel 1991...




    ...compresa una insolita inquadratura della discenderia

    (si noti la presenza dei vecchi piloni Leitner "riciclati" come basamento)

    Ciao!
    Giovanni

  5. Top | #5
    * Utente GOLD * L'avatar di Skywalker
    Data Registrazione
    Jun 2004
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,696
    Mentioned
    8 Post(s)

    Predefinito

    Belle foto ,grazie! Sorprendente il sistema di rulli appoggio-ritenuta della discenderia che a dire il vero non sembra molto stabile...Quindi la parte superiore del Canalone non si può fare?!? :o E che ce vado a fà a Cortina
    allora?
    Skywalker

  6. Top | #6
    Utente Junior
    Data Registrazione
    Jan 2004
    Località
    Veneto
    Messaggi
    103
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    La parte alta invece era veramente molto pericolosa. Era ripidissima, stretta fra le rocce e attraversata a metà dal tracciato dell'impianto (con relativi piloni). Mi sono state riferite delle cose terribili. Si dice che se uno cadeva nella parte alta, poi rotolava fino al rifugio alla partenza della seggiovia. Per questa ragione misero delle reti di protezione, che erano disposte proprio lungo la pista e la tagliavano trasversalmente. Ma neanche queste spesso erano sufficienti. Molte persone sono morte su quel tracciato, anche esperte e molto note nell'area cortinese.
    Anche io non l'ho mai percorsa. Quest'anno una mattina ero partito per andare al Faloria ma a Feltre il richiamo di Arabba e del passo Pordoi ha vinto. Ho sentito che ci sono delle reti poste di traverso ma non ho informazioni sul fatto che sia aperta solo fino a metà o tutta.
    So che la pista viene aperta solo da fine febbraio iin poi e non so il perchè.

    Ci sono persone che sanno se è ancora aperta? E quando?
    Quest'anno la devo per forza fare!
    Pista forcella Staunies e Creste Bianche
    Ciao.

  7. Top | #7
    New entry
    Data Registrazione
    Feb 2004
    Località
    Conegliano [TV]
    Messaggi
    35
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    Confermo, anche io avevo sentito che d'estate vengono tolte le seggiole per trasformarla in bidonvia (le cabine, o meglio i bidoni, sono ammassati proprio dietro alla stazione di partenza d'inverno e sono chiaramente visibili.

    La seconda parte delle pista sinceramente non la consiglierei a nessuno perchè vedendo delle foto fatte da sopra ma anche solo dando un'occhiata da sotto ti posso assicurare che è un suicidio cmq parlando con un adeetto alla seggiovia quest'inverno mi ha detto che di solito la aprono solo verso febbraio perchè è troppo ripida e risulta praticamente impossibile spalare la neve quindi oltre ad essere ripidissima e in mezzo alle rocce c'è pure l'incognita neve che non è battuta dagli appositi mezzi.
    Differentemente dalla vertigine bianca (sempre a cortina loc Duca d'Aosta) dove il gato delle nevi lavora ancorato con una fune alle rocce circostanti per battere la pista (tranne i bordi che vengono battuti a mano, anzi, a pala, dal personale).

    Tornando alla Forcella la prima parte non è poi particolarmente difficile (tranne quest'inverno dove in 10 minuti la visibilità è diventata = a zero allora non si vedevano nemmeno la punta degli sci) cmq se hai una buona esperienza di sci la fai tranquillamente, sempre che tu riesca a salire sulla seggiovia senza farti male viste le stecche che tira!

    Ciao

  8. Top | #8
    * Utente GOLD *
    Data Registrazione
    Aug 2003
    Località
    Roma
    Messaggi
    647
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    Anche io l'ho fatta la forcella staunies però mi ricordo che c'era parecchia neve, altrimenti l'avrebbero chiusa...è la pista più difficile che abbia mai fatto, insieme alla saulire di courchevel, con l'unica differenza che a courchevel se andavi in derapata con gli sci, prima o poi ti fermati contro qualche gobba...mentre sullo staunies c'era propio da farsela sotto...è indispensabile avere un ottimo controllo degli sci e saper curvare stretto (evitare assolutamente di predere velocità), altrimenti è meglio lasciar perdere

  9. Top | #9
    Curioso
    Data Registrazione
    Jul 2004
    Località
    Milano
    Messaggi
    1
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da giorgio
    Ho visto diverse volte la pista della Forcella Staunies, ma non l'ho mai percorsa. Ti posso dire che la parte bassa non appare particolarmente difficile, almeno rispetto ad altre piste nere. La parte alta invece era veramente molto pericolosa. Era ripidissima, stretta fra le rocce e attraversata a metà dal tracciato dell'impianto (con relativi piloni). Mi sono state riferite delle cose terribili. Si dice che se uno cadeva nella parte alta, poi rotolava fino al rifugio alla partenza della seggiovia. Per questa ragione misero delle reti di protezione, che erano disposte proprio lungo la pista e la tagliavano trasversalmente. Ma neanche queste spesso erano sufficienti. Molte persone sono morte su quel tracciato, anche esperte e molto note nell'area cortinese.
    Io l'ho fatta una volta la parte alta della pista alcuni anni fà mi sembra 4 o 5, spesso la gente moriva soprattutto schiantandosi sui piloni che un tempo erano senza protezioni, la pista generalmente è quasi sempre chiusa, se la aprono l'orario è generalmente dalle 14:00 alle 16:00 del pomeriggio

  10. Top | #10
    MODERATORE L'avatar di melo
    Data Registrazione
    Jan 2004
    Messaggi
    282
    Mentioned
    2 Post(s)

    Predefinito

    Vi posso dire che d'estate le seggiole vengono sostituite dalle cabine. La spiegazione che mi hanno dato li alla partenza è che tira molto vento dopo il primo troncone (dove ci si ferma in inverno) e quindi per i turisti è più comoda una struttura chiusa come un'ovovia che una seggiovia. Io che l'ho presa 3 volte in estate vi posso assicurare che per uno che soffre di claustrofobia non è il massimo e vi posso anche assicurare che la pendenza del canalone è molto elevata!!Un mio amico ha provato a farla a piedi e mi ha detto che è tremenda!

  11. Top | #11
    MODERATORE L'avatar di melo
    Data Registrazione
    Jan 2004
    Messaggi
    282
    Mentioned
    2 Post(s)

    Predefinito Ovovia Cristallo

    Ritornando sul discorso dell'ovovia del Cristallo che d'inverno viene cambiata con una seggiovia, ho trovato una webcam che punta proprio sulla forcella Staunies dove passa l'ovovia. Si riesce anche ad intravedere (freccia nera) la fermata intermedia (se si puo' chiamare così) dove in inverno ci si ferma con gli sci.


  12. Top | #12
    * Utente GOLD * L'avatar di campolino
    Data Registrazione
    Feb 2004
    Località
    Firenze Le Regine (PT)
    Messaggi
    1,499
    Mentioned
    13 Post(s)

    Predefinito

    I piloni, le rulliere e le stazioni sono sicuramente Leitner. Credo anche gli
    ovetti. Anche se questi ovetti, simili li aveva fatti anche Nascivera (es.
    vecchia ovovia Predazzo - Le Rois)

  13. Top | #13
    Utente Junior
    Data Registrazione
    Jan 2004
    Località
    Veneto
    Messaggi
    103
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    io l'impianto l'ho preso sabato scorso e poi ho fatto la discesa della forcella a piedi... Bellissima!
    Una foto della discenderia intermedia.
    Powder Rangers Founder
    Forum sciare dolomiti foto
    W la POUDRE

  14. Top | #14
    Utente
    Data Registrazione
    Jun 2005
    Località
    Cesena (FC)
    Messaggi
    443
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    io l'ho fatta l'estate scorsa. si arriva su in cima alla forcella dove c'e il rif lorenzi. da li partono due bellissime ferrate

  15. Top | #15
    Utente Junior
    Data Registrazione
    Dec 2004
    Località
    Parma
    Messaggi
    131
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    D'inverno si scende all'intermedia.

  16. Top | #16
    Utente Junior
    Data Registrazione
    Jan 2005
    Messaggi
    186
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    Paul78, in questa discussione c'è qualcuno che ha percorso la pista.
    Talvolta d'inverno è aperta. Non sempre c'è l'obbligo per gli sciatori di scendere all'intermedia.

  17. Top | #17
    Utente Junior
    Data Registrazione
    Nov 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    187
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    Confermo quanto detto: l'impianto è una cabinovia biposto Leitner ad attacchi fissi a cui d'inverno vengono attaccate delle seggiole biposto al posto delle cabine per facilitare la salita degli sciatori.
    Le seggiole provengono dalla vecchia seggiovia biposto Doppelmayr "Rio Gere - Son Forca" (identica alla "Padeon" in via di sostituzione), sostituita nel 1995 dall'attuale SA4-S Doppelmayr con carenature Skydancer.
    La stazione intermedia è stata costruita negli anni '90 e vale solo per il ramo in salita (ci sono tra l'altro 3 bellissimi piloni asimmetrici); serve solo d'inverno e solo per far scendere gli sciatori quando la parte alta della pista non è percorribile (cioè quasi sempre), mentre d'estate quest'intermedia viene chiusa e con gli ovetti si arriva fino in cima. Volendo si può arrivare in cima anche d'inverno, ma se la parte alta della pista è chiusa, solo come pedoni!

    A quanto ho sentito, l'impianto (lungo 1925 m. per un dislivello di 770 che lo porta a toccare quota 3000 mslm.) doveva già essere cambiato quest'inverno, ma si è data la precedenza alla nuova SA4-S Doppelmayr "Padeon" a sostituzione della vecchia biposto Doppelmayr.
    Penso proprio che la cambieranno l'anno prossimo (anche se mi dispiace moltissimo, perchè io considero quest'impianto come l'unico "telemix" a morse fisse della storia!).
    L'unica cosa che non so è con cosa la cambieranno; io opterei per un impianto simile a questo, magari una cestovia (per la felicità della Graffer!!).
    Dopotutto la parte bassa della pista non è mai affollata e l'impianto attuale smaltisce bene; per quanto riguarda la parte alta della pista penso che, pur essendo stata classificata come una delle 10 più belle d'Italia dalla Guida dello Sciatore 2001, succederà come con la Forcella del Sassolungo. L'impianto verrà ricostruito sicuramente interamente come risorsa escursionistica, e la parte alta della pista sarà indicata come il Canalone di Madesimo, "itinerario sciistico non battuto".

  18. Top | #18
    * Utente GOLD * L'avatar di giorgio
    Data Registrazione
    Aug 2003
    Località
    Bologna
    Messaggi
    374
    Mentioned
    1 Post(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da staiano11
    Le seggiole provengono dalla vecchia seggiovia biposto Doppelmayr "Rio Gere - Son Forca" (identica alla "Padeon" in via di sostituzione), sostituita nel 1995 dall'attuale SA4-S Doppelmayr con carenature Skydancer.
    Io m ricordo che fino a metà degli anni 80 gli ovetti erano presenti anche d'inverno. Il problema è che un impianto di questo tipo non consentiva fermate intermedie. Successivamente, dopo diversi gravi incidenti in cui morirono anche persone molto note nella zona, venne costruita la discenderia e contestualmente vennero utilizzate le seggiole al posto delle cabine. Non ricordo di preciso l'anno ma di sicuro è stato prima del 1995, quando hanno dismesso la Rio Gere - SanForca. Io ero convinto che le cabine fossero state del tutto eliminate, solo da questo sito ho appreso che d'estate sono ancora utilizzate.
    G**RG**

  19. Top | #19
    * Utente GOLD * L'avatar di campolino
    Data Registrazione
    Feb 2004
    Località
    Firenze Le Regine (PT)
    Messaggi
    1,499
    Mentioned
    13 Post(s)

    Predefinito

    In fondo tornando ai tempi eroici degli impianti a fune, scopriamo che i primo telemix furono gli impianti dello svizzero Constam. Chiamato poi comunemente sistema Constam. Questo sistema lo abbiamo già detto prevedeva lo skilift in inverno ela seggiovia in estate sulla stessa linea.
    Ho visto che in Svizzera esiste ancora qualche raro impianto. Nello splendido "Nel Mondo 2005" Doppelmayr ha sostituito un impianto del genere proprio in Svizzera.

  20. Top | #20
    Utente Junior
    Data Registrazione
    Sep 2004
    Località
    Milano
    Messaggi
    65
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    Se non ricordo male sul finire degli anni sessanta il primo tronco era Graffer e alternava seggiole a bidoni di colore argento. Nessuno ha foto di questo impianto?.Ricordo di averlo visto d'estate e rimasi molto colpito perchè, sebbene fossi piccolo avevo già la passione degli impianti di risalita. Purtroppo non ebbi occasione di ritornarci e quindi di salire su tale impianto così curioso e strano per i tempi di allora.

  21. Top | #21
    * Utente GOLD * L'avatar di gioto
    Data Registrazione
    Sep 2003
    Località
    Trieste
    Messaggi
    313
    Mentioned
    9 Post(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Andrea Gilardoni
    Se non ricordo male sul finire degli anni sessanta il primo tronco era Graffer e alternava seggiole a bidoni di colore argento. Nessuno ha foto di questo impianto?.Ricordo di averlo visto d'estate e rimasi molto colpito perchè, sebbene fossi piccolo avevo già la passione degli impianti di risalita. Purtroppo non ebbi occasione di ritornarci e quindi di salire su tale impianto così curioso e strano per i tempi di allora.
    Entrambe le tratte erano in origine cestovie Graffer (non mi risulta che il primo fosse un impianto misto).
    Purtroppo della prima "Rio Gere - Son Forca" non ho mai visto alcuna foto, mentre ne possiedo un paio della "Son Forca - Forc. Staunies".

    Giovanni T.

    "vuolsi così colà ove si puote ciò che si vuole, e più non dimandare"

  22. Top | #22
    ADMIN L'avatar di Paolo
    Data Registrazione
    Jul 2003
    Messaggi
    18,711
    Mentioned
    52 Post(s)

    Predefinito

    Oggi sono andato su per il cantiere padeon son forca (di cui seguirà speciale) e ho approfittato per un giro sull'ovovia....non so cosa ci troviate di bellissimo se non il panorama (quello si); tutto l'impianto è da rifare, gli anni li dimostra tutti (rulli storti, guarnizioni che mancano, due barrette di rottura per pilone, mancanza delle scarpette raccoglifune, cls in fase di degrado, cabine arrugginite e con vetri rotti...per fortuna che scade nel 2008!); ispira poca fiducia!
    Comunque ho filmato tutto il viaggio e pubblicherò il video tra qualche tempo.

  23. Top | #23
    Gico88
    Ospite

    Predefinito

    Ciao a tutti!

    Questo è il mio primo messaggio.

    Oggi ero con Paolo al cantiere... ed ero con lui quando siamo andati su quei BIDONI della spazzatura, mal ridotti.
    Premettendo che soffro di vertigini, il viaggio non è stato alquanto rilassante. Se guardi la salita, sembra non finire più, se guardi la discesa, preferiresti trovarti a bere un tè con lucifero nell'inferno, piuttosto che essere la sopra!
    Arrivati in cima, dopo oscillazioni del vento e dei tralicci, cigolii e quant'altro ci si può aspettare da un rudere simile, mi ritrovo in un rifugio, che per quanto bello sia il paesaggio sembrava appeso al nulla.

    Non consiglio a nessuno che soffra di vertigini la salita. E' davvero impressionante!

    L'unica foto che ho fatto ad un bidone, è venuta troppo bene per rendere l'idea di quanto fossero degli "scassoni" quei cosi.

    Assolutamente da demolire e rifare completamente!

  24. Top | #24
    ADMIN L'avatar di Paolo
    Data Registrazione
    Jul 2003
    Messaggi
    18,711
    Mentioned
    52 Post(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Sporty
    Piccola domanda: visto che ormai è vicina alla scadenza secondo voi visto che la seconda parte è inutilizzata preferiranno rifarla con un piccolo impianto a morse fisse che arrivi all'intermedia o la rifaranno con un'impianto più costoso fino alla cima con intermedia?
    Soluzioni fattibili:
    - seggiovia biposto fissa carenata con motrice a valle
    - agganciamento quadriposto/biposto (da valutare con geologi la stabilità e fattibilità delle fondazioni, per dimensioni fattibile)
    - funifor monolinea (problemi di statica come agganciamento, da valutare con piccola cabina)

  25. Top | #25
    * Utente GOLD * L'avatar di dany80
    Data Registrazione
    Jan 2004
    Località
    Prov.Treviso
    Messaggi
    673
    Mentioned
    1 Post(s)

    Predefinito

    per arrivare alla partenza della cabinovia bisogna prendere altri impianti oltre alla seggiovia "Rio Gere - Son Forca"

  26. Top | #26
    * Utente GOLD * L'avatar di giorgio
    Data Registrazione
    Aug 2003
    Località
    Bologna
    Messaggi
    374
    Mentioned
    1 Post(s)

    Predefinito

    Dany, dipende: se arrivi con la macchina fino a Rio Gere, dove c'è un ampio parcheggio, la risposta è no. D'estate quindi è facile arrivare a prendere la bidonvia, da Cortina a Rio Gere occorrono circa venti minuti in macchina.
    D'inverno invece (quando è attiva la seggiovia sullo stresso tracciato) la strada è piuttosto brutta, specie se è freddo e c'è ghiaccio. Conviene quindi salire dal centro di Cortina con la funivia del Faloria, e poi scendere con gli sci verso sinistra. Quando andavo, io preferivo sempre perciorrere l'ultimo tratto di discesa fino a Rio Gere in seggiovia, perché la pista aveva lunghi tratti in piano e si rischiava di dover spingere molto. Ultimamente però, a quanto mi risulta, alcune migliorie hanno consentito di superare questi inconvenienti.
    G**RG**

  27. Top | #27
    Utente Junior
    Data Registrazione
    Nov 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    187
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    Ma perchè non sostituirla con una cestovia?

    Secondo me è il tipo di impianto più adatto per un percorso del genere: dopotutto il grosso dell'utilizzo viene dagli escursionisti che la prendono d'estate per andare a fare le ferrate sul Cristallo, dato che il canalone è franoso e non si percorre a piedi. L'unico neo sarebbe l'utilizzo invernale da parte degli sciatori, ma comunque non mi mai è sembrato che la "Staunies" - anche nella parte inferiore - sia una pista così tanto frequentata...

    Dite pure quello che volete ma rimane uno dei miei impianti preferiti!!



    CIRO

  28. Top | #28
    MODERATORE L'avatar di melo
    Data Registrazione
    Jan 2004
    Messaggi
    282
    Mentioned
    2 Post(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da staiano11
    Ma perchè non sostituirla con una cestovia?

    Secondo me è il tipo di impianto più adatto per un percorso del genere: dopotutto il grosso dell'utilizzo viene dagli escursionisti che la prendono d'estate per andare a fare le ferrate sul Cristallo, dato che il canalone è franoso e non si percorre a piedi. L'unico neo sarebbe l'utilizzo invernale da parte degli sciatori, ma comunque non mi mai è sembrato che la "Staunies" - anche nella parte inferiore - sia una pista così tanto frequentata...

    CIRO
    Concordo con te sul fatto che in inverno sarebbe scomodo per via degli scarponi da sci! Tutti che cadono nello scendere. Personalmente non la troverei comoda in estate. Nella forcella tira un forte vento e anche con gli ovetti te ne accorgi...
    Moderatore di: Nuovi impianti

  29. Top | #29
    Utente Junior
    Data Registrazione
    Apr 2005
    Località
    London Ontario - Canada
    Messaggi
    104
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    Bene per quest'estate, vi consiglio di prendere la seggiovia salire al Rifugio Lorenzi e da li percorrere la ferrata che porta in cima al Cristallo, da lassu' spettacolo indimenticabile!

    bye Cariboou!

  30. Top | #30
    Utente Junior
    Data Registrazione
    Aug 2004
    Località
    Hannover
    Messaggi
    93
    Mentioned
    0 Post(s)

    Predefinito

    Gli ovetti dell'ovovia sono stati costruiti da Fibercar Piacenza. Questo tipo di cabina è stato usato su molti impianti differenti dai fornitori differenti (Troyer, Leitner, Nascivera e una Marchisio). Quanto a me ci è niente più alesaggio che una seggiovia a morse automatica , questo ovovia è naturalmente uno dei miei impianti del favorito. Mi rammarico molto, quello che la discesa non è mai aperta. La maggior parte delle discese in Dolomiti Superski sono estremamente facili, in modo da sarebbe molto interessante avere qualche cosa di differente. Stesso va per Sassalungo.

    Preferisco questo stile del pista:

    Cliccate per l' > Indice degli immagini e rapporti < degli uttenti dello mio forum - viaggi nelle alpi, estate come inverno.

Pagina 1 di 12 1234511 ... UltimaUltima

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
NOTA Il forum è un luogo di discussione dove ogni intervento rappresenta il punto di vista del singolo utente che l'ha inserito. Ogni utente è responsabile del contenuto dei propri messaggi; il forum non è pre-moderato, l'amministrazione non si assume quindi nessuna responsabilità sui messaggi inseriti dagli utenti. E' vietata la riproduzione di qualsiasi contenuto digitale o di citazione dei messaggi della community su altri media/web/riviste senza la nostra autorizzazione scritta. Tutti i contenuti di Funivie.org sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported. E' vietato l'utilizzo degli stessi per fini commerciali senza nostra autorizzazione scritta.La consultazione di Funivie.org è completamente gratuita. Qualunque testo vi appaia non ha alcun tipo di cadenza predeterminata ne predeterminabile. Non è una testata giornalistica, non esiste editore. Disclaimer. Questo sito si serve dei cookie per fornire servizi. Utilizzando questo sito acconsenti all'utilizzo dei cookie. Maggiori Informazioni
SITO MOBILE - SITO CLASSICO